Grandi eventi all’Istituto di Cultura Italiano in Argentina sotto la guida di Maria Mazza

(di Alessandra Giorda) Grandi progetti snocciola l’Istituto Italiano di Cultura, a Buenos Aires, sotto la sapiente guida di una donna straordinaria quale la Dott.ssa Maria Mazza che nell’intervista a seguire racconta vari progetti. Dalle maggiori iniziative nelle mille sfaccettature della cultura, quali  musica lirica e jazz, alla poesia e all’arte senza dimenticare appuntamenti importanti quali “Verano Italiano”, attesissimo per il prossimo giugno. Maria Mazza “parla” anche degli eventi  a maggio prossimo , come la presentazione del libro del momento “Il nome di Dio è Misericordia”, il primo libro intervista, di grande successo, di Papa Francesco. Sempre nello stesso mese il concerto di una delle più grandi cantanti italiane , Iva Zanicchi , al Teatro Coliseo, amatissima in Sud America e molto altro.

Quali sono le iniziative che l’Istituto di Cultura maggiormente promuove?

L’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires è impegnato nella promozione della cultura e della lingua italiana in tutti gli ambiti ed, in particolare, in quelli individuati quali prioritari dall’Ambasciata d’Italia e dal nostro Ministero. Ad esempio, il cinema italiano è oggetto di specifiche iniziative, con l’obiettivo di inserirlo nei circuiti culturali e commerciali argentini, non soltanto mediante le consuete proiezioni di film da noi organizzate in Istituto, ma anche con la partecipazione a vari festival di settore argentini: il Festival BAFICI (Buenos Aires Festival Internacional de Cine Independiente), il Festival del Cinema di Pinamar etc.

Inoltre, stiamo riproponendo a giugno, in collaborazione con l’Istituto Luce – Cinecittà, la Settimana del Cinema Italiano contemporaneo a Buenos Aires, che da diversi anni riscuote un grande successo di pubblico. Nel campo dell’arte italiana, oltre alle mostre periodicamente ospitate presso il nostro spazio d’arte Sala Roma, abbiamo recentemente organizzato due importanti esposizioni fotografiche a Buenos Aires, inaugurate dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali ed il Turismo, on. Dario Franceschini, durante la sua visita in Argentina: la mostra UN.IT UNESCO Italia presso il Museo Sívori ed una personale di Olivo Barbieri presso il Centro Cultural Recoleta. Inoltre abbiamo collaborato alla realizzazione dell’esposizione della collezione del MAXXI di Roma presso il Museo PROA di Buenos Aires, attualmente in corso.

Nell’ambito della musica italiana, stiamo promuovendo tutti i generi ed, in particolare, segnalo i prossimi concerti dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma presso il Teatro Colón di Buenos Aires, il 10 e l’11 maggio, ed il recital di pianoforte del famoso pianista Nazzareno Carusi al Teatro Coliseo di Buenos Aires, il 17 maggio, a cui farà seguito una sua esibizione in Istituto il giorno dopo insieme alla cantante Valentina Cortesi. Inoltre l’Istituto parteciperà a vari ed importanti festival argentini, come quello internazionale di poesia e quello sul jazz. Le iniziative che portiamo avanti sono quindi varie ed ovviamente cerchiamo di promuovere l’eccellenza italiana in tutti gli ambiti, con particolare attenzione all’Italia contemporanea.

Quanto viene promossa l’Opera lirica avendo un teatro con una perfetta acustica come il Colón?

Seguendo il tradizionale interesse del nostro pubblico nei confronti dell’opera lirica italiana, organizziamo in Istituto durante tutto l’anno diversi concerti, nonché cicli di opere in DVD ed incontri di approfondimento sui rapporti tra la letteratura e l’opera italiana. Gli argentini sono grandi conoscitori dell’opera lirica italiana, anche proprio per la presenza del prestigioso teatro cittadino e per i tradizionali legami culturali tra i nostri paesi, che hanno favorito la conoscenza del mondo operistico italiano nell’area.

Quali sono i prossimi progetti culturali?
Al riguardo bisogna ricordare che nel 2015 e nella prima metà del 2016 si celebra dell’Anno dell’Italia in America Latina, un’iniziativa di promozione delle nostre eccellenze nel continente latinoamericano. Nei prossimi giorni ospiteremo quindi le tradizionali Giornate del Consorzio Universitario Italiano per l’Argentina (CUIA), che costituiscono un importante momento d’incontro e scambio tra il sistema universitario italiano e quello argentino, attraverso la visita di una prestigiosa delegazione di docenti italiani di diverse Università ed appartenenti a tutti i settori disciplinari. In particolare, avremo in Istituto una conferenza sul diritto nel teatro di Eduardo de Filippo il 15 aprile, una tavola rotonda sul Manifesto di Ventotene il 18 aprile ed un’altra dedicata all’Antartide il giorno seguente. Parteciperemo inoltre alla Fiera del Libro di Buenos Aires con un nostro stand istituzionale (Stand Italia), in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia, e conteremo sulla presenza di tre importanti figure della letteratura e del giornalismo italiani: Paolo Giordano, Leonardo Patrignani e Andrea Tornielli.

Il 7 maggio ci sarà poi il grande concerto della cantante Iva Zanicchi presso il Teatro Coliseo, il nostro teatro italiano a Buenos Aires. Naturalmente seguiranno molti altri eventi durante tutto l’anno, come ad esempio una grande mostra a Buenos Aires dedicata al design italiano in connessione con la Triennale di Milano.

Qualche anticipazione su Verano Italiano?

Il “Verano Italiano” (“Estate Italiana”) è un’iniziativa che portiamo avanti con successo da qualche anno insieme alle istituzioni del Sistema Italia in Argentina ed in collaborazione con il Ministero di Cultura del Governo della Città di Buenos Aires. Si svolge durante il mese di giugno appunto in parallelo all’estate italiana, iniziando proprio con la commemorazione della Festa della Repubblica, che quest’anno vedrà l’esibizione dell’Orchestra della Toscana al Teatro Coliseo di Buenos Aires. Nel corso di tutto il mese saranno poi previste varie manifestazioni, come la Settimana del Cinema italiano, la Settimana della Cucina italiana, diversi concerti, il consueto Premio Lucio Fontana dedicato all’arte contemporanea giovane e molte altre iniziative nell’ambito del teatro, della filosofia, dell’arte e della letteratura. L’idea è quella di portare in Argentina il calore ed i colori dell’estate italiana.

Qual è la risposta del pubblico a Verano Italiano?

E’ una risposta entusiastica: infatti il pubblico attende con ansia quest’appuntamento, che in Argentina sta diventando un momento sempre più importante d’incontro tra le due culture.

Qual è il progetto, in generale, che le sta più a cuore e che vuole realizzare nell’ambito delle Sue mansioni?

In linea con le priorità indicate dalla nostra Ambasciata, sto lavorando insieme a tutto il Sistema Italia in Argentina alla promozione della cultura italiana contemporanea, in particolare delle nuove tendenze e presso le più giovani generazioni del nostro pubblico. La nostra sfida è oggi quella di avvicinare il nostro Paese, l’Italia contemporanea, alle nuove generazioni.

Il 4 di maggio prossimo ci sarà la presentazione del libro ” EL NOMBRE DE DIOS ES MISERICORDIA “. Un commento sull’evento, sul libro e un pensiero sull’operato dell’amatissimo Papa Francesco?

Innanzitutto la presentazione di questo libro è già stata promossa in 80 paesi nel mondo e quindi anche noi qui in Argentina, insieme all’Ambasciata d’Italia, abbiamo deciso di realizzarla, nell’ambito della prestigiosa Fiera Internazionale del Libro di Buenos Aires e con la presenza dell’autore, il famoso vaticanista Andrea Tornielli. Il suo libro è molto interessante in quanto, attraverso la voce diretta del Papa da lui intervistato, affronta un tema centrale del suo pontificato, cioè la misericordia. Quanto alla figura ed all’operato di Papa Francesco, penso che sia una persona davvero eccezionale e che stia portando avanti una straordinaria azione di riforma e di apertura al dialogo all’interno della Chiesa che sicuramente resterà nella storia. Credo che l’evento riscuoterà grande successo qui nella Terra del Papa, poiché riscontriamo grande entusiasmo per questa straordinaria figura.

(Visited 272 times, 1 visits today)

Alessandra Giorda - P.IVA 11290670014

Realizzato da Escamotages