Celso Albelo torna a Genova con “Maria Stuarda”

Dieci anni dopo il suo debutto nel ruolo di Arturo ne I Puritani, Celso Albelo ha ricevuto grandi complimenti per il suo recente debutto a Modena: “Si conferma al livello più alto”. “Un controllo completo”. “Nostalgico e poetico”. “Meritato trionfo”. Il capolavoro di Bellini, con un ruolo molto esigente per il tenore, è diventato voce e arte del tenore delle Canarie, con un nuovo successo nella sua carriera. Dopo aver portato il ruolo in diverse città italiane, a maggio continua il suo giro del paese, questa volta come Leicester, il protagonista maschile di Maria Stuarda di Donizetti al Teatro Carlo Felice di Genova, palco dove ha già interpretato un altro carattere del compositore italiano, il simpatico Ernesto dell’opera buffa Don Pasquale.

Questa volta torna al Carlo Felice con un personaggio molto diverso, serio e drammatico. Si tratta del ruolo con cui il cantante ha debuttato al Metropolitan Opera House di New York lo scorso anno conquistando un trionfo. Secondo Albelo, Maria Stuarda è un’opera “che ha tutto, una storia d’amore e una politica”, dice. “C’è amore per le donne e per il potere, una storia molto contemporanea. Il mio ruolo cade nel mezzo della lotta tra due donne, due regine, e tra le due cerco di portare la pace, ma senza successo”.

Il tenore spagnolo eseguirà l’opera di Donizetti a Genova i giorni ​​17, 21, 24 e 28 maggio in una produzione di Alfonso Antoniozzi e sotto la direzione musicale di Andriy Yurkevych.

Comunicato Stampa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
© 2017

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages