Il debutto dell’enfant prodige Alexander Malofeev diretto dal coreano Myung-whun Chung

Valery Gergiev lo ha definito un talento destinato a entrare molto presto nel novero dei grandi artisti della scuola pianistica russa. È l’enfant prodige Alexander Malofeev: il protagonista dell’ultimo concerto della stagione 2017/2018 dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in programma martedì 29 maggio alle 20.30 (turno rosso) all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, con trasmissione in diretta su Radio3. Vincitore del Premio Čajkovskij di Mosca nel 2014, a soli sedici anni vanta già importanti riconoscimenti e una folgorante carriera da solista, che dalle apparizioni ai teatri Bol’šoj e Mariinskij lo ha portato a esibirsi con direttori quali Kazuki Yamada, Dmitry Liss e Vladimir Spivakov. Attualmente studia all’Istituto per Giovani Musicisti “Gnessin” di Mosca sotto la guida di Elena Berezkina. Per il suo debutto con l’Orchestra Rai propone la Rapsodia su un tema di Paganini op. 43 per pianoforte e orchestra di Sergej Rachmaninov, scritta di getto nell’arco di un mese ed eseguita a Baltimora il 7 novembre 1934 dall’autore stesso sotto la direzione di Leopold Stokowski. Brano brillantissimo del Rachmaninov popolare e hollywoodiano degli ultimi anni, la Rapsodia elabora in ventiquattro variazioni il celebre tema dell’ultimo Capriccio per violino solo di Paganini, già prediletto da Liszt e Brahms. Con il suo virtuosismo smagliante ricco di suggestioni espressive, contribuì a sancire la fama del compositore presso un pubblico che, ormai alle soglie del secondo conflitto mondiale, lo considerò l’ultimo grande romantico.

Continua...

All the works I did are my favourites because I do have my soul in each and every peace of drawings I did

( Alessandra Giorda) Among the most important artists on international landscapes, Sijin Gopinathan stands out for his creativity and excellent skill. His drawings are precious ! Sijin is highly passionate UI Designer and Illustrator, based in Dubai. Needless to say he is sensitive to art and designs. His goal is to become the most sought after designer. In an industry, that caters to design interfaces for the Web, Mobile App, Brand Identity, illustration or painting, he wants to leave his impression.

In the interview to follow he tells with passion his work and next goals.

Will you describe your job, please?
I’m Sijin Gopinathan Im an Artist by passion and User Interface(Web/Mobile app) Designer by profession. The creative field is always a challenge for new artists. Usually at the beginning, we need a proper guidance for choosing the path. I’m so fortunate to have a guide, my mentor Mr. Reghunathan, who guided me properly.
But here in Dubai, the situation was very different. I saw a varieties of art forms from different nationalities and honestly, the healthy competition was really high. At that point, I realised, the regular art forms can’t be noticeable and hence decided to carve and develop a trademark style, as a result iam getting good opportunities now.

Do you a have a favorite painting?
All the works I did are my favourites because I do have my soul in each and every peace of drawings I did. I was fortunate to saw many paintings from the great Artist “Raja Ravi Varma”from my childhood itself. His works inspired me to do real and fantasy themed paintings. But now I’m concentrated in Mural/Doodle art and some contemporary abstract painting.

 

Where do you get inspiration for your paintings?
Iam a keen observer of the nature, society and cultural diversities of the people who surrounds me. Most of my works are a real depiction that reflects from the same. Some of my works including the “Mother Nature, Motherhood, The Vision, Gift of Life, the Saint etc are the real life characters. My style of artwork is a mix of Fantasy and Realism in a positive way, and I want to spread the positive vibes through my artworks. My home country India has a rich source of culture and has more than 2000 years of traditional growth and all these are more enough to inspire an artist like me. Moreover, the most inspiring quote from Van Gogh – “I dream my painting and I paint my dream”

 

 Will you describe this technique and why you chose this subject, Martin Luther King ?
“Darkness cannot drive out darkness; only light can do that.”
I created Martin Luther King artwork based on #MLK50 campaign together with the Ajala Project for his 50th year death anniversary and It got good response from United states through my instagram (@sijingopinathan). I used the doodle techniques to create this artwork. Its commonly know as line arts, now a days doodle art form is getting more popular in the middle east.

