Il Direttore James Conlon inagura la nuova Stagione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai

È naturalmente affidata al Direttore principale James Conlon l’inaugurazione della Stagione 2017-2018 dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che prende il via venerdì 20 ottobre alle ore 20 all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino (turno blu). Il concerto è trasmesso in diretta da Rai Cultura sul suo canale Rai5, da Radio3 e in streaming nel circuito Euroradio. Il programma propone due capisaldi della letteratura sinfonica: la Sinfonia n. 1 in do minore op. 68 e la Sinfonia n. 3 in fa maggiore op. 90 di Johannes Brahms. James Conlon nel corso della stagione completerà l’integrale delle sinfonie brahmsiane con un altro concerto, programmato il 18 e 19 aprile 2018, che propone le restanti sinfonie n. 2 e n. 4. L’ultima esecuzione integrale delle sinfonie di Brahms nell’ambito di un’unica stagione Rai risale al 2011-2012, quando furono proposte in quattro diversi concerti da Semyon Bychkov. Adesso è il Direttore principale James Conlon a cimentarsi con i quattro capolavori.

Continua...

When I hold my brush I forgot everything and I get transported to another world full of dreams.

( Alessandra Giorda, Turin-Italy) Among the important cultural events taking place in the United Arab Emirates is the recently concluded ART EXHIBITION, at the Antique Museum, successfully inaugurated by the Director of Cultural Events in UAE, Mr Yasser Al Gargawi, where many artists have performed their work. Among the many masterpieces exhibited, Mrs. Rafah Abdulrazzak’s are an expression of undisputed talent where passion and feeling triumphs. A set of decisive and contrasting colors harmonize perfectly capturing the eyes of those who admire her paintings. Each painting tells  story, emotions, a slice of life between joy and sorrow, amazement and melancholy. Mrs. Abdulrazzak is a woman of great sensitivity, besides the tangible qualities of a painter, who paints jovial themes such as sea waves, horses and themes as strong and deep as the suffering of children, the drama of the war experienced by mothers who, in see blood and terror, try to protect their babies. Rafah was born in Syria and graduated in English Literature at the University of Damascus. Happily married and mother, she has always cultivated painting hobbies and step by step from self-taught she has become an important artist reaching the dream of having an exhibition where she exhibits her paintings. With Rafah’s sweetness and sympathy, in the interview to be followed, there is talk of emotions and dreams between public and private, between reality and anticipation. In fact, in February 2018, the INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL will be held in Dubai. There are so many requests by participants from the globe that the date, for membership, has been extended.

When did you paint the first picture?
I started my first painting in 2009. I was at the beach watching the sunset and remembered that I haven’t held a brush for long time. That was my beginning, as I didn’t study art but it’s always been my hobby.

Where do you get inspiration for your paintings?


The environment around me constantly inspires me, so I draw nature scenes such as waterfalls, waves in the sea and colorful flowers. I also like to draw peacocks, horses and tigers. One topic that made a big impact in my paintings is childhood suffering. l paint underprivileged children from different countries to remind people that there are still children suffering everyday around the world. I also enjoy drawing famous heritage sites in my country Syria, that bring back beautiful memories

What it means to paint for you?
Painting is my passion. I use colors to express myself, when I hold my brush I forgot everything and I get transported to another world full of dreams. But I still portray how I am really feeling onto the canvas.

What is your favorite painting?

I love all my paintings. Each one means a lot to me. But I do have a favorite technique that I use, which is palette knife painting. Knife painting is when you put thick layers of random colors to create a textured, three-dimensioned effect that you want to reflect onto the canvas.

What emotions did you feel at event “ ART EXIBITION” ?
This event was my first solo exhibition where I exhibited all my paintings that I worked on since the beginning. It has always been my dream to have a solo exhibition and I did it! With the help and support of my husband ,my friend Mrs Mrinmay Sebastian the gallery manager at Cartoon Art Gallery, my talented daughter who organized the event for me and the love and support of my family and friends.

The leitmotiv of this prestigoius event is: “ Art is Life, Life is Art”. What do you think about it?

Actually this event was wonderful. It is something different to see, where antiques and paintings were both showcased in the same place.
Art to every artist is like breathing. It is a huge part of our life. For me art means everything without it my life has no meaning. When I am happy or sad I like to hold my brushes and paint to express myself. Art is the motive to spread love and peace in the whole world.

What do you think about Mr Yasser Al Gargawi, Director of Cultural Events, UAE?


Mr Yasser Al Gargawi is a very important figure in the cultural field in the UAE. He always makes time to help and support emerging artists in the country. He is very well educated about art, he discusses and conversed with the artist on every single artwork to learn from them as well as share his knowledge with them.

This painting is wonderful ! The eyes of woman are so expressive and strike at the heart. It is characterized by bold and harmonius colors. How do you describe it ?

This painting is one of my favorite paintings. I drew it when blood shed and war were everywhere in the world. This painting is a combination of love and fear. I am a mother and I know how a mother feels when she tries her best to shield and protect her baby from the danger during the war. I paint it, I feel it, so it comes from my heart.

On February 2018 an other important event :INTERNATIONAL WATERCOLOR FESTIVAL UAE. A preview?

It is the first ever International Watercolor Festival in the UAE. It is a call for watercolor artists all around the globe to come to Dubai and highlight art of the UAE and let it to be a stage for World art. It is also a call for world masters and young artists to promote their art and to express themselves. The International Watercolor Society (IWS) association has branches in almost 90 countries and was inaugurated by Atanur Dogan President of IWS global in 2015. Mrs. Mrinmay C. Sebastian was appointed Country head for IWS in the UAE. She is the gallery manager of Cartoon Art Gallery in Dubai. I am excited to participate in this event to help Mrs. Mrinmay, as a volunteer.

 

 

 

Who is Rafah Abdulrazzak when she does no paint?
I am a Syrian artist who lives in Dubai, I graduated from the University of Damascus and got a bachelors degree in English Literature. When I’m not painting I am either at home taking care of my family or I am out socializing with friends and fellow artists. I manage to keep a balance between my duties and my art, so I get to enjoy the best of both worlds.

Luca Salsi festeggia 20 anni di carriera e debutta nel ruolo di Scarpia all’Opera di Roma

Il baritono parmense Luca Salsi celebra i vent’anni di carriera con un nuovo debutto al Teatro dell’Opera di Roma: il 14 ottobre incarna per la prima volta Scarpia nella Tosca di Giacomo Puccini. Il suo debutto assoluto sulle scene risale al 16 settembre 1997: appena ventiduenne, Salsi esordì come solista nei panni di Blansac ne La scala di seta di Rossini, al Teatro Comunale di Bologna. Da allora è stato protagonista di un’intensa carriera che si è snodata attraverso prestigiosi palcoscenici internazionali – dal Teatro alla Scala al Metropolitan di New York, dalla Royal Opera House di Londra al Festival di Salisburgo, dalla Bayerische Staatsoper al Liceu di Barcellona, per citarne alcuni – sotto la guida di direttori come Riccardo Muti, James Levine, Daniele Gatti, Gustavo Dudamel e con registi quali Robert Carsen, Dacid McVicar, Franco Zeffirelli e Werner Herzog.

Continua...

