Carmela Remigio alla Fenice di Venezia dopo 400 recite del Don Giovanni di Mozart

Superato  il record delle 400 recite del Don Giovanni , Carmela Remigio è ancora una volta protagonista del capolavoro di Mozart alla Fenice del Venezia. “Ah, se ritrovo l’empio / E a me non torna ancor, / Vo’ farne orrendo scempio, / Gli vo’ cavare il cor”, canta nel Don Giovanni di Mozart una furente Donna Elvira, incarnata ancora una volta dal soprano Carmela Remigio al Teatro La Fenice di Venezia a partire dal prossimo 13 ottobre. Reduce dal recente successo in altri iconici ruoli mozartiani come Donna Anna al Liceu di Barcellona e la Contessa a Madrid e al Quincena Musical di San Sebastian, il soprano pescarese è protagonista per la quinta volta dell’acclamato allestimento di Damiano Michieletto, di cui in un’occasione ha anche interpretato la parte di Anna. Don Giovanni – in scena a Venezia anche il 15, il 18, il 20, il 22 e il 25 ottobre – è diretto da Stefano Montanari.

“Sono felice di tornare a cantare nel Don Giovanni firmato da Damiano Michieletto – dice il soprano –, uno spettacolo a cui sono molto affezionata. Il regista e lo scenografo Paolo Fantin hanno immaginato uno spazio labirintico, decadente, che ruota senza posa, costringendo i personaggi a passare vorticosamente da un ambiente all’altro.

Emblematica è la scena in cui canto la mia seconda aria, ‘Mi tradì quell’alma ingrata’: attraversando rabbiosamente le stanze sul palcoscenico girevole, butto per aria tutte le sedie, quasi a ‘urlare’ lo sconquassamento interiore che ha rappresentato Don Giovanni per Elvira, un’ondata di speranze disattese, ricordi dolenti e sofferenze.

Due donne diversissime le protagoniste dell’opera – conclude Carmela Remigio – eppure in qualche modo complementari: l’una specchio dell’altra. Elvira più aggressiva, passionale, quasi una “stalker” disperata; Anna, invece, più enigmatica e sinuosa. Ma Mozart non si ripete mai: la sua grandezza sta anche nel tratteggiare caratteri unici.”

Dopo oltre 65 recite e 13 diversi titoli, tra cui L’inganno felice, Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Otello, La clemenza di Tito, The Rake’s Progress, Alceste, Norma e L’amico Fritz, Carmela Remigio ritorna quindi al Teatro La Fenice nell’opera di cui è considerata interprete di riferimento e che ha cantato oltre quattrocento volte (più di 350 nelle vesti di Anna e 50 in quelle di Elvira) nei teatri più prestigiosi al mondo, dalla Royal Opera House di Londra al Teatro alla Scala di Milano, da Los Angeles a Parigi, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a La Monnaie di Bruxelles, e con direttori come Claudio Abbado, Gustavo Dudamel, Antonio Pappano e Daniel Harding, per citarne alcuni.
Comunicato Stampa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages