Concordo con Richard Strauss: Falstaff è un vero capolavoro

( Alessandra Giorda) Artista di notevole spessore, il soprano Erika Grimaldi si è da tempo imposta sulle scene nazionali ed internazionali. Le sue doti vocali sono apprezzate in Italia nel mondo dall’Arena di Verona, al Bolshoi di Mosca, al San Francisco Opera senza dimenticare il Lincoln Center di New York…..Ha realizzato un album con il M° Gianandrea Noseda e la London Symphony Orchestra. Abituè di importanti appuntamenti come il Savonlinna Opera Festival ed il Festival Internazionale di Edimburgo. Durante un piacevolissimo incontro, nello storico Caffè Baratti & Milano a Torino, ha preso corpo l’intervista a seguire dalla quale si evince una Erika Grimaldi dolcissima e felicissima. A poco meno di un anno dall’essere diventata mamma, di una meravigliosa bimba di nome Esther, nel descrivere questa esperienza i suoi occhi brillano e la gestualità si fa ancora più dolce di quanto già non lo sia.  Domani al Teatro Regio sotto la Mole la Première di Falsfaff, opera che il soprano astigiano descrive nelle varie sfaccettature. Nel raccontarsi tra pubblico e privato confessa la preparazione per un nuovo ruolo che debutterà nel 2019.

Come sarà la tua Mrs. Alice Ford?

E’ un personaggio divertente e che fa combriccola  con le altre donne dove l’unione fa la forza. Quindi donne contro uomini. E’ una donna a cui piace ridere e scherzare che insieme alle altre trova piacere nella burla usata per rompere la quotidianità della vita. Quello che noi facciamo in scena è rappresentare un sano e puro divertimento.

Un commento sulla regia di Daniele Abbado?

La regia è molto carina, dotata di una piattaforma circolare non rotante e sopra la medesima ci sono tante botole dove i personaggi compaiono e scompaiono. Per noi è senza dubbio un pò scomodo perchè dobbiamo correre e salire o scendere scale piuttosto piccole. E’ in pendenza con una discesa verso il palco, quindi adatta per una perfetta visione dello spettatore. Ci sono lenzuola appese su dei cavi e vengono spesso mosse per creare insieme a noi del cast un gran movimento. Definirei questa regia tradizionale dove nulla è stato stravolto e perfettamente aderente al libretto. I costumi non sono d’epoca e nemmeno moderni, bensì una via di mezzo. Mi piace quando nulla viene mutato e si mette in scena l’opera così come deve essere da libretto.

Si annovera che il supremo fascino del Falstaff sta nel fatto che Verdi per la prima volta compì un’opera da musicista e non soltanto da autore teatrale. Come commenti?

Continua...

Making music together with James Conlon gives me great joy: memorably in Paris and Chicago

( Alessandra Giorda, Turin-Italy) Next Thursday Aga Mikolaj will be a protagonist in the waiting concert at Auditorium Rai in Turin.
A consummate concert artist, Aga Mikolaj has performed around the world in works by composers such as Mahler, Beethoven, Schubert, Strauss, Verdi, Penderecki and Szymanowski and she works with many conductors: Christoph von Dohnanyi, Sir Mark Elder, Marek Janowski, Mariss Jansons, Philippe Jordan, Zubin Mehta,  John Nelson, Krzysztof Penderecki….Aga Mikolaj has gone on to enjoy operatic success throughout Europe, the USA and Japan. In the interview to follow she is speaking about concert in Turin and new debut in the role as Tatyana in Semperoper  Dresden.  Other important role as Donna Elvira that she has also sung with the Los Angeles Philharmonic under Gustavo Dudamel and on tour with the Wiener Staatsoper at Spring Festival Budapest under Adam Fischer. Aga Mikolay has  a sensitive soul, like her garden and everything about nature.

What do you think about Auditorium Rai in Turin?

Last season I was very happy to make my debut in Torino with RAI National Orchestra and Maestro James Conlon. We sang Beethoven’s 9th Symphony in Oman and in Torino and it was a great collaboration!

What do you think about James Conlon, Conductor?
I’ve been very lucky to sing with Maestro Conlon a few times, memorably in Paris and Chicago. Making music together with Maestro Conlon gives me great joy. He creates a natural process in order to learn more about the interpretation and he has an excellent understanding about a singer’s “philosophy”. It is fanastic to work with someone some colourful when guiding us during the piece and it is a big pleasure for me to be hear again!

What will you sing in Turin?
This time we are going to sing Gustav Mahler`s  Das klagende Lied . It is one of Mahler`s early pieces, based on fairy tale with text written based on pieces of Ludwig Bechstein and Brothers Grimm.

Next work schedule Tatyana in Semperoper Dresden. Who is Tatyana, for you?
Yes , I am going to sing Tatyana in Semperoper Dresden this season, which will be my debut in the roles. I’ve been waiting to sing it for a while now! Tatyana is a role which every soprano loves to sing and portray on stage.

Why?

The story is very touching. Tatyana is an honest young girl from the country side, living her own world between reading books and dreaming, and suddenly she meets Onegin. She instantly falls in love with him, but he does not feel the same way at the beginning.
After few years they meet each other again in totally new circumstances.. and the drama continues.
Tchaikovsky’s genius perfectly expresses every kind of emotion. Tatyana is very naive in the first sways of love. But isn’t it wonderful to dream like that?

 

 

Differences  between Tatyana and Aga?
Tatyana from  Eugen Onegin“ is a very naive girl at the begining. She‘s living in a village reality and she knows only the best side of life, always dreaming, in the middle of a family idyll  without other experiences. Of course, there are many differences between me and Tatyana’s character. But this master work is talking about something universal. This opera relates to love, overwhelming emotions, expectations and difficult decisions – which everyone comes across in life. The music was written by a Russian composer so I think my Polish-Slavic soul can only help me with the most honest interpretation of Tatyana.

In a review by Elbamargarita: “Vocally the strongest and most versatile woman in the group is Aga Mikolaj’s Donna Elvira”. A comment, please?
Donna Elvira the absolute opposite character to Tatyana. Until now I’ve been very sucessfull in my interpretation of strong women on stage. To sing Donna Elvira from Mozart’s Don Giovanni you need to be a mature person with all the knowlege about the complicated structure of our emotions.

 

 

Mozart, Verdi and Strauss very important for your artistic career. Why ?
Mozart , Verdi , Strauss but also Mahler and Wagner. They all composed master pieces and their music is absolutely perfect for my voice! Not only operatic repertoire but also concert pieces.
Most of the works are written in German.. but of course the Italian language is the perfect language for singers !

 

How do you spend your free time?
Free time ? The only short moments at home with family and friends are very important for me. I also like my garden and everything about nature. But I am also still desperately learning to be a better driver and when I have an opportunity I love to go to the theater ir concert hall : just to enjoy art.

Cartoon Art Gallery is my second home

( Alessandra Giorda, Turin-Italy) Mrinmay C. Sebastian hails from Kerala, but currently reciding in Dubai, UAE. She is an example of great artist.  She is a very important poet, painter, manager, but also sweet wife and mother.  Last five years Mrinmay was mainly focused on Watercolor. In September 2015 she was appointed as the Country Head of International Watercolor Society, UAE. In December she was also nominated as the Board Member of Advisory Committee 2015-16 and later 2016-17 and 2017-2018 for the International Watercolor Society-Globe. In Feb 2016 Mrinmay had successfully organized Online International Contest, IWS Arab Nations ,where there was almost 2500 participants from around the globe. The esteemed jury for the event were Masters from around the globe. In November did a National Watercolor Contest in UAE-1st time ever. Recognizing her contribution towards Watercolor International Watercolor Society in invited her to Turkey International Golden Brush Festival as a special guest. Since December 2015 Mrinmay started working as Gallery Manager of the Cartoon Art Gallery. She has also participated in many exhibitions both in UAE and other International Exhibitions in various Countries, Hungary, Albania, Vietnam, Indonesia etc. Mrs Sebastian is also the manager of great artist like Rafah Abdulrazzak (http://www.televisionario2.com/when-hold-my-brush-forgot-everything-and-get-transported-to-another-world-full-of-dreams/)

Now she is preparing for the 1st International Watercolor Festival here in UAE  next February 2018, very important event. In the interview to follow, we’ll know this woman with remarkable talents “talking” about paintings, colors,  mission and free time.

 

Ms Mrinmay C Sebastian with husdand and son

 

What is the mission of the Cartoon Art Gallery?
Our mission is to highlight the talent of regional cartoonists and other talented Artist to the public and give them an open forum to express themselves in a casual atmosphere. The gallery is also a place where it can offer workshops to educate the fundamentals of cartooning, animation, storytelling, and drawing to people of all ages and backgrounds.

Describe your job, please?
I Mrinmay C Sebastian work here as Gallery Manager,feel like my second home. I identify talented Artist help them organise art shows , give platforms to both professional,upcoming artist and student artist as well. Artist feel welcome here to come and enjoy the space and paint happiliy. We give workshops seminars ,classes etc . A great meeting point for any Art related events.Being an Artist myself I have learnt a lot from the experience this Cartoon Art Gallery offered. It had been a great Honor be appointed as Country Head of IWS UAE( International Watercolor Society-UAE) and also the Advisory Board Member of International Watercolor Society-Globe since 2015

Do you a have a favorite painting?
I do have some favorite pieces- Affection (oil), my most favorite, I painting while I was carry my baby Shannon –it depective the love of Mother and Baby. Bold Beauties and Camel and Master are other favorites in watercolor.

 

Do you represent artists only from UAE or from around the globe?
I do represent watercolorist of UAE gobally as Country Head of International Watercolor Society-UAE . Being a Gallery Manager ,I also represent Other Global Artist here in UAE.

What do you think about INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL UAE ?
It has been a long awaited Dream. As things are moving am nervous at the same time excited also. The entries from various parts of the Globe . Majority of artwork is from Iran.
This International Watercolor Festival will establish Watercolor a a popular Medium of UAE. This will also increase the demand for watercolor artwork, realistic and urban sketching….

 

What other events are planned?
9th Nov we have Watercolor exhibition followe by demonstrations and workshops of Renowned Watercolorist Amit Kapoor,Vice-President of International Watercolor Society- Global.
Followed by Big Cat show- Photography Exhibition by Paws Trails.Little Prince Art show by Zimzy Gallery,Many solo exhibitions,Student Art Show by DPS… Many more.

As a part of International Watercolor Festival We will have Opening Ceremony, Inauguration of International Exhibition, Live painting or Plein air, Demonstrations and workshops by Famous Masters, and Award Ceremony Feb 22 –Feb 25 ,2018. After this we will also be having a painting tour in all the Emirates.

What criteria do you use to choose the artists to represent?
The Artist and their quality of work.

 

What do you think about paintings by Mrs Rafah Abdulrazzak?
Rafah  is a very dedicated Artist who is sincere to herself and Art. She Expresses her self, her dreams, her sensitivity, her strength,and beauty of nature through her paintings. She paints what she is passionate about. Rafah is very talented Artist and a wonderful person whom I am happy to associate.

Ms Rafah Abdulrazzak

 

 

How do you spend your free time?
Most of my free time I enjoy painting especially watercolors. I find so much of joy and inner peace. I always carry a little sketch book,small palette and water brushes where ever I go. I also try to spend quality time with my family and sometimes try hand in gardening too.


What memories you have of India ?
I treasure the good times spend wit h my families and friends, the beautiful panoramic beauty on my ocassional visits to various places like Munnar,Simla,Darjeeling,Madhyapradesh,Sikkim and of course Kerala and Bangalore my hometowns.

Rosina Ughetto, il Counselor che sbarca con successo su Skype e lavora con la musica

( Alessandra Giorda) La musica come strumento di lavoro già usato in psicologia e ed in molte cliniche americane per ridurre lo stress, calmare i nervi e favorire benefici anche all’apparto cardo-circolatorio, è un valido strumento per un Counselor come la Dott.ssa Rosina Ughetto. In Italia c’è ancora molta confusione tra la figura del Counselor , quella dello psicologo e quella dello psichiatra. Le ultime due più conosciute, mentre della prima poco si sa, seppur molte sono le persone che si rivolgono a questa figura specifica. La Dott.ssa Ughetto, professionista d’eccellenza che opera in Piemonte, ha da un pò di tempo allargato il raggio d’azione con consulenze anche via Skype, direttamente dal suo studio in assoluta privacy. Tramite questo ormai molto usato mezzo di comunicazione, ci si può vedere, colloquiare per una “seduta”  perfettamente professionale ed allo stesso tempo essere in luoghi diversi. Infatti tra i suoi clienti assidui, importanti manager, attori, cantanti lirici ed altri artisti costretti a viaggiare per lavoro.  Tanto si spasima il successo quando non arriva, quando sembra che  questa è la volta giusta per dare una svolta alla tua vita, ma sembra sfuggire. Altre sono le problematiche invece per molte persone che hanno raggiunto l’obiettivo, ma che sentono il peso del successo. Non a caso Star internazionali soffrono di ansia da prestazione, depressione e attacchi di panico che colpiscono sempre più le persone di ogni età e sesso. Che dire poi delle relazioni interpersonali , in ufficio , sul palco a casa, su un set cinematografico o tra amici, figli e partner ? Ci si sente a disagio? Chiusi in una gabbia ? Non si trova un via d’uscita? Si soffre di bulimia o anoressia? Tutto questo e molto altro è oggetto di consulenza anche con un esperto come il Counselor. Nell’intervista a seguire la Dott.ssa Rosina Ughetto spiega la figura del Counselor e pone varie domande a chi leggerà quanto di seguito scritto . Quali saranno le Vostre risposte?

 

In Italia non è ancora ben chiara la figura del Counselor rispetto a quella dello psicologo. Ci chiarisci bene cosa fa il Counselor?
Il Counselor è un professionista nella relazione di aiuto Per collocare questa professione parto dal fatto che
non è legato alla salute mentale del cliente, i professionisti interessati alla salute mentale sono: Psichiatra, Psicoterapeuta e Psicologo.
Il Counselor è una professionista impegnato nel sociale ed aiuta con l’ASCOLTO, L’OSSERVAZIONE coloro che stanno vivendo un momento esistenziale di difficoltà , incertezza e che vogliono far chiarezza in alcuni aspetti di sé.
Il Counselor è un esperto di comunicazione e relazione, in grado di facilitare un percorso di consapevolezza nel cliente, affinchè trovi dentro di sé le risorse per aiutarsi..Il counselor esprime una grande Fiducia nelle risorse dell’Essere Umano e quindi favorisce l’Autostima proprio perchè trasmette questo senso di Fiducia nelle risorse del cliente.
Il Counselor non si sostituisce mai alla persona che aiuta, lascia la responsabilità di prendere le proprie decisioni, comprendendolo empaticamente.

Con successo hai iniziato a lavorare via Skype con sedute vere e proprie come se le persone venissero nel tuo studio. Lavori  in Italia ed Estero tu dal tuo studio e chi necessita della tua consulenza da dove si trova. Qualche remora maggiore c’è ancora in Italia, perché qualcuno sembra avere un blocco a parlare davanti a Skype. Come superare questo ostacolo posto dalla mente umana?
Si ho iniziato a lavorare via Skype all’Estero ed in Italia, in quest’ultima la tecnologia ha valenza per diverse forme ad ampio spettro, per il counseling credo ci siano dei timori, tipo: la paura di esprimere il problema che si sta vivendo ad una persona che non si conosce attraverso il pc , il timore della critica, del giudizio, la paura dell’esporsi e il non fidarsi.

Ovviamente la privacy è garantita?

Noi siamo strettamente legati alla privacy, non possiamo condividere nessun tipo di vissuto dei clienti in counseling.

La musica per te è anche uno strumento di lavoro. Racconta
La musica è un grande aiuto perchè fa vibrare su un’altra corda. Quando siamo molto tesi ci può far rilassare, ci può procurare gioia, allegria e serenità. E’ importante insieme al cliente trovare il grande dono che ci può regalare la musica.

Per un cantante lirico o di altro genere, attore, manager o chiunque, quanto è importante per il successo della sua carriera avere ben chiari i propri obiettivi che spesso non collimano con la propria autostima ?

Certamente è fondamentale che la persona di successo abbia gli obiettivi chiari su ciò che più desidera nella vita, ma a volte per motivi diversi ci si trova in un momento di incertezza, di difficoltà, di confusione ed è necessario un Counselor che ascolti, osservi e riformuli i concetti affinchè la persona possa fare chiarezza dentro di sé  e ritrovare le risorse per aiutarsi.

Più l’artista o il manager è di successo , più sente la grande responsabilità di fare bene ed è lì che si può vacillare psicologicamente. Come commenti?

L’artista ( si vorrebbe che tutto e sempre andasse per il meglio) quando sente la grande responsabilità di far bene sta vivendo forse la paura di sbagliare? Quanto crede in se stesso? Quanto teme che il successo gli sfugga di mano?
Quanto si tende a controllare tutto e tutti? Quanto ci si fida di Se Stessi? Questi punti di domanda vogliono essere fonte di una CONSAPEVOLEZZA di Sè, per attivare le proprie risorse .

Molto importante nella vita privata e lavorativa sono le relazioni interpersonali, spesso complicate da gestire anche a causa di un gran disperdio di energia ed incavolature. Come imparare ad arginare tutto ciò per una relazione serena o che quanto meno non ci procuri danno?

La cosa utile da focalizzare nelle relazioni è che OGNUNO è DIVERSO, è a sé.
Siamo cresciuti da genitori diversi, abbiamo avuto educatori diversi, abbiamo avuto esperienze diverse, quindi ognuno vede il MONDO CON LENTI DI COLORE DIVERSO.
In genere si cerca di cambiare l’altro anzichè accettarlo così com’è…perchè ciò che diciamo noi è GIUSTO ed invece CIO’ che dice l’ALTRO/A è errato.
Uno degli strumenti chiave per vivere la relazione armonica con la gioia di stare bene insieme, senza sofferenza è iniziare a COMUNICARE, ESPRIMERE Il PROPRIO SENTIRE, senza puntare il dito sull’ALTRO in forma accusatoria, ma bensì confrontandosi SENZA VOLER CAMBIARE L’ALTRO/A, lasciando andare condizionamenti, credenze e altro.

Si sa di essere competenti nel proprio lavoro, ma il successo tanto ambito non arriva. Perche? Come puoi aiutare chi si rivolge a te ?

Quando noi sappiamo di essere bravi è buona cosa a livello interiore, perchè vengono riconosciuti i propri potenziali legati al VALORE-AUTOSTIMA. Aquesta domanda non sono in grado di rispondere senza aver ascoltato e osservato il cliente che vive questo disagio; è troppo ampio l’argomento e….potrebbe essere la PAURA di diventare una persona di successo, la PAURA di non farcela….la PAURA di affrontare cose NUOVE…..

http://www.animatorino.it/   

When I hold my brush I forgot everything and I get transported to another world full of dreams.

( Alessandra Giorda, Turin-Italy) Among the important cultural events taking place in the United Arab Emirates is the recently concluded ART EXHIBITION, at the Antique Museum, successfully inaugurated by the Director of Cultural Events in UAE, Mr Yasser Al Gargawi, where many artists have performed their work. Among the many masterpieces exhibited, Mrs. Rafah Abdulrazzak’s are an expression of undisputed talent where passion and feeling triumphs. A set of decisive and contrasting colors harmonize perfectly capturing the eyes of those who admire her paintings. Each painting tells  story, emotions, a slice of life between joy and sorrow, amazement and melancholy. Mrs. Abdulrazzak is a woman of great sensitivity, besides the tangible qualities of a painter, who paints jovial themes such as sea waves, horses and themes as strong and deep as the suffering of children, the drama of the war experienced by mothers who, in see blood and terror, try to protect their babies. Rafah was born in Syria and graduated in English Literature at the University of Damascus. Happily married and mother, she has always cultivated painting hobbies and step by step from self-taught she has become an important artist reaching the dream of having an exhibition where she exhibits her paintings. With Rafah’s sweetness and sympathy, in the interview to be followed, there is talk of emotions and dreams between public and private, between reality and anticipation. In fact, in February 2018, the INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL will be held in Dubai. There are so many requests by participants from the globe that the date, for membership, has been extended.

When did you paint the first picture?
I started my first painting in 2009. I was at the beach watching the sunset and remembered that I haven’t held a brush for long time. That was my beginning, as I didn’t study art but it’s always been my hobby.

Where do you get inspiration for your paintings?


The environment around me constantly inspires me, so I draw nature scenes such as waterfalls, waves in the sea and colorful flowers. I also like to draw peacocks, horses and tigers. One topic that made a big impact in my paintings is childhood suffering. l paint underprivileged children from different countries to remind people that there are still children suffering everyday around the world. I also enjoy drawing famous heritage sites in my country Syria, that bring back beautiful memories

What it means to paint for you?
Painting is my passion. I use colors to express myself, when I hold my brush I forgot everything and I get transported to another world full of dreams. But I still portray how I am really feeling onto the canvas.

What is your favorite painting?

I love all my paintings. Each one means a lot to me. But I do have a favorite technique that I use, which is palette knife painting. Knife painting is when you put thick layers of random colors to create a textured, three-dimensioned effect that you want to reflect onto the canvas.

What emotions did you feel at event “ ART EXIBITION” ?
This event was my first solo exhibition where I exhibited all my paintings that I worked on since the beginning. It has always been my dream to have a solo exhibition and I did it! With the help and support of my husband ,my friend Mrs Mrinmay Sebastian the gallery manager at Cartoon Art Gallery, my talented daughter who organized the event for me and the love and support of my family and friends.

The leitmotiv of this prestigoius event is: “ Art is Life, Life is Art”. What do you think about it?

Actually this event was wonderful. It is something different to see, where antiques and paintings were both showcased in the same place.
Art to every artist is like breathing. It is a huge part of our life. For me art means everything without it my life has no meaning. When I am happy or sad I like to hold my brushes and paint to express myself. Art is the motive to spread love and peace in the whole world.

What do you think about Mr Yasser Al Gargawi, Director of Cultural Events, UAE?


Mr Yasser Al Gargawi is a very important figure in the cultural field in the UAE. He always makes time to help and support emerging artists in the country. He is very well educated about art, he discusses and conversed with the artist on every single artwork to learn from them as well as share his knowledge with them.

This painting is wonderful ! The eyes of woman are so expressive and strike at the heart. It is characterized by bold and harmonius colors. How do you describe it ?

This painting is one of my favorite paintings. I drew it when blood shed and war were everywhere in the world. This painting is a combination of love and fear. I am a mother and I know how a mother feels when she tries her best to shield and protect her baby from the danger during the war. I paint it, I feel it, so it comes from my heart.

On February 2018 an other important event :INTERNATIONAL WATERCOLOR FESTIVAL UAE. A preview?

It is the first ever International Watercolor Festival in the UAE. It is a call for watercolor artists all around the globe to come to Dubai and highlight art of the UAE and let it to be a stage for World art. It is also a call for world masters and young artists to promote their art and to express themselves. The International Watercolor Society (IWS) association has branches in almost 90 countries and was inaugurated by Atanur Dogan President of IWS global in 2015. Mrs. Mrinmay C. Sebastian was appointed Country head for IWS in the UAE. She is the gallery manager of Cartoon Art Gallery in Dubai. I am excited to participate in this event to help Mrs. Mrinmay, as a volunteer.

 

 

 

Who is Rafah Abdulrazzak when she does no paint?
I am a Syrian artist who lives in Dubai, I graduated from the University of Damascus and got a bachelors degree in English Literature. When I’m not painting I am either at home taking care of my family or I am out socializing with friends and fellow artists. I manage to keep a balance between my duties and my art, so I get to enjoy the best of both worlds.

Dipingo la sofferenza infantile per ricordare che ci sono bambini che soffrono nel mondo

( Alessandra Giorda) Tra gli importanti eventi culturali che si svolgono negli Emirati Arabi Uniti è da poco terminato ART EXHIBITION, presso l’Antique Museum, inaugurato con successo dal Direttore degli Eventi Culturali in UAE, Mr Yasser Al Gargawi dove moltissimi artisti hanno esibito i loro lavori. Tra i molti capolavori esposti, quelli  di Mrs. Rafah Abdulrazzak sono espressione di un talento indiscusso dove passione e sentimento la fanno da padrona. Un insieme di colori decisi e contrastanti si armonizzano perfettamente catturando gli occhi di chi ammira i suoi quadri. Ogni dipinto racconta la sua storia, le emozioni, una fetta di vissuto tra gioia e dolore, tra stupore e malinconia. Mrs Abdulrazzak è una donna dotata di grande sensibilità, oltre alle tangibili doti di pittrice, che dipinge temi gioviali come le onde del mare, i cavalli e temi forti e profondi come la sofferenza dei bambini, il dramma della guerra vissuto dalle madri che, nel vedere sangue e terrore, cercano di proteggere i loro pargoli. Rafah è nata in Siria e si è laureata in Letteratura Inglese all’Università di Damasco. Felicemente sposata e madre, da sempre coltiva l’hobby della pittura e passo dopo passo da autodidatta è diventata un’artista di notevole spessore raggiungendo il sogno di avere una mostra dove esporre i suoi quadri. Con dolcezza e simpatia Rafah nell’intervista a seguire si racconta tra emozioni e sogni, tra pubblico e privato, tra realtà e anticipazioni. Infatti nel mese di Febbraio 2018 si svolgerà l’INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL a Dubai. Tante sono le richieste dei partecipanti, da tutto il mondo, che è  stata prolungata la data per  le adesioni.

Quando hai realizzato il tuo primo dipinto?
Ho iniziato a dipingere il mio primo quadro nel 2009. Ero in spiaggia a guardare il tramonto e mi sono ricordata che era da tempo che non prendevo il pennello in mano. Questo è stato il mio inizio, poiché non ho studiato arte, ma  è sempre stato il mio hobby preferito.

Dove trai ispirazione per i tuoi quadri?

L’ambiente che mi circonda costantemente mi ispira, quindi traggo spunto dagli scenari che la natura offre come le cascate, le onde in mare ed i fiori colorati. Mi piace anche disegnare pavoni, cavalli e tigri.
Un tema che ha avuto un grande impatto nei miei dipinti è la sofferenza infantile. Vorrei dipingere i bambini svantaggiati provenienti da diversi paesi per ricordare alle persone che esistono ancora bimbi che soffrono quotidianamente in tutto il mondo. Mi piace anche disegnare i luoghi che costituiscono un patrimonio importante nel mio paese, la  Siria, e dai quali si traggono bei ricordi.


Che cosa rappresenta per te la pittura?

La pittura è la mia passione.  Uso i colori per esprimermi, quando tengo in mano il mio pennello  dimentico tutto e mi trasferisco  in un altro mondo pieno di sogni.

 

Quali emozioni hai provato all’evento” ART EXHIBITION”?
Questo evento è stato la mia prima mostra personale dove ho esposto tutte le mie opere che ho dipinto da quando ho iniziato. È sempre stato il mio sogno  avere una mostra personale e ci sono riuscita! Con l’aiuto ed il sostegno di mio marito, della mia amica, la signora Mrinmay Sebastian, del responsabile della galleria della Cartoon Art Gallery,di  mia figlia che con talento  ha organizzato l’evento per me, il tutto coadiuvato dall’amore e dall’ausilio della mia famiglia e degli amici. È singolare vedere,  gli oggetti d’antiquariato e le pitture  entrambi esposti nello stesso posto.

Il leitmotiv di questo evento è :” Art is Life, Life is Art”. Come commenti?
L’arte per ogni artista è come la respirazione. È una parte enorme della nostra vita. Per me l’arte significa tutto, senza, la mia vita non avrebbe alcun significato.  L’arte è un mezzo per diffondere l’amore e la pace in tutto il mondo.  Questo evento è stato meraviglioso.

Un tuo commento riguardo Mr. Yasser Al Gargawi, Direttore degli Eventi Culturali?

Mr. Yasser Al Gargawi è una figura molto importante nel settore culturale negli Emirati Arabi Uniti. Si adopera parecchio per aiutare e sostenere artisti emergenti nel paese. È molto competente nel settore dell’arte, discute e conversa con l’artista su ogni singola opera  per imparare da ognuno e condividere con loro le conoscenze.

 

 

Questo quadro è meraviglioso! Gli occhi della donna sono così espressivi che colpiscono al cuore. E’ caratterizzato da colori decisi ed armoniosi. Cosa ne pensi?
E’ uno dei miei  preferiti. Ho tratto spunto quando il sangue scorreva e la guerra era ovunque nel mondo. Questo dipinto è una combinazione di amore e paura. Sono una madre e so come si sente una mamma quando cerca di proteggere il suo bambino dal pericolo durante la guerra. Lo dipingo, lo sento, quindi viene dal mio cuore.

 

Qual è il tuo dipinto preferito?

Amo tutti i miei dipinti. Ognuno significa molto per me. Tuttavia  ho una tecnica preferita che uso, che è la pittura con spatola o a coltellina. La pittura a coltellina è quando si inseriscono strati spessi di colori casuali per creare un effetto testurizzato e tridimensionale che si desidera produrre su tela.

 

 

A Febbraio 2018 ci sarà un altro importante evento: INTERNATIONAL WATERCOLOUR FESTIVAL UAE. Un’anticipazione?

È il primo Festival Internazionale di Acquerelli  negli Emirati Arabi Uniti. E ‘un invito per gli artisti “acquerellisti” in tutto il mondo a venire a Dubai per evidenziare l’arte degli Emirati Arabi Uniti e lasciare un loro segno. È anche  una possibilità per i maestri del mondo e i giovani artisti  di promuovere la loro arte ed esprimere se stessi. L’International Watercolor Society (IWS) ha filiali in quasi 90 paesi ed è stata inaugurata da Atanur Dogan Presidente di IWS Global nel 2015. La sig.ra Mrinmay C. Sebastian è stata nominata Responsabile del paese per IWS negli Emirati Arabi Uniti. È la manager della galleria di Cartoon Art Gallery di Dubai. Sono entusiasta di partecipare a questo evento per aiutare la signora Mrinmay, come volontaria.

 

Chi è Rafah Abdulrazzak quando non dipinge?
Sono un artista siriana che vive a Dubai, sono laureata all’Università di Damasco e ho conseguito la laurea in letteratura inglese. Quando non dipingo, sono a casa a prendermi cura della mia famiglia o sono fuori socializzare con amici e colleghi artisti. Riesco a mantenere un equilibrio tra i miei doveri e la mia arte, quindi ottengo il meglio da entrambi i mondi.

Mio nonno Giacomo Puccini, una persona dedita alla musica ed alla famiglia

( Alessandra Giorda) Seduta su di una panchina con la Signora Simonetta Puccini, nello splendido giardino di Villa Museo Puccini durante una gradevole conversazione, ha preso corpo l’intervista a seguire nella quale la nipote del celebre compositore ricorda suo nonno e racconta gli obiettivi  futuri. Molti i temi affrontati, dalle emozioni provate  quando ascolta la musica e va a teatro a vedere le opere del nonno Giacomo, al lavoro intenso che ogni giorno la Signora Puccini compie, dall’ampliamento di Villa Museo Puccini al prodigarsi per aumentare i già copiosi visitatori che ogni anno si recano a Torre del Lago in visita alla Villa ed ai luoghi pucciniani. Meno nota è la spiritualità del M° Puccini  che la nipote racconta facendo conoscere il compositore toscano in un aspetto più intimo e veritiero che è in netta contrapposizione con fa falsa nomea di tombeur de femmes che fa infuriare la Signora Simonetta .

 

Quali sono i ricordi che ha di suo nonno ?

Non l’ho mai conosciuto. Sono nata dopo la sua morte, me ne ha parlato sempre mio padre pur essendo un uomo molto reticente riguardo a questo argomento, dovuto alla grande sofferenza che ha provato quando suo padre è morto.

Quali emozioni prova nel vedere costantemente un enorme interesse qui a Villa Museo Puccini con numerose persone che provengono da ogni parte del mondo per visitare la casa dove suo nonno ha vissuto e composto parte delle sue opere più famose?

Mi occupo soprattutto della sua casa e dei suoi ricordi, faccio tutto con grande piacere ed emozione, ma non mi soffermo su questi aspetti. La mia giornata inizia presto e finisce tardi per il molto lavoro che ogni giorno svolgo, coadiuvata da un ottimo staff che mi aiuta . Senza dubbio mi rende immensamente felice vedere quanta gente nel mondo apprezza tutto il lavoro che mio nonno ha fatto.

Le capita di discorrere con qualche visitatore e cosa le chiede?

Le persone vogliono sapere qualche dettaglio sulla vita di mio nonno o sulle sue opere. E’ sempre bello, quando posso,  dedicarmi ai visitatori cercando di soddisfare le loro richieste.

Qual è l’opera che ha composto suo nonno che gradisce maggiormente e perchè?

Mi pongono questa domanda in parecchie persone . Posso affermare che mi piacciono tutte, ma quella che prediligo in assoluto è Manon Lescaut. E’ l’opera della giovinezza ed è la prima che ha avuto un notevole successo. Mi appassiona la storia e l’ambiente francese.

(Manon Lescaut prima rappresentazione il 1° Febbraio 1893 al Teatro Regio di Torino alla presenza del compositore Giacomo Puccini. Racconta l’ambiente gioviale di un gruppo di giovani studenti sul tema dell’amore e della giovinezza. Si svolge alle porte di Parigi  la storia d’amore tra Manon  e Des Grieux, dopo  ad un fallito tradimento del fratello Lescaut.)

 Il M° Giacomo Puccini aveva una sensibilità tale da comporre una musica che colpisce al cuore e smuove emozioni profonde nell’ascoltatore.  Quali sensazioni prova  prova lei?

Questo è difficile da spiegare. In genere sono per la vita attiva e sono sempre nel moto perpetuo del fare, quindi poco mi soffermo nell’ascoltare le emozioni, mentre quando vado a teatro mi concentro totalmente sulle opere composte da mio nonno e provo sensazioni notevoli. Capita di tanto in tanto che riesca ad  ascoltare  anche un’opera a casa. Mi immergo nella musica con grande sentimento.

Lavora molto nel portare avanti  Villa Museo Piccini. Cosa vede in un prossimo futuro e quali sono gli obiettivi che persegue?

L’obiettivo principale è quello di farla conoscere sempre più in ogni parte del mondo. Abbiamo oltre 20 mila visitatori l’anno provenienti dall’Italia ed Estero con un gran lavoro soprattutto nei mesi estivi . La villa Museo è aperta tutto l’anno tranne novembre. Vorrei avere dei servizi migliori. Ora stiamo preparando una sede adiacente al Museo dove saranno ubicati alcuni servizi necessari alla vita del Museo, la biblioteca, l’archivio e alcune sale di ricevimento per le scuole e gli studiosi.

Suo nonno oltre, ad un grande compositore, era ritenuto un tombeur de femmes, come commenta?

Questo argomento mi fa andare su tutte le furie ! E’ stato usato da rivali per adombrare la popolarità e la bravura di   mio nonno  che era un gran bell’uomo, dotato di una sensibilità notevole,  piaceva alle donne ed era famoso . Nulla di più . E’ sempre stata una persona integerrima che si è dedicata alla famiglia ed alla musica . Era un uomo normale .

Meno nota è la spiritualità di suo nonno, messa in luce  dallo scrittore Oriano De Ranieri nel bellissimo libro ” La religiosità in PUCCINI. Cosa racconta di questo aspetto?

Mio nonno proveniva da una famiglia molto religiosa, una delle sorelle, a cui lui era molto legato, era suora e la fede ha avuto grande importanza nella sua vita, infatti di tanto in tanto ne accenna. Il suo spirito era in continua ricerca ed evoluzione nella fede, ma sempre vissuto in maniera intima e riservata.

Nel famoso Trittico , composto dal Gianni Schicchi , Il Tabarro e Suor Angelica, per quest’ultima opera suo nonno si è ispirato a sua sorella?

Non è dedicata alla sorella, ma si è ispirato al convento dove mio nonno era anche benefattore e andava regolarmente a trovarla.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo stile di Rossini è quasi “Rock & Roll” dell ‘800

 (Alessandra Giorda) Da Santiago del Cile l’intervista a seguire che vede protagonista il M°José Miguel Pérez Sierra che ha egregiamente diretto la Cenerentola di Rossini al Teatro Municipal della capitale cilena. E’ considerato uno dei più capaci direttori del momento conquistandosi l’attenzione degli addetti al lavoro a livello nazionale ed internazionale. Con Rossini è stato il più giovane direttore salito sul podio del ROF nel 2006 ( Rossini Opera Festival) e con il cigno di Pesaro continua a conquistare pubblico e critica in giro per il mondo. A Novembre prossimo il suo debutto nel prestigioso Teatro dell’Opera di Montreal e il Nord America lo attende con impazienza. Il suo repertorio varia da Donizetti a  Bellini e Verdi senza tralasciare Puccini e Mascagni. Artista di successo, marito felice e padre amorevole. Si ritiene soddisfatto della sua vita con molti sogni realizzati ed altri da realizzare. Molto chiaramente descrive il suo obiettivo, motore fondamentale per il lavoro, una vera e propria mission: la diffusione della musica Paese dopo Paese, persone dopo persona. Da grandi a piccini senza tralasciare nessuno. Ricorda i  primi passi nella carriera da concertista insoddisfatto, trovando poi  la sua strada come direttore d’orchestra e dando completezza alla sua vita.

Come nasce la tua passione per la direzione musicale?

È stato un processo naturale… Mi sono diplomato in pianoforte a 16 anni e all’epoca la mia vocazione era quella di diventare concertista. Ho intrapreso questa strada per 4 anni, ma non giovava al mio carattere. Sono troppo socievole, ho bisogno di collaborare con altre persone per sentirmi a mio agio e il pianoforte mi teneva chiuso in solitudine 8, 10, a volte 14 ore al giorno in epoca di competizioni e tournèe. Questo era un enorme peso a livello personale e temevo di cominciare a perdere pian piano il mio amore infinito per la musica. Fu così che cominciai a fare musica da camera. Prima con un violinista, poi un trio, poi quartetti con pianoforte, infine il quintetto e mi rendevo conto poco alla volta che, più grande era il gruppo, più ero felice di fare musica. A un certo punto mi sono domandato: che succederebbe se provassi a fare musica con un’orchestra o con orchestra, coro, solisti, come succede nell’opera? Ho voluto dare risposta a questa domanda iniziando a studiare direzione d’orchestra. Così si aprì la strada che mi ha condotto fin qui!

Sei il più giovane direttore musicale salito sul podio del prestigioso Rossini Opera Festival. Quali sono i segreti catturati e come ti hanno aiutato nella tua brillante carriera?

La mia esperienza rossiniana inizia di pari passo con i miei studi come direttore. La musica per me fino a quel momento era il grande repertorio romantico e del XX secolo per pianoforte: Chopin, Listz, Brahms, Scriabin, Rachmaninov, Prokofiev… era proprio questo il repertorio quello che mi interessava di più anche a livello orchestrale. Il destino volle che nell’anno 2003 conoscessi Alberto Zedda e da allora mi sono appassionato per questo autore che, fino a quel momento, era per me un enigma. Con il Maestro, recentemente scomparso, ho avuto l’immensa fortuna di condividere 14 anni di collaborazione musicale e amicizia fraterna, nei quali non ho smesso mai di meravigliarmi per la sua vasta cultura , cercando di fare tesoro di tutti i suoi insegnamenti. Il suo invito nel 2006 per dirigere Il Viaggio a Reims dell’Accademia al ROF non fece che confermare la mia “immersione totale” nella figura di Rossini, che  è andata avanti fino ad oggi. Mi considero un direttore versatile, mi piace fare musica di tutti i periodi e tutte le nazioni, sia lirica che sinfonica. Autori come Verdi, Puccini, Wagner, Dvorak, Mahler, Bruckner, Strauss… stanno sempre nel mio calendario. Tuttavia dal 2006 Rossini è diventato  parte importante della mia attività.

 Quali emozioni ti dà Rossini?

Rossini è un autore molto intellettuale non  dall’emozione facile. Nelle sue opere possiamo osservare sentimenti, ma non sentimentalismo, effetti, ma non voglia di effettismo. Quando dirigo Rossini provo emozione ed anche quando penso che sto riuscendo a condurre in modo giusto la sua musica e la sua maniera personalissima di far teatro musicale. Cosi come quando  ho la sensazione di essere capace di esaltare tutti i bisogni espressivi delle sue partiture. Altri compositori ci danno un blocco di marmo con una scultura ben abbozzata e dipende da noi dare gli ultimi colpi in maniera di rifinire le loro intenzioni o meno. Rossini ci consegna terra umida ed un torno,  è responsabilità assoluta dell’interprete decidere quale forma vuol dare alla scultura ed in che maniera vuole rifinirla. Rossini può essere fragile come la terracotta, ma ha anche le sue infinite possibilità creative dentro la ricreazione.

Il cigno di Pesaro ha uno stile dal quale si evince una notevole brillantezza ritmica mettendo in evidenza la sua unicità dallo stile degli operisti del ‘700. Cosa ne pensi?

È vero, il ritmo ed il crescendo rossiniano sono due elementi che lo distinguono da tutti i compositori precedenti e da tutti quelli che verranno dopo di lui. È quasi “Rock & Roll” dell ‘800! Veramente geniale.

Sei reduce dalla direzione dall’opera Aureliano in Palmira, un commento?

È un’opera meravigliosa, con tanti elementi che ci rivelano già al grande Rossini serio di Semiramide e Guglielmo Tell. ” Aureliano” è l’opera veramente “propietaria” della sinfonia de Il Barbiere di Siviglia. Infatti, essa è seria, “guerriera”, non pensata per un’ opera buffa.  Risulta persino troppo aggressiva come apertura del Barbiere, pur se siamo già abituati a sentirla. Invece, in Aureliano si rivela il suo vero senso drammaturgico e Rossini riprende i suoi temi nella stretta del Finale Primo, in un esplosivo crescendo tipicamente rossiniano.

Perché quest’opera è meno rappresentata rispetto alle altre di Rossini?

Tutte le opere serie di Rossini sono, per ora, meno rappresentate delle popolarissime opere buffe. Dobbiamo tenere in conto che quasi 30 titoli rossiniani hanno passato più di un secolo sepolti nell’oblio. Il suo recupero lo dobbiamo principalmente ad Alberto Zedda ed ai musicologi collaboratori della Fondazione Rossini. E’ forse l’operazione di restituzione culturale più importante della seconda metà del XXesimo secolo. Grazie a questo, il Rossini serio ormai si può sentire in tutto il mondo anche se ancora non appartiene al così detto “repertorio”. Comunque, sono sicuro che se facessimo un’indagine da  40 anni fa ad oggi, Rossini sarebbe senza dubbio l’autore maggiormente preferito dal pubblico.

Riguardo al ritorno al Teatro Municipal a Santiago del Cile con la Cenerentola, cosa ci racconti ?

Il Municipal è un teatro molto speciale per me ! Ormai è la terza produzione che faccio con loro. Orchestra e coro sono ad un livello altissimo e tutto il personale del teatro si occupa di “coccolare” gli artisti come in pochi teatri al mondo. È sempre un piacere tornare e questa occasione è stata  particolarmente emozionante, poichè  si è trattato della prima Cenerentola che ho fatto dopo la scomparsa del Maestro Zedda. È un opera che ho studiato con lui e che mi porta tanti ricordi.

2015-04-17, Madril. José Miguel Pérez-Sierra, orkestra zuzendaria. Irudian, José Miguel Pérez-Sierra.
17-04-2015, Madrid. José Miguel Pérez-Sierra, director de orquesta. En la imagen, José Miguel Pérez-Sierra.

Sempre con lo stesso titolo a novembre il debutto in Canada all’Opera di Montreal. Senza dubbio un appuntamento importante, come commenti ?

Sono molto felice di questo mio debutto, non solo in Canada, ma anche in Nord America. L’Opera di Montreal è un teatro molto importante e a questo punto della mia attività professionale, senza dubbio è un appuntamento decisamente motivante.

Chi è il M° Pérez Sierra nel privato? Come trascorri il tempo libero?

Di tempo libero ce n’è veramente poco, hahaha… Anche quando sono a casa a Madrid, passo la maggior parte della giornata studiando; comunque trovo sempre tempo di fare il “papà” che è  la mia attività preferita. Cerco di stare con la mia famiglia il più possibile e cerco di “contagiare” le mie figlie con la mia altra grande passione: il calcio. Sono un grande tifoso del Real Madrid. Anche quando sono fuori, ovunque mi trovi al mondo, sempre trovo la maniera di poter seguire la mia squadra del cuore. Per il resto, adoro fare cose semplici: andare al cinema con mia moglie, uscire insieme con gli amici… Sono cose che per me, dato il poco tempo che passo a casa, sono straordinarie e doppiamente “saporite”.

Aprendo il cassetto dei sogni, cosa troviamo?

Troviamo un uomo felice, fortunato, con tanti sogni compiuti e tanti da compiere, ma senza fretta di farlo. Un uomo a cui piacerebbe davvero fare musica tutta la vita ed in tutto il mondo. Diffonderla  tra i giovani ed i bambini,  cercare di portare felicità con essa ad ogni popolo della Terra ed avvicinarla al pubblico in tutta la sua dimensione culturale e sociale. Questo è il vero sogno e la forza che mi muove!

Sono una Lady Macbeth sanguinaria, spietata e assetata di potere

( Alessandra Giorda) In occasione del Macbeth al Teatro Regio di Torino, incontro il soprano del momento: Anna Pirozzi. Donna piacevolissima e artista di notevole spessore. Partenopea di nascita, ma studia tra Aosta e Torino e la sua carriera vede la luce nel 2012 proprio nel teatro lirico della capitale subalpina. Colpisce ed affonda spettatori e critica dando un’impennata alla sua carriera che la porterà da subito ad essere considerata la prossima “Anita Cerquetti, il più grande soprano drammatico di coloratura dal 1945 a oggi.” Gira il mondo chiamata dai teatri più importanti e lavora con direttori d’orchestra di fama mondiale come Zubin Metha, Riccardo Muti e Gianandrea Noseda, solo per citarne alcuni. Nella vita privata è nuovamente mamma da due mesi, di un piccolo dolce bimbo, sul palco Anna Pirozzi è una Lady Macbeth spietata, sanguinaria e assetata di potere. Nell’intervista a seguire si racconta tra pubblico e privato. Come protagonista del Macbeth ai progetti futuri, senza dimenticare di volgere lo sguardo al passato quando si disperava per ottenere un’audizione nel prestigioso Teatro Regio, ai sogni nel cassetto che svelerà nell’intervista a seguire. La sua agenda è colma d’impegni e la sua famiglia è una meravigliosa squadra che la segue e l’aiuta in questo dolce momento che, a soli due mesi dal parto, vede il soprano lirico spinto scalare l’Olimpo della lirica confermandosi sempre vincente e trionfante.

 

 

Qualche anticipazione sulla tua Lady Macbeth?
E’ il mio personaggio preferito. Ha molte sfaccettature e posso mettere in luce tutti i lati del mio carattere da quello amorevole a quello rabbioso. Tengo molto a questo ruolo! L’ho interpretato parecchie volte ed ogni volta aggiungo qualcosa di nuovo in base anche alla regia. Questa del Regio è quella firmata da Emma Dante che ha già firmato la regia a Palermo. E’ molto forte, d’impatto e ritengo che se vista due o tre volte si coglie in pieno la genialità. Mi piace tantissimo e quindi riesco anche a dare il tutto quello che ho dentro per questa Lady Macbeth che è assetata di potere e di sangue. Ama vedere il sangue anche se poi non riesce a sopportare tanto orrore. E’ comunque una donna e come tale, ne parlavamo ieri tra il cast, forse avrebbe voluto avere dei figli da Macbeth. I loro sentimenti si sono trasformati in qualcosa di freddo e sono pervasi dalla rabbia. L’ascesa al potere porta i due ad una brutta fine. E’ senza dubbio una Lady come voleva Verdi che ha già scritto tutto nello spartito; colore , carattere e sensazioni. Il Maestro di Busseto infatti nella prima edizione diceva di mettere da parte un po’ il canto e soffermarsi di più sul testo. Verdi in quell’occasione è stato anche regista ed ha curato scene e movimenti.

Com’è il clima tra il cast?
Ci sono due cast e ci conosciamo tutti. Si è creato un clima gioviale e di amicizia. Senza dubbio c’è la voglia di fare bene e siamo estremamente concentrati sulla regia di Emma che ci chiede molto.

Come definiresti Emma Dante?
Un animale da palcoscenico! Una donna forte dal carattere tenace con tratti quasi mascolini. E’ stata molto carina a cogliere anche i nostri pensieri, ognuno di noi porta del suo ed è bello il confronto. Definirei Emma Dante: geniale.

Sei un soprano che ha molto Verdi nella sua carriera, cosa ti affascina di lui?
Non l’ho scelto io. La sua scrittura musicale mi è subito andata comoda per le mie corde. Sono una romantica e le sue eroine che amano totalmente fino a morire, mi attraggono parecchio. Inoltre sono attratta dalla forza guerriera come si delinea in Abigaille e Lady Macbeth perché sono donne complete dove io mi ci specchio dentro.

 

 

Che effetto ti fa cantare al Teatro Regio di Torino dove nel 2012 hai esordito?
Prima del 2012 ambivo tanto a questo teatro, cercavo sempre di ottenere audizioni ma non ci riuscivo perché ero nessuno, non avevo cantato in alcun teatro importante. Mi disperavo sempre più, ma intensificavo lo studio finchè una luce si accese per quella Amelia, dell’opera “ Un ballo in maschera” di Verdi, feci tre audizioni di cui l’ultima con il M° Noseda ed ottenni la parte.

Quali sentimenti hai provato in quel momento?
Dopo tanti sacrifici ero riuscita a raggiungere un traguardo tanto ambito. Quando ho saputo che ero stata scelta, ho pianto ! Ero commossa, felice finalmente che il mio momento fosse arrivato. Avevo raggiunto una meta, piccola forse per qualcuno, ma grande per me . Molta parte dei miei studi è stata fatta a Torino, la mia seconda città, e tutti mi conoscevano quindi volevo fare bella figura.

Nel tuo lavoro hai raggiunto un livello molto alto. E’ stato più difficile arrivare o è più arduo mantenere ?
Assolutamente più difficile mantenere tale livello. Ho debuttato nel 2012 e poi non mi sono più fermata e ho cantato nei teatri più prestigiosi del mondo. Confesso di non aver studiato molto in conservatorio, ma di più privatamente. Ho sempre avuto la predisposizione ad entrare velocemente nella parte, mentre ho studiato tanto la tecnica, quella che vogliono sentire i teatri, quella per la quale sono arrivata a questo punto. Prima c’era in me la natura ora, dopo parecchio studio per imparare a governare la mia voce, posso esibire anche la tecnica.

Sei da poco diventata nuovamente mamma del secondo figlio. Come riesci a conciliare il lavoro, che ti porta in giro per il mondo, con la famiglia?
Il mio bimbo ha due mesi, sto allattando ed è molto stancante. Spesso arrivo alle prove stanca e non riesco a dare il meglio, ma per le recite dormirò tutta la notte e sarò riposatissima, grazie alla meravigliosa squadra che ho intorno a me. Mio marito e mia mamma mi aiutano in tutto e saranno loro durante la notte a turnarsi per accudire il mio bambino.

La tua agenda è piena di importanti date dall’Italia all’Estero, da Edimburgo a Parigi, Londra , Tel Aviv, Madrid ….. A ottobre e novembre sarai alla Scala di Milano nuovamente con Verdi. Come commenti?
E’ un ritorno e sono felice! Tornarci con Nabucco, che è il mio cavallo di battaglia, mi rende serena e non vedo l’ora.

Un consiglio che daresti alle nuove generazioni che si apprestano a percorrere la loro strada nel campo lirico?
Non affrettarsi a cantare grandi ruoli in grandi teatri. Seguire le tappe è importante. Ho iniziato a cantare a venticinque anni, quindi tardi, ma non per il mio repertorio che necessità di una certa maturità caratteriale. Consiglio di studiare molto, poiché la competizione è tanta. Arrivano i ragazzi dall’Oriente preparatissimi tecnicamente, ma parchi del nostro canto italiano che il mondo ci invidia. Non dico che non vogliamo gli stranieri o che non ci piacciono, ma la gente appassionata d’opera cerca l’italianità che è un valore aggiunto che abbiamo. La preparazione deve essere ai massimi livelli e studiare tantissimo. Non smettere di studiare dopo il conservatorio e con un maestro valido, non importa che sia un grande nome.

Chi ringrazieresti tra i tuoi insegnati?
Voglio ringraziare tutti i maestri con i quali ho studiato ed in particolare qui a Torino la Signora Moyso, ma a colui che, ormai mi segue da anni e conosce perfettamente la mia voce, va un ringraziamento particolare: il baritono Federico Longhi.

Apriamo il cassetto dei sogni e cosa troviamo ?
Norma! Ruolo che debutterò all’ABAO di Bilbao prossimamente. Troviamo poi il Metropolitan di New York….

Su questa ultima location ci sono news, ossia si sta concretizzando il sogno?
Top secret ! Per ora nulla posso dire.

Dal Falstaff a Paciotti e Ramazzotti all’ EXPO di Astana 2017 in attesa di Dubai 2020

( Alessandra Giorda) Raggiunto via Skype, in una come sempre piacevolissima chiaccherata con l’Ambasciatore d’Italia Stefano Ravagnan in Kazakhstan, uomo dotato di grande simpatia e notevole cultura, si sono toccati vari argomenti per l’imminente EXPO di Astana 2017. Dal tema principale riguardante le energie rinnovabili, in un Paese che va a petrolio e carbone, ai vari e molteplici aspetti culturali che tale EXPO offre. Dalla tournèe del Teatro alla Scala di Milano con concerti e opera lirica a Federico Paciotti al Central Concert Hall fino alla musica leggera italiana con Eros Ramazzotti. Attesi 5 milioni di visitatori, parte dei quali provenienti da Paesi limitrofi. L’aliquota dei Paesi non vicini si stima sia intorno al 15% con grande attenzione da parte di Cina e Russia e circa 50 mila provenienti dall’Europa.

Il Kazakhstan è un meraviglioso Paese tutto da scoprire e spesso ingiustamente poco annoverato tra le rotte turistiche di maggiore rilievo. Tale EXPO, che fa da cuscinetto tra quella passata di Milano 2015 e quella futura e molto attesa a livello mondiale di Dubai 2020, è un’occasione anche per conoscere meglio questo Paese dai mille risvolti.

Nell’intervista a seguire l’Ambasciatore Stefano Ravagnan illustra l’imminente appuntamento che inizierà il 10 Giugno e terminerà il 10 Settembre 2017.

 

 

Il tema dell’EXPO 2017 : l’energia del futuro. Come verrà sviluppato da parte italiana?

Valorizzeremo le caratteristiche di un Paese povero di energia  tradizionale di idrocarburi che è riuscito a diventare una potenza internazionale