Ascoltai il disco di Beniamino Gigli e rimasi folgorato dalla lirica

( Alessandra Giorda) Cresce sempre  più in Sicilia l’attesa per il tenore delle Canarie, che dopo aver ricevuto consensi di pubblico e critica a Monte-Carlo lo scorso dicembre come protagonista de I Puritani di Bellini, sbarca al Teatro Massimo di Palermo con il medesimo ruolo (13, 15, 17 e 19 di aprile). Celso Albelo è uno dei tenori del momento richiestissimo dai teatri di tutti il mondo. Da Oriente a Occidente colleziona successi ed il pubblico lo applaude senza esitazione. Specialista indiscusso del bel canto si cimenta con altri repertori ed è subito successo. Nell’intervista a seguire, ricca di racconti di vario genere, il tenore di Santa Cruz de Tenerife, mette in luce il suo impegno per il ruolo di Arturo Talbo ne I Puritani, dove le difficoltà sono molteplici. Pur essendo una Star della lirica, conserva la genuinità e simpatia da renderlo il ragazzo della porta accanto. Un vero piacere colloquiare con lui, ricordare i primi passi mossi nella musica, quando non ancora vent’enne, come molti coetanei, si diverte a suonare la chitarra e la decisione di prendere lezioni per imparare a cantare le canzonette del momento, cambierà per sempre la sua vita. La sua è la storia di un ragazzo comune proveniente da una famiglia modesta che può essere un esempio per molti ragazzi che vogliono intraprendere la carriera in campo lirico e credono siano necessari ingenti possibilità economiche ed anche per quelli che credono che questo genere musicale sia solo per una cerchia ristretta.

La sua agenda è ricca di appuntamenti che commenta con attenzione. Il suo nuovo Album Íntimamente è vendutissimo e racconta molto di lui e di ricordi che hanno segnato la sua infanzia con il grande amore per la musica folcroristica spagnola e  sudamericana come il suo intimo amico, il tenore Jorge de Léon.

 

 

Si avvicina la data per il “tuo” Arturo Talbo ne I Puritani al Massimo di Palermo. L’adrenalina sale, sei pronto?

E’ sempre una grossa responsabilità ogni volta affrontare un ruolo come questo. Per la mia vocalità siamo all’estremo delle possibilità umane e cantare nel teatro più bello del mondo è un piacere ed un input notevole.

Quali sono le difficoltà di questo ruolo, oltre alla vocalità? 

Le  difficoltà sono varie oltre quella riguardante l’estensione della voce che raggiunge il limite umano,  l’interpretazione è fondamentale ed è molto complesso  dosare bene l’amore verso la Patria e verso la donna che deve essere attraverso la voce molto bene colorato per riuscire a dare lo smalto giusto per questo  magnifico ruolo.

Ad ottobre prossimo, con lo stesso ruolo, sarai sul prestigioso palco del Gran Teatre del Liceu di Barcellona. Riscontri differenze tra Italia e Spagna per quanto riguarda il pubblico?

La responsabilità è massima. Sono nato in Spagna, ma lavorativamente sono italiano il mio insegnante è stato Carlo Bergonzi e poi sono cresciuto accanto al Maestro Nello Santi. La tradizione di tenori spagnoli ed italiani non può passare inosservata. Per me cantare al Massimo che è in Sicilia che è  un’isola ed io come isolano di Santa Cruz mi identifico, poi andare a Barcellona nel teatro dove sono passati grandi nomi come Placido Domingo e Josè Carreras ritengo essere la mia responsabilità ai massimi livelli. Speriamo di uscirne vivo ! ( ride ). Il pubblico spagnolo e quello italiano hanno molti punti in comune, poichè entrambi apprezzano la sincerità del canto.

Sei uno degli esponenti di grande rilievo sul panorama lirico internazionale del bel canto, ma anche un eccellente esploratore di altri repertori come quello francese che vedrà il tuo debutto a Valladolid nel Romeo e Giulietta di Gounod. Come commenti?

E’ un linguaggio musicale diverso con chiavi diverse però una volta che approfondisci bene lo studio del ruolo e del repertorio, puoi trarre grandi soddisfazioni.

Dal bel  canto al repertorio francese per approdare a quello verdiano, a fine maggio al San Carlo di Napoli, con Alfredo ne La Traviata. Ci sono similitudini tra Celso e Alfredo? Cosa ti piace di lui?

Direi cosa non mi piace ( ride). Alfredo non ha una personalità molto forte. Sempre sottomesso a due forti caratteri come quello del padre e poi di Violetta. Incapace di prendere la decisione giusta. Quella che prende è sempre sbagliata. Purtroppo molti uomini sono come lui, ma anche donne. Direi che non ci sono distinzioni di sesso in questo caso. Personalmente non sono come Alfredo.

Tra le tue passioni si evince quella per la musica popolare spagnola e sudamericana che prende corpo nel bellissimo album dal titolo Íntimamente by Sony. Raccontaci come nasce questo album.

Sono nato alla Canarie dove musicalmente il folclore è molto forte. Sia io che il mio grande amico, Jorge de Léon (tenore) abbiamo mosso i primi passi con questa musica. Abbiamo entrambi scoperto la nostra voce con essa. In più l’emigrazione dalle Canarie al Sud America è stata copiosa. Per me e Jorge quando sentiamo queste musiche rammentiamo momenti speciali della nostra vita. Nel CD c’è una canzone dal titolo Ay Ay Ay che sono quattro strofe, io ne ho scelte due che erano quelle che mio nonno cantava a mia nonna. Altre sono le canzoni che in questo CD mi legano al mio vissuto e per questo il titolo Íntimamente . Il colore scelto del disco è un colore terroso, tipico della Spagna, Canarie e Sud America ed il blu è il colore del mare che la gente pensa che divide due Paesi, ma per noi isolani  li unisce. C’è anche un omaggio molto importante a quello che sono stato io e continuo ad essere. https://www.lafeltrinelli.it/musica/cd-album/celso-albelo-intimamente/0889854661625

 https://www.amazon.it/Celso-Albelo-Intimamente/dp/B073SDR3ZP

Hai cantato nei teatri più importanti del mondo dopo il 2006 anno che segna la tua ascesa nell’Olimpo della lirica. Qual è il tuo prossimo obiettivo?

Ogni volta che mi fanno questa domanda ricordo l’emozione e l’illusione che avevo da ragazzo. Cantare per me  era ed è sinonimo di felicità . Cantare è bello per chi canta e per chi ascolta. Mi sono esibito al Metropolitan di New York, alla Scala di Milano, a Royal Opera House di Covent Garden a Londra, alla  Staatsoper di Vienna…. senza dubbio i teatri più importanti del mondo, ma io rimango sempre quel ragazzo semplice e genuino che non avrebbe mai pensato di raggiungere i traguardi di oggi. Certo ora sento una grande responsabilità, ma lotto per non perdere quella freschezza che avevo da ragazzo che poi è quella che mi regala la vera felicità.

Hai ricevuto moltissimi premi e riconoscimenti tra i quali nel 2013 la medaglia d’oro delle Isole Canarie da parte del Governo Insulare e a maggio 2016 è stato nominato Figlio Prediletto dal Comune di La Laguna (Isole Canarie). Quali emozioni provi quando sei riconosciuto per la tua carriera?

Il detto recita: ” Nessuno è profeta in Patria” e quando lo si  è la  gioia è  profonda ed al contempo  la responsabilità è grande. Provengo da una famiglia normale che non era particolarmente affezionata alla musica classica e l’opera lirica mi ha cambiato la vita. La musica e la cultura rendono le persone migliori, di questo ne ho ferma convinzione. Quindi quando sei un’artista che hai una grande visibilità hai una maggiore responsabilità nei confronti delle persone e soprattutto dei giovani,  perchè sei un esempio per loro. La musica classica e l’opera lirica devono arrivare a tutti anche a quelli che pensano di non avere l’opportunità di coltivare  questo tipo di cultura. C’è chi crede che, essendo cresciuto in un ambiente popolare, questo genere non fa per lui o chi non ha le disponibilità economiche e ritiene che per intraprendere la carriera lirica necessiti parecchio denaro. Tutte scuse con le quali mi scontro quando ricevo dei riconoscimenti o premi ed incontro persone che mi dicono quanto poc’anzi ho menzionato. Sono felice che  la gente comune si identifichi in me e quando mi incontra afferma: ” …ma sei una persona normale, ridi, scherzi sembri uno di noi” Certo sono una persona come tutti ! Sarebbe da studio sociologico capire cosa passa nella testa della gente riguardo un cantante lirico o un artista di musica classica.

Come è stato il tuo approccio con la lirica provenendo da una famiglia non avvezza a tal genere?

( Nuovamente ride) Suonavo la chitarra e canticchiavo, ma spesso rimanevo afono e questa cosa non mi andava, quindi decisi di prendere lezioni di canto da una professoressa che conoscevo, avevo 19 anni. Volevo cantare le canzonette. Lei molto abilmente, dopo aver preso coscienza della mia voce, mi ha condusse dove aveva stabilito. Pensa che non sapevo leggere nemmeno la musica! Lei mi lasciò un disco di Beniamino Gigli e si raccomandò che lo ascoltassi. Le dissi che avrei sentito questo signore. Non sapevo minimamente chi fosse. Quando ascoltai il disco diventai matto. Era stupendo, mi innamorai della lirica immediatamente. Man mano iniziai a studiare musica e passo dopo passo percorsi la lunga strada che oggi mi ha portato dove sono.

 

 

(Visited 1 times, 1 visits today)

Alessandra Giorda - P.IVA 11290670014

Realizzato da Escamotages