What it means to paint for you?
As I said before Art is my Life and passion, as the famous words “The creative adult is the child who survived” says, I’m happy that I survived by the help of my parents since they allowed me to follow and chase my dreams and create beautiful artworks. Now Iam really working hard that iam painting and doing art work each and every night to early morning to create my signature to the world. My subjects are related to Woman, Fantasy and Greenary and also, is a learning process for me. So I always find time to connect and discuss with new artists and love to give guidance to the upcoming artists for their improvement. I never waste any chance to learn new things to develop my skills.

I really believe that these capabilities are Godly grace and iam always happy to share my little knowledge to the emerging artist so that I created an Art group called @Doodleartistworldwide where my inspirational works are added and created a platform to motivate the emerging quality Artists around the world, which includes group activities etc.

What emotions did you feel when you paint?
To be honest, it’s beyond the words. Actually, its a mix of emotions and while working on an art project, I always care to spread the positive thoughts because I won’t encourage negativity and another reason is that, a good percentage of the world loves to buy encouraging and positive themed works. So for an artist, his survival some times makes him to cheat himself and force him to do the same style only.

What are your next goals?
Im working on few concepts art and improving my creative techniques to develop new art projects. One among them is “The Gold” art series and after that planning to do few solo exhibitions this year in Dubai and hopefully coming years in Paris and Singapore. As an Artist/Designer, I need to help my fellow artists too, so Im designing a website named call Theeartist.net, it’s under progress and it will be helpful for the unknown artists around the world to get news, artworks and get noticed through the web platform. Happy thing is that, its free of cost to the artist. I personally know lot of unbelievable talents from rural parts of India and I need to add them to the web platform. This will gonna be my big project and few of my web developing friends offered me help to develop the non profitable creative platform.

Il capolavoro di Wagner “l’Olandese Volante” diretto da James Conlon

Richard Wagner la definì il primo dramma musicale con cui cominciò la sua carriera di “poeta” e terminò quella di “librettista”. È l’opera romantica Der fliegende Holländer (L’Olandese volante), al centro del concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in programma giovedì 24 maggio alle 20.30 (turno rosso) all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. Proposto in forma di concerto, il lavoro prosegue il ciclo delle grandi opere wagneriane inaugurato la scorsa stagione dal Direttore principale James Conlon con il primo atto della Walküre. Ad interpretarlo, insieme al Direttore principale Conlon, un cast di voci internazionali di sicuro prestigio come il baritono Tómas Tómasson (L’Olandese), il basso Kristinn Sigmundsson (Daland), il soprano Amber Wagner (Senta), il mezzosoprano Sara Murphy (Mary), il tenore Rodrick Dixon (Erik), il tenore Matthew Plenk (timoniere di Daland), affiancati dal Coro Filarmonico Slovacco e dal Coro Maghini.

Quarta opera wagneriana dopo quelle della giovinezza, rappresentata per la prima volta a Dresda il 2 gennaio 1843, l’Holländer è il primo lavoro cui il compositore imbocca la via maestra della propria estetica. La concezione del libretto, adattamento dello stesso Wagner da una novella di Heine (Die Memoiren des Herrn von Schnabelewopski), si riallaccia alla leggenda nordica dell’Olandese volante, condannato dal demonio a vagare in eterno per i mari. Solo il vero amore di una fanciulla potrà rendergli la pace, ma solo ogni sette anni gli è concesso di scendere a terra per cercarla. Ed egli la troverà nell’eroina Senta, con la quale finalmente ascenderà in spirito nei cieli, mentre la sua nave fantasma sprofonderà negli abissi. La vicenda contiene tuttavia anche elementi autobiografici, ricavati dall’impressione suscitata dal ricordo della tempesta in cui Wagner si trovò coinvolto nell’estate del 1839, durante il viaggio avventuroso compiuto a bordo di un mercantile da Riga a Londra.

Continua...

Il Presidente della Repubblica ha nominato James Conlon Commendatore della Repubblica Italiana

Il maestro James Conlon, che ha appena finito di dirigere con grande successo al Teatro dell’Opera di Roma le recite del Billy Budd di Benjamin Britten, è stato insignito dal Presidente della Repubblica dell’onorificenza di Commendatore.

Il maestro Conlon è frequentemente attivo in Italia, dove tra l’altro è direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2016, e ha inoltre una vasta notorietà internazionale (attualmente è Direttore musicale dell’Opera di Los Angeles). Specialista della musica di Benjamin Britten, ne ha recentemente diretto, all’Opera di Roma, il Sogno di una notte di mezza estate e due grandi parabole evangeliche, Curlew River e The Prodigal Son. Il maestro, onorato di ricevere questo titolo prestigioso, si è detto felice di vedere così riconosciuto il suo impegno nell’attività musicale del nostro Paese. “Non solo sono legato all’Italia per la sua bellezza e per la sua grande tradizione musicale – ha dichiarato il maestro Conlon – ma anche, essendo discendente da avi italiani e avendo quindi una parte di sangue italiano, l’accoglienza e riconoscimento hanno un significato particolare per me.”

Comunicato Stampa

Sold out per Riccardo Muti per la prima volta sul podio dell’Auditorium Giovanni Agnelli

Sold out per Riccardo Muti, nell’appuntamento che mercoledì 30 maggio 2018 alle 20.30 chiude la rassegna 2017-2018 dei Concerti del Lingotto e vede per la prima volta il direttore napoletano salire sul podio dell’Auditorium Giovanni Agnelli (via Nizza 280, Torino) per Lingotto Musica. Già direttore musicale del Maggio Musicale Fiorentino (1968-1980), della Philharmonia Orchestra di Londra (1972-1982), della Philadelphia Orchestra (1980-1992), del Teatro alla Scala (1986-2005, è sua la più lunga direzione musicale nella storia del Teatro milanese) e dal 2010 della Chicago Symphony Orchestra, ha esordito a soli trent’anni, dietro invito di Herbert von Karajan, sul podio del Festival di Salisburgo alla testa dei Wiener Philharmoniker, formazione a cui lo lega un rapporto assiduo e particolarmente significativo da quasi cinquant’anni. Innumerevoli i riconoscimenti a lui tributati, nel corso di una carriera che lo ha visto dirigere tutte le principali orchestre del mondo nelle più prestigiose sedi.
Sotto la sua guida l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, formazione da lui fondata nel 2004 e composta da musicisti italiani tutti di età inferiore ai trent’anni, selezionati attraverso centinaia di audizioni da una commissione costituita dalle prime parti di prestigiose orchestre europee e presieduta dallo stesso Muti.
Il programma della serata è dedicato alla musica orchestrale degli operisti italiani nella seconda metà dell’Ottocento, passando in rassegna pagine di Giacomo Puccini (Intermezzo da Manon Lescaut), Pietro Mascagni (Intermezzo da Cavalleria rusticana), Ruggero Leoncavallo (Intermezzo da Pagliacci), Alfredo Catalani (Contemplazione), Umberto Giordano (Intermezzo da Fedora) e Giuseppe Martucci (Notturno op. 70 n. 1); un repertorio di musiche in cui la cantabilità italiana si fonde con il modello wagneriano della “melodia infinita” e le sue libere articolazioni. Interamente dedicata a Giuseppe Verdi la seconda parte del programma con le musiche strumentali tratte dai Vespri siciliani. Si comincia con il ballo delle Quattro stagioni, la più lunga composizione strumentale di Verdi, incastonata nell’Atto III dell’opera, “secondo la consuetudine dell’opera francese che esigeva la presenza del balletto come diversivo musicale e spettacolare”. Sempre dai Vespri siciliani, a conclusione della serata, la celebre Sinfonia, scritta secondo un modello rossiniano assunto da Verdi con varianti, in cui fanno capolino le idee tematiche più significative che saranno utilizzate da Verdi nel corso dell’opera.

Il concerto è preceduto da una conferenza introduttiva di Paolo Gallarati che si svolge alle 18.30 nella Sala Berlino del Centro Congressi del Lingotto. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
I biglietti del concerto sono esauriti. Eventuali ingressi non numerati in vendita secondo disponibilità un quarto d’ora prima del concerto a 20 euro. Per informazioni: 011 6677415 oppure www.lingottomusica.it

La stagione 2017-2018 è resa possibile grazie al sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore), Fondazione CRT, Maserati, Reale Mutua, Banca del Piemonte, Lingotto, IPI, Lavazza, Sadem Arriva, Vittoria Assicurazioni, Acqua Sant’Anna, UBI Banca, AON, Banca Sella, Iren.
Orchestra Giovanile Luigi Cherubini

Riccardo Muti direttore

Alfredo Catalani (1854-1893)
Contemplazione

Pietro Mascagni (1863-1945)
Intermezzo da Cavalleria rusticana

Ruggero Leoncavallo (1857-1919)
Intermezzo da Pagliacci

Giacomo Puccini (1858-1924)
Intermezzo da Manon Lescaut

Giuseppe Martucci (1856-1909)
Notturno op. 70 n. 1

Umberto Giordano (1867-1948)
Intermezzo da Fedora

Giuseppe Verdi (1813-1901)
Ballabili dell’Atto III da I vespri siciliani: Le quattro stagioni
Sinfonia da I vespri siciliani

Conferenza introduttiva di Paolo Gallarati alle 18.30 in Sala Berlino
Comunicato Stampa

Salome torna a diciotto anni di distanza al Teatro Filarmonico di Verona

Domenica 20 maggio 2018 alle ore 15.30 torna al Teatro Filarmonico, dopo diciotto anni di assenza, l’atto unico di Richard Strauss dalla pièce di Oscar Wilde, considerato il primo grande capolavoro musicale del Novecento europeo. Con questo titolo la Fondazione Arena di Verona corona una stagione lirica di successo, in attesa che prenda il via il Festival estivo areniano.

Salome è proposta in un nuovo allestimento affidato alla regia di Marina Bianchi, con le scene di Michele Olcese, i costumi di Giada Masi, i movimenti coreografici di Riccardo Meneghini, il lighting design di Paolo Mazzon e i video di Matilde Sambo.

Nel cast vediamo il debutto di giovani talenti e artisti internazionali che per la prima volta si esibiranno a Verona con l’Orchestra areniana, a cominciare dal Maestro Michael Balke, giovane direttore tedesco molto attivo in patria, negli Stati Uniti e in Giappone, dove da anni esplora sia il repertorio sinfonico che quello operistico.

Repliche: martedì 22 maggio, ore 19.00 – giovedì 24 maggio, ore 20.00 – domenica 27 maggio, ore 15.30.

Com’è bella stanotte la principessa Salome! è il primo verso dell’atto unico di Oscar Wilde, scritto in francese nel 1893 e fiore del Decadentismo di fine secolo, fedelmente trasposto in musica da Richard Strauss nella traduzione di Hedwig Lachmann. E sin dalle prime note il compositore bavarese trasporta il pubblico in una notte orientale, ipnotica e malata, in cui la fremente figliastra di Erode danza seducente al chiaro di luna. Sensualità e presagio di morte convivono per tutta l’opera di Strauss fino alla celebre Danza dei sette veli, il solo mezzo che la protagonista conosce e usa per ottenere ciò che più desidera: baciare le labbra di Giovanni Battista, anche facendo mozzare la testa del profeta. Il culmine dell’estasi amorosa, illuminata da un’orchestra ricchissima di colori e nuance, coincide con il macabro rito che costerà la vita alla stessa Salome.

Il soggetto scabroso, riportato anche nei Vangeli, causò non poche difficoltà al compositore, che dovette attendere il 9 dicembre 1905 per la prima rappresentazione a Dresda, dopo numerosi rifiuti da parte di teatri più centrali degli imperi prussiano e austroungarico. Con Salome Strauss – che godeva della stima del Kaiser e dei colleghi di tutta Europa, e si era già cimentato in due titoli operistici oltre agli importanti poemi sinfonici tuttora in repertorio – sfidava il pubblico con un contenuto provocatorio, mettendo al servizio dell’opera tutto il suo mestiere di fine orchestratore. Ne uscì un atto unico di incessante invenzione melodica e timbrica, tra sinuose melodie e graffianti dissonanze in perfetto equilibrio, per creare l’alone lunare, seducente e inquieto che circonda la fanciulla, ebbra di desiderio. Nonostante il veto persistente di molti teatri anche all’estero, il successo di Salome, accompagnato dallo scandalo, fu e resta travolgente.

Al Teatro Filarmonico di Verona Salome torna a diciotto anni di distanza dall’unica presenza nei cartelloni di Fondazione Arena e lo fa in una veste tutta nuova. Sul podio, debuttante a Verona e nel titolo ma non digiuno del teatro musicale di Strauss, il Maestro Michael Balke: «Questa è la mia prima Salome, anche se ho già diretto Elektra e Der Rosenkavalier. Amo molto gli autori a cavallo tra Ottocento e Novecento, tra Impressionismo ed Espressionismo, come Schrecker e Korngold. In prova c’è un bel clima e molta energia: è un piacere lavorare con questo cast e questa Orchestra. In particolare stiamo curando molto il testo, indispensabile perché Strauss, in ogni battuta, affida allo strumentale un sottotesto che ne rivela il vero significato o anticipa gli avvenimenti. Voglio esaltare ognuno dei colori dell’ensemble orchestrale e dei Leitmotiv dell’opera, che guidano il pubblico e i cantanti nell’inconscio dei personaggi, tra realtà e sogno, anche quando mentono o non cantano affatto».

La regia è di Marina Bianchi, esperta curatrice del teatro di Strehler, Nekrosius, Cavani, Vick, Ronconi, e già creatrice a Verona di un Dido and Æneas di Purcell. Dopo la ripresa da Vick di Manon Lescaut in marzo, torna per firmare in prima persona questa nuova produzione con le scene di Michele Olcese e il lighting design di Paolo Mazzon e con la collaborazione di giovani artisti, quali la costumista Giada Masi, il coreografo Riccardo Meneghini e la videomaker Matilde Sambo, tutti al loro debutto veronese.

«Salome è il mito femminile, trasgressivo, folle, notturno, magico e inafferrabile» afferma la regista, «ma è anche e soprattutto una giovane donna, allevata in un ambiente deviato da una madre incestuosa e lussuriosa, e un patrigno corrotto dalla cupidigia. Come tutti gli adolescenti, non ha ancora delineato in sé esatti confini di genere e brama nell’unico modo che conosce: il desiderio carnale. In quest’opera affollata di triangoli relazionali, Salome desidera Jochanaan, l’uomo puro, l’asceta al di sopra degli impulsi della carne e del vizio, proprio perché il profeta è la nemesi di Erode. La mancata soddisfazione del piacere innesca un cortocircuito di vendetta. Con Michele Olcese, Giada Masi, e insieme a Paolo Mazzon e Matilde Sambo, abbiamo concepito questa notte di incubi e visioni sotto una luna che a poco a poco diventa sangue».

Sul palcoscenico del Teatro Filarmonico la bellezza fatale di Salome sarà portata in scena dal soprano Nadja Michael (20, 24, 27/05), per la prima volta a Verona, e Madina Karbeli (22/05) già apprezzata in ruoli belliniani nelle ultime due stagioni liriche, mentre Jochanaan, il Battista, sarà Fredrik Zetterström, baritono svedese dal vastissimo repertorio, anch’egli al suo debutto al Filarmonico. Anna Maria Chiuri torna nei panni di Erodiade dopo l’acclamata Adalgisa in Norma del 2017. Debuttante con Fondazione Arena anche il giovane tenore veronese Enrico Casari, che interpreterà il capitano Narraboth, follemente innamorato di Salome.

Completano il cast Belén Elvira come Paggio di Erodiade, i Cinque Giudei di Nicola Pamio, Pietro Picone, Giovanni Maria Palmia, Paolo Antognetti, Oliver Pürckhauer, i Due Nazareni di Romano Dal Zovo e Stefano Consolini, i Due soldati di Costantino Finucci e Gianfranco Montresor, l’Uomo della Cappadocia di Alessandro Abis e lo Schiavo di Cristiano Olivieri.

La produzione vede impegnati l’Orchestra e i Tecnici dell’Arena di Verona.

Anche per Salome è prevista l’iniziativa Ritorno a Teatro rivolta al mondo della Scuola all’interno della proposta Arena Young 2017-2018: martedì 22 maggio alle ore 18.00 e giovedì 24 maggio alle ore 19.00 gli studenti delle classi elementari, medie e superiori, i loro familiari, gli insegnanti, i dirigenti scolastici e il personale ATA potranno assistere allo spettacolo a prezzo speciale: € 6,00 per gli studenti e € 12,00 per gli adulti. L’incontro propone anche un Preludio all’Opera, momento introduttivo durante il quale viene spiegata la trama e vengono forniti ai ragazzi elementi utili per la comprensione dello spettacolo, grazie alla partecipazione di alcuni dei protagonisti; segue quindi un aperitivo nel Bar del Teatro.

Per informazioni e prenotazioni:

Ufficio Formazione della Fondazione Arena di Verona

tel. (+39) 045 8051933 – fax (+39) 045 590638 – scuola@arenadiverona.it

Inoltre ricordiamo che la Fondazione Arena di Verona è tra gli esercenti accreditati di 18App e Carta del Docente, dando la possibilità ai giovani nati nel 1999 e ai docenti di ruolo di spendere il proprio Bonus Cultura di 500 euro per acquistare biglietti, open ticket e carnet per gli spettacoli della Stagione Artistica al Teatro Filarmonico e dell’Opera Festival all’Arena di Verona.

Le modalità di registrazione e di attivazione dei buoni sono indicate sui siti www.18app.it e https://cartadeldocente.istruzione.it; mentre per procedere all’emissione del voucher dell’importo corretto è possibile consultare le tariffe nelle pagine dedicate sul sito di Fondazione Arena www.arena.it.
Comunicato Stampa

Il Patrocinio Unesco al 55° Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo

Il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo ha ricevuto – tramite la Commissione Nazionale Italiana – il Patrocinio dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), in considerazione della rilevanza culturale dell’iniziativa intesa a valorizzare il linguaggio della Musica.

Riconoscimento prestigioso, che attribuisce a Cervo un ruolo di rilievo nell’ambito della produzione e della diffusione culturale e colloca il Festival tra le eccellenze artistiche italiane. In concomitanza, la Regione ha erogato lo stanziamento annuale alla manifestazione .
Le parole di Ilaria Cavo, Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche Giovanili e Culturali della Regione Liguria, arrivano immediate e puntuali:


“I miei complimenti vanno a Cervo e al Festival di Musica da Camera per un importantissimo riconoscimento che premia la qualità e, naturalmente, anche la capacità di fare cultura di alto livello. Noi ci abbiamo sempre creduto e ora ci crede anche l’UNESCO: saremo orgogliosi, d’ora in avanti, di vedere il nostro logo accanto a quello di questa autorevole Organizzazione. Il Festival interpreta, in uno scenario incantevole, la cultura ligure e soddisfa in pieno la richiesta della Regione di unirsi ad altre importanti realtà del territorio. La capacità di “fare rete”, in modo proficuo e stimolante, si è incarnata, tra l’altro, in due importantissime collaborazioni – quella con il Teatro Carlo Felice di Genova e quella con il Festival Teatrale di Borgio Verezzi – che, proprio grazie a questa “regionalizzazione”, incentivano e divulgano la cultura di alta qualità in Liguria”.

Immediata anche la reazione del borgo ligure, che ha accolto con orgoglio questo importantissimo patrocinio:
“Siamo felicissimi e fieri di aver ricevuto il Patrocinio UNESCO – dichiara il Sindaco di Cervo Gian Paolo Giordano – attestazione preziosa di stima e valore al lavoro che, con passione e impegno, svolgiamo da ormai 55 anni; il Festival è una manifestazione di alto livello e questo riconoscimento ne è davvero la prova ulteriore e incontestabile”.

Comunicato Stampa

Il Sovrintendente Cecilia Gasdia porta in Oman ed a New York l’Arena di Verona Opera Festival

Il Sovrintendente e Direttore Artistico della Fondazione Arena di Verona Cecilia Gasdia è volato in Oman e negli USA per due importanti appuntamenti che hanno visto protagonista il Festival lirico areniano.

Cecilia Gasdia, lo scorso 9 maggio, è stata invitata nel Sultanato dell’Oman per partecipare alla conferenza stampa di presentazione della Stagione Lirica 2018-2019 della Royal Opera House Muscat. L’Orchestra dell’Arena di Verona, infatti, sarà protagonista dell’evento inaugurale della prossima stagione omanita con uno spettacolo dedicato alla zarzuela e al grande artista Plácido Domingo. A sottolineare il rapporto sempre più stretto tra Fondazione Arena e il Teatro dell’Opera di Muscat – legame avviato nel 2011 con la messa in scena da parte dei complessi artistici areniani di una memorabile Turandot firmata da Franco Zeffirelli e diretta da Plácido Domingo per l’inaugurazione del Teatro, e rinsaldato con diverse trionfali tournée negli anni 2014, 2015 e nel gennaio 2018 – è la scelta di proporre anche al pubblico del Sultanato uno spettacolo ispirato ad una delle serate più suggestive del Festival areniano 2017: Plácido Domingo – Antología de la Zarzuela. Un evento di successo, grazie all’alchimia tra il celebre mito della lirica mondiale, grandi artisti di fama internazionale e le arie più emozionanti della tradizione popolare spagnola.

Continua...

Antonio Pappano torna a dirigere sul podio dell’Auditorium Giovanni Agnelli

Direttore musicale del Covent Garden di Londra dal 2002 e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 2005, Antonio Pappano torna a dirigere sul podio dell’Auditorium Giovanni Agnelli (via Nizza 280, Torino) venerdì 18 maggio 2018 alle 20.30. Nato a Londra nel 1959 da genitori italiani, studia pianoforte, composizione e direzione d’orchestra negli Stati Uniti. Nominato baronetto dalla Regina Elisabetta nel 2012, fra le tappe più prestigiose della sua carriera sono da ricordare i debutti alla Staatsoper di Vienna nel 1993, al Metropolitan di New York nel 1997 e al Festival di Bayreuth nel 1999. Ha diretto molte tra le maggiori orchestre del mondo, tra cui New York Philharmonic, Wiener Philharmoniker, Berliner Philharmoniker, Concertgebouw di Amsterdam, Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks e London Symphony Orchestra. Sotto la sua guida la Chamber Orchestra of Europe, formazione inglese costituita nel 1981 e definita dalla BBC “la migliore orchestra da camera del mondo”. Insieme a loro, armata del suo Stradivari “Dragonetti”, la giovane violinista tedesca Veronika Eberle (che sostituisce Lisa Batiashvili dopo la rinuncia degli ultimi giorni da parte violinista georgiana), classe 1988, ma già all’onore delle cronache internazionali da quando, sedicenne, Sir Simon Rattle la face debuttare al Festival di Salisburgo come solista insieme ai Berliner Philharmoniker.

Continua...

Mariella Devia darà l’addio alle scene liriche interpretando il ruolo della protagonista nella Norma di Vincenzo Bellini

Mariella Devia darà l’addio alle scene liriche interpretando il ruolo della protagonista nella Norma di Vincenzo Bellini al Teatro La Fenice, in occasione della ripresa del titolo belliniano in programma domenica 13 maggio 2018 ore 19.00 (diretta Rai Radio3), mercoledì 16 maggio ore 19.00 e sabato 19 maggio ore 15.30. L’allestimento – che fu progetto speciale della 56a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia – porta la firma dell’artista americana Kara Walker, responsabile artistica di regia, scene e costumi; mentre la direzione musicale è affidata al maestro Riccardo Frizza.
In concomitanza con la sua ultima interpretazione di Norma, Mariella Devia riceverà inoltre il Premio Una vita nella musica 2018: il soprano ligure sarà insignita del prestigioso riconoscimento – creato nel 1979 da Bruno Tosi per celebrare le personalità più illustri della scena musicale internazionale e giunto quest’anno alla sua trentunesima edizione – nell’ambito di una cerimonia di consegna a ingresso libero che avrà luogo lunedì 14 maggio alle ore 12.00 nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice.

Continua...

Alessandra Giorda - P.IVA 11290670014

Realizzato da Escamotages