www.OperaVision.eu

Siamo lieti di annunciare il lancio del nuovo portale europeo interamente dedicato all’Opera: OperaVision, del quale il Teatro Regio di Torino è stato partner fin dall’inizio.
Dal 25 gennaio 2018, su www.OperaVision.eu, sarà visibile il nuovo allestimento di Turandot, con la regia, le scene, i costumi e le luci di Stefano Poda e la direzione di Gianandrea Noseda sul podio dell’Orchestra e Coro del Regio, questo il primo contributo del Teatro.
OperaVision è l’evoluzione del precedente portale TheOperaPlatform che, forte degli enormi consensi registrati dal 2015, si rinnova ora in una nuova veste grafica e di contenuti, con l’adesione di ulteriori teatri d’opera. Il Teatro Regio di Torino è stato il primo teatro italiano che, già nel 2015, ha aderito all’iniziativa, proponendo gratuitamente online, in streaming e on demand, Aida di Verdi, con la regia di William Friedkin e La bohème di Puccini, con la regia di Àlex Ollé, entrambe dirette da Gianandrea Noseda. Due tra le cinque produzioni più viste in assoluto, tra gli oltre 50 titoli presenti nella piattaforma che ha totalizzato circa un milione e mezzo di visitatori web e più di tre milioni di video visualizzati.
Opera Europa con 30 teatri d’opera di 18 paesi differenti, forte del successo di TheOperaPlatform, presenta OperaVision, grazie al rinnovato supporto del Creative Europe Programme dell’Unione Europea.
Dal 12 ottobre 2017, gli amanti dell’opera, così come i neofiti, potranno così visitare la nuova piattaforma web offerta da Opera Europa, l’associazione che riunisce i teatri d’opera e i festival europei. L’inaugurazione della piattaforma ospiterà, domenica 15 ottobre, in diretta dalla Komische Oper di Berlino, la prima de Pelléas et Mélisande, di Claude Debussy, il primo titolo visibile in streaming live sulla piattaforma.
Comunicato Stampa

L’occasione fa il ladro of Rossini at Royal Opera House Muscat

The Rossini Opera Festival represents the absolute crème de la crème in the realm of Rossini performance. With stage direction by the great JeanPierre Ponnelle, and world-class stars, soprano Olga Peretyatko and tenor Maxim Mironov, L’Occasione fa il Ladro (Opportunity Makes a Thief) is a delightfully funny, beautifully sung tale of identity theft and mixed-up lovers. Through a cleverly entangled web of amusing obstacles, ill-fated deceptions and lucky twists of fate, those who are meant for each other eventually realise their hopes and dreams. The Filarmonica Gioachino Rossini will be conducted by Christopher Franklin who is sought-after as a guest conductor by many of the world’s finest orchestras.

October 27 2017
L’OCCASIONE FA IL LADRO, opera by Gioachino Rossini
performed by Rossini Opera Festival
Stage Director, sets and costumes : Jean – Pierre Ponnelle

Don Eusebio: Alessandro Luciano
Berenice: Olga Peretyatko
Count Alberto: Maxim Mironov
Don Parmenione: Mattia Olivieri
Ernestina: Cecilia Molinari
Martino: Alfonso Antoniozzi

Conductor: Christopher Franklin

Orchestra Filarmonica Gioachino Rossini

Carmela Remigio alla Fenice di Venezia dopo 400 recite del Don Giovanni di Mozart

Superato  il record delle 400 recite del Don Giovanni , Carmela Remigio è ancora una volta protagonista del capolavoro di Mozart alla Fenice del Venezia. “Ah, se ritrovo l’empio / E a me non torna ancor, / Vo’ farne orrendo scempio, / Gli vo’ cavare il cor”, canta nel Don Giovanni di Mozart una furente Donna Elvira, incarnata ancora una volta dal soprano Carmela Remigio al Teatro La Fenice di Venezia a partire dal prossimo 13 ottobre. Reduce dal recente successo in altri iconici ruoli mozartiani come Donna Anna al Liceu di Barcellona e la Contessa a Madrid e al Quincena Musical di San Sebastian, il soprano pescarese è protagonista per la quinta volta dell’acclamato allestimento di Damiano Michieletto, di cui in un’occasione ha anche interpretato la parte di Anna. Don Giovanni – in scena a Venezia anche il 15, il 18, il 20, il 22 e il 25 ottobre – è diretto da Stefano Montanari.

“Sono felice di tornare a cantare nel Don Giovanni firmato da Damiano Michieletto – dice il soprano –, uno spettacolo a cui sono molto affezionata. Il regista e lo scenografo Paolo Fantin hanno immaginato uno spazio labirintico, decadente, che ruota senza posa, costringendo i personaggi a passare vorticosamente da un ambiente all’altro.

Emblematica è la scena in cui canto la mia seconda aria, ‘Mi tradì quell’alma ingrata’: attraversando rabbiosamente le stanze sul palcoscenico girevole, butto per aria tutte le sedie, quasi a ‘urlare’ lo sconquassamento interiore che ha rappresentato Don Giovanni per Elvira, un’ondata di speranze disattese, ricordi dolenti e sofferenze.

Due donne diversissime le protagoniste dell’opera – conclude Carmela Remigio – eppure in qualche modo complementari: l’una specchio dell’altra. Elvira più aggressiva, passionale, quasi una “stalker” disperata; Anna, invece, più enigmatica e sinuosa. Ma Mozart non si ripete mai: la sua grandezza sta anche nel tratteggiare caratteri unici.”

Dopo oltre 65 recite e 13 diversi titoli, tra cui L’inganno felice, Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Otello, La clemenza di Tito, The Rake’s Progress, Alceste, Norma e L’amico Fritz, Carmela Remigio ritorna quindi al Teatro La Fenice nell’opera di cui è considerata interprete di riferimento e che ha cantato oltre quattrocento volte (più di 350 nelle vesti di Anna e 50 in quelle di Elvira) nei teatri più prestigiosi al mondo, dalla Royal Opera House di Londra al Teatro alla Scala di Milano, da Los Angeles a Parigi, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a La Monnaie di Bruxelles, e con direttori come Claudio Abbado, Gustavo Dudamel, Antonio Pappano e Daniel Harding, per citarne alcuni.
Comunicato Stampa

Jessica Pratt tra Bilbao e New York

Dopo un’estate in cui è andata in tournée con il Teatro Real di Madrid con I Puritani (Bellini), aver iniziato la stagione con un omaggio alla Callas a Parigi con Lucia di Lammermoor (Donizetti) e aver cantato la Regina della Notte de Il flauto magico (Mozart) al Los Angeles Philharmonic -diretta da Gustavo Dudamel-, il soprano Jessica Pratt tornerà a novembre nei teatri spagnoli, questa volta per esibirsi come protagonista del Don Pasquale (Donizetti) nella stagione lirica di ABAO-OLBE di Bilbao in un montaggio di Jonathan Miller e sotto la direzione di Roberto Abbado, che l’ha diretta a giugno e luglio in un trionfale Tancredi rossiniano rimasto negli annali del Palau de les Arts di Valencia. Pratt ha debuttato nella stagione di Bilbao a gennaio 2016 come Amina de La Sonnambula (Bellini), conquistando pubblico e critica.
Più tardi, nel mese di gennaio, la cantante australiana si sposterà al Gran Teatre del Liceu di Barcellona per aggiungere al suo repertorio Norina de L’elisir d’amore (Donizetti) nella ripresa di un classico: l’acclamata produzione del direttore di cinema e teatro Mario Gas, che trasforma l’opera donizettiana in un film del neorealismo italiano. E da Barcellona a Roma, dove Jessica Pratt tornerà a febbraio con uno dei ruoli più complessi del suo repertorio, la protagonista di La Sonnambula. E se si parla di personaggi complicati, in cima alla lista si trova uno dei suoi ruoli di punta e che ha accompagnato questa cantante esperta nel repertorio del bel canto romantico sin dall’inizio della sua carriera: la protagonista di Lucia di Lammermoor, che finalmente debutterà nel Metropolitan di New York e dove ha già una corte di ammiratori. Oltre alla sua recente Lucia parigina che ha ricordato il 40° anniversario della scomparsa di Maria Callas, Pratt ha portato questo personaggio nei palchi di Italia, Svizzera, Israele, Germania, Paesi Bassi, Perù e Australia, tra cui anche La Scala di Milano.
Una stagione piena che porterà l’artista australiana a Amburgo, Napoli, Sydney, Melbourne e Venezia.
Comunicato Stampa

Successo per i Concerti del Teatro Regio all’Aeroporto di Torino

( Alessandra Giorda) Bellissimo concerto ieri nel tardo pomeriggio all’Aeroporto di Caselle a Torino con un Quartetto d’archi del Teatro Regio della capitale subalpina con Stefano Vagnarelli,violino, Marco Polidori, violino, Alessandro Cipolletta , viola e Relja Lukic, violoncello. Le musiche di di Wolfgang Amadeus Mozart, Franz Schubert, Dmitrij Šostakovič hanno catturato l’attenzione dei molti i partecipanti, non solo i passeggeri in partenza, bensì persone giunte appositamente per l’occasione. Molti i giovani presenti che hanno apprezzato con notevoli gli applausi per il Quartetto che si è distinto per bravura. Un’iniziativa eccellente per promuovere la musica classica, lirica….a tutti. Un vera propria svecchiata al luogo comune che una parte della musica è solo per una ristretta cerchia di intellettuali dai capelli brizzolati.
SAGAT S.p.A. ha voluto dare spazio all’arte e alla cultura in un luogo inconsueto, offrendo ai passeggeri la possibilità di rendere unico il proprio viaggio e, a chiunque desideri assistere ai concerti, di scoprire l’Aeroporto a tempo di musica. Infatti anche coloro che non sono in partenza potranno, registrandosi sul sito assistere al concerto prescelto. L’iter che i pre-registrati seguiranno sarà uguale a quello per l’imbarco con tanto di personale addetto che accompagna. Le misure di sicurezza giustamente  sono molto elevate Le registrazioni on-line saranno aperte 7 giorni prima di ogni concerto http://www.aeroportoditorino.it/it

 

CALENDARIO PROSSIMI CONCERTI:

Giovedì 23 Novembre 2017 ore 18
American Graffiti
Manuela Giacomini soprano, Alejandro Escobar tenore
Alessandro Dorella clarinetto, Marco Polidori violino,
Davide Ghio contrabbasso, Giulio Laguzzi pianoforte
Musiche di George Gershwin, Harold Arlen, Jerome Kern, Leonard Bernstein,
Frank Zappa, John Kander, Cole Porter

Giovedì 14 Dicembre 2017 ore 18
Coro di voci bianche del Teatro Regio
e del Conservatorio “G. Verdi” di Torino
Claudio Fenoglio direttore e pianoforte
Musiche di Georges Bizet, Engelbert Humperdinck, Wolfgang Amadeus Mozart, Giacomo Puccini, Jacques Offenbach, Giuseppe Verdi e tradizionali natalizie

Lunedì 29 Gennaio 2018 ore 18
SoleVoci
Cristiana Cordero soprano, Angelica Buzzolan mezzosoprano
Pierangelo Aimé tenore, Franco Rizzo baritono,
Marco Sportelli baritono, Davide Motta Fré basso
Musiche dei Beatles, Billy Joel, Gianni Morandi, Edoardo Bennato

Lunedì 19 Febbraio 2018 ore 18
Migranti
Cristiana Cordero soprano, Daniela Valdenassi mezzosoprano
Giancarlo Fabbri tenore, Davide Motta Fré basso, Giulio Laguzzi pianoforte
Quando a partire eravamo noi: dal 1876 al 1976… i sentimenti, le aspirazioni, la nostalgia, le speranze raccontati attraverso la musica

Giovedì 22 Marzo 2018 ore 18
C’era una volta il … Cinema
Alessio Murgia violino, Enrico Luxardo violino, Alessandro Cipolletta viola,
Relja Lukic violoncello, Atos Canestrelli contrabbasso,
Alessandro Cammilli oboe, Luigi Picatto clarinetto, Fabrizio Dindo corno,
Evandro Merisio corno, Ranieri Paluselli percussioni
Musiche di John Williams ed Ennio Morricone

Giovedì 26 Aprile 2018 ore 16
Baroccheggiando Ensemble
Federico Giarbella flauto, Daniele Soncin violino, Paola Bettella violino,
Rita Bracci viola, Alfredo Giarbella violoncello,
Stefano Schiavolin contrabbasso, Luca Brancaleon cembalo
Musiche di Johann Sebastian Bach e Antonio Vivaldi

Giovedì 17 Maggio 2018 ore 16
Quintetto Prestige
Federico Giarbella flauto, Alessandro Cammilli oboe,
Luigi Picatto clarinetto, Natalino Ricciardo corno, Orazio Lodin fagotto
Musiche di Gioachino Rossini, Nino Rota, George Gershwin, Leonard Bernstein

Giovedì 21 Giugno 2018 ore 16
Pentabrass
Ivano Buat tromba, Marco Rigoletti tromba, Ugo Favaro corno,
Vincent Lepape trombone, Rudy Colusso tuba
Musiche di Johann Strauss padre, André Lafosse, Luther Henderson,
Enrique Crespo, David Short, George Gershwin

Celso Albelo, re del bel canto

Il repertorio francese continua ad ampliare l’estesa galleria di personaggi che appaiono nel curriculum del tenore spagnolo Celso Albelo. Riconosciuto come uno dei principali interpreti del bel canto romantico della sua generazione, Albelo a novembre incorporerà il ruolo di Fernand dell’opera La Favorite di Donizetti nella sua versione francese. E, ancora una volta, debutterà un ruolo cantato nella lingua di Victor Hugo davanti a un pubblico francofono: quello dell’Opéra Royal di Wallonie, a Liegi (Belgio). L’appuntamento sarà il 16, 19, 22, 25 e 28 novembre.

Continua...

Dipingo la sofferenza infantile per ricordare che ci sono bambini che soffrono nel mondo

( Alessandra Giorda) Tra gli importanti eventi culturali che si svolgono negli Emirati Arabi Uniti è da poco terminato ART EXHIBITION, presso l’Antique Museum, inaugurato con successo dal Direttore degli Eventi Culturali in UAE, Mr Yasser Al Gargawi dove moltissimi artisti hanno esibito i loro lavori. Tra i molti capolavori esposti, quelli  di Mrs. Rafah Abdulrazzak sono espressione di un talento indiscusso dove passione e sentimento la fanno da padrona. Un insieme di colori decisi e contrastanti si armonizzano perfettamente catturando gli occhi di chi ammira i suoi quadri. Ogni dipinto racconta la sua storia, le emozioni, una fetta di vissuto tra gioia e dolore, tra stupore e malinconia. Mrs Abdulrazzak è una donna dotata di grande sensibilità, oltre alle tangibili doti di pittrice, che dipinge temi gioviali come le onde del mare, i cavalli e temi forti e profondi come la sofferenza dei bambini, il dramma della guerra vissuto dalle madri che, nel vedere sangue e terrore, cercano di proteggere i loro pargoli. Rafah è nata in Siria e si è laureata in Letteratura Inglese all’Università di Damasco. Felicemente sposata e madre, da sempre coltiva l’hobby della pittura e passo dopo passo da autodidatta è diventata un’artista di notevole spessore raggiungendo il sogno di avere una mostra dove esporre i suoi quadri. Con dolcezza e simpatia Rafah nell’intervista a seguire si racconta tra emozioni e sogni, tra pubblico e privato, tra realtà e anticipazioni. Infatti nel mese di Febbraio 2018 si svolgerà l’INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL a Dubai. Tante sono le richieste dei partecipanti, da tutto il mondo, che è  stata prolungata la data per  le adesioni.

Quando hai realizzato il tuo primo dipinto?
Ho iniziato a dipingere il mio primo quadro nel 2009. Ero in spiaggia a guardare il tramonto e mi sono ricordata che era da tempo che non prendevo il pennello in mano. Questo è stato il mio inizio, poiché non ho studiato arte, ma  è sempre stato il mio hobby preferito.

Dove trai ispirazione per i tuoi quadri?

L’ambiente che mi circonda costantemente mi ispira, quindi traggo spunto dagli scenari che la natura offre come le cascate, le onde in mare ed i fiori colorati. Mi piace anche disegnare pavoni, cavalli e tigri.
Un tema che ha avuto un grande impatto nei miei dipinti è la sofferenza infantile. Vorrei dipingere i bambini svantaggiati provenienti da diversi paesi per ricordare alle persone che esistono ancora bimbi che soffrono quotidianamente in tutto il mondo. Mi piace anche disegnare i luoghi che costituiscono un patrimonio importante nel mio paese, la  Siria, e dai quali si traggono bei ricordi.


Che cosa rappresenta per te la pittura?

La pittura è la mia passione.  Uso i colori per esprimermi, quando tengo in mano il mio pennello  dimentico tutto e mi trasferisco  in un altro mondo pieno di sogni.

 

Quali emozioni hai provato all’evento” ART EXHIBITION”?
Questo evento è stato la mia prima mostra personale dove ho esposto tutte le mie opere che ho dipinto da quando ho iniziato. È sempre stato il mio sogno  avere una mostra personale e ci sono riuscita! Con l’aiuto ed il sostegno di mio marito, della mia amica, la signora Mrinmay Sebastian, del responsabile della galleria della Cartoon Art Gallery,di  mia figlia che con talento  ha organizzato l’evento per me, il tutto coadiuvato dall’amore e dall’ausilio della mia famiglia e degli amici. È singolare vedere,  gli oggetti d’antiquariato e le pitture  entrambi esposti nello stesso posto.

Il leitmotiv di questo evento è :” Art is Life, Life is Art”. Come commenti?
L’arte per ogni artista è come la respirazione. È una parte enorme della nostra vita. Per me l’arte significa tutto, senza, la mia vita non avrebbe alcun significato.  L’arte è un mezzo per diffondere l’amore e la pace in tutto il mondo.  Questo evento è stato meraviglioso.

Un tuo commento riguardo Mr. Yasser Al Gargawi, Direttore degli Eventi Culturali?

Mr. Yasser Al Gargawi è una figura molto importante nel settore culturale negli Emirati Arabi Uniti. Si adopera parecchio per aiutare e sostenere artisti emergenti nel paese. È molto competente nel settore dell’arte, discute e conversa con l’artista su ogni singola opera  per imparare da ognuno e condividere con loro le conoscenze.

 

 

Questo quadro è meraviglioso! Gli occhi della donna sono così espressivi che colpiscono al cuore. E’ caratterizzato da colori decisi ed armoniosi. Cosa ne pensi?
E’ uno dei miei  preferiti. Ho tratto spunto quando il sangue scorreva e la guerra era ovunque nel mondo. Questo dipinto è una combinazione di amore e paura. Sono una madre e so come si sente una mamma quando cerca di proteggere il suo bambino dal pericolo durante la guerra. Lo dipingo, lo sento, quindi viene dal mio cuore.

 

Qual è il tuo dipinto preferito?

Amo tutti i miei dipinti. Ognuno significa molto per me. Tuttavia  ho una tecnica preferita che uso, che è la pittura con spatola o a coltellina. La pittura a coltellina è quando si inseriscono strati spessi di colori casuali per creare un effetto testurizzato e tridimensionale che si desidera produrre su tela.

 

 

A Febbraio 2018 ci sarà un altro importante evento: INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL UAE. Un’anticipazione?

È il primo Festival Internazionale di Acquerelli  negli Emirati Arabi Uniti. E ‘un invito per gli artisti “acquerellisti” in tutto il mondo a venire a Dubai per evidenziare l’arte degli Emirati Arabi Uniti e lasciare un loro segno. È anche  una possibilità per i maestri del mondo e i giovani artisti  di promuovere la loro arte ed esprimere se stessi. L’International Watercolor Society (IWS) ha filiali in quasi 90 paesi ed è stata inaugurata da Atanur Dogan Presidente di IWS Global nel 2015. La sig.ra Mrinmay C. Sebastian è stata nominata Responsabile del paese per IWS negli Emirati Arabi Uniti. È la manager della galleria di Cartoon Art Gallery di Dubai. Sono entusiasta di partecipare a questo evento per aiutare la signora Mrinmay, come volontaria.

 

Chi è Rafah Abdulrazzak quando non dipinge?
Sono un artista siriana che vive a Dubai, sono laureata all’Università di Damasco e ho conseguito la laurea in letteratura inglese. Quando non dipingo, sono a casa a prendermi cura della mia famiglia o sono fuori socializzare con amici e colleghi artisti. Riesco a mantenere un equilibrio tra i miei doveri e la mia arte, quindi ottengo il meglio da entrambi i mondi.

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages