GRANDE ATTESA PER IL TURCO IN ITALIA A BOLOGNA

Il secondo titolo d’opera della stagione 2017 del Teatro Comunale di Bologna è Il turco in Italia di Gioachino Rossini nella produzione del Rossini Opera Festival (dov’è stato rappresentato nell’agosto 2016) in collaborazione con il Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia e la regia di Davide Livermore, autore anche delle scene; i costumi sono di Gianluca Falaschi, il progetto luci di Nicolas Bovey, Videodesign D-WOK, assistente alla regia Alessandra Premoli, assistente ai costumi Gianmaria Sposito. Lo spettacolo, che debutta il 10 marzo, vede sul podio dell’Orchestra del Comunale l’americano Christopher Franklin, che a Bologna aveva già diretto con successo nel 2008 l’opera di Michael Daugherty Jackie O e nel 2009 lo spettacolo di Stephen Sondheim Sweeney Todd. Il coro del Teatro felsineo è preparato da Andrea Faidutti. Interpreti un gruppo di giovani star rossiniane già note al pubblico internazionale: Simone Alberghini (Selim), Hasmik Torosyan (Donna Fiorilla), Nicola Alaimo (Don Geronio) – presente in tutte le recite tranne l’ultima, il 18 marzo, in cui ad interpretare lo stesso ruolo è Marco Bussi, Maxim Mironov (Don Narciso), Alfonso Antoniozzi (Prosdocimo), Aya Wakizono (Zaida) e Alessandro Luciano (Albazar).


Uno dei lavori più significativi della comicità teatrale di Rossini, che aveva debuttato alla Scala nel 1814, riscoperto nel Novecento soltanto negli anni Cinquanta grazie a Gianandrea Gavazzeni, si trasforma in questo recentissimo allestimento affidato all’estro visionario di Davide Livermore che immagina l’intricata vicenda amorosa di Selim, Fiorilla, Geronio e Zaida in un’ambientazione tipicamente felliniana: il poeta Prosdocimo rivive così nei panni di Marcello Mastroianni, Fiorilla in quelli di Claudia Cardinale con abito a pois, foulard e Vespa, mentre Selim è il classico playboy dello Sceicco bianco. “Come accade in 8½ a Guido Anselmi/Mastroianni” spiega Livermore “anche nel TurcoProsdocimo è sempre alla ricerca della sua storia. Era una similitudine così accattivante che abbiamo voluto percorrerla sino in fondo. Mi divertiva creare una sorta di dittico cinematografico-musicale; e in fondo, poi, Rossini e Fellini sono figli della stessa terra”.
Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di Sigaro Toscano – Gruppo Maccaferri.
I biglietti (da 100 a 10 euro) sono in vendita sul sito www.tcbo.it e presso la biglietteria del Teatro Comunale di Bologna. Eventuali biglietti invenduti saranno disponibili da un’ora e mezza prima dell’inizio di ogni spettacolo al 50% del costo

IL TURCO IN ITALIA
Dramma buffo in due atti
Libretto di Felice Romani
Musica di Gioachino Rossini

Direttore Christopher Franklin
Regia e scene Davide Livermore
Costumi Gianluca Falaschi
Progetto luci Nicolas Bovey
Videodesign D-WOK
Assistente alla regia Alessandra Premoli
Assistente ai costumi Gianmaria Sposito
Maestro del Coro Andrea Faidutti

Personaggi – Interpreti
Selim Simone Alberghini
Donna Fiorilla Hasmik Torosyan
Don Geronio Nicola Alaimo (10, 12, 14 e 16 marzo) / Marco Bussi (18 marzo)
Don Narciso Maxim Mironov
Prosdocimo Alfonso Antoniozzi
Zaida Aya Wakizono
Albazar Alessandro Luciano

Mimi
Roberta De Bellis, Tiziana Fimiani, Elisa Galvagno, Fatima Sanles Martinez, Lia Tomatis, Chiara Tessiore, Valentina Volpatto, Olivia Attignon

Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna

Produzione del Rossini Opera Festival con il Palau de les Arts Reina Sofia di Valencia

Teatro Comunale di Bologna
Venerdì 10 marzo 2017, Turno Prima – ore 20.00
Domenica 12 marzo 2017 Turno D – ore 15.30
Martedì 14 marzo 2017 Turno A – ore 20.00
Giovedì 16 marzo 2017 Turno B – ore 20.00
Sabato 18 marzo 2017 Turno P – ore 18

Comunicato Stampa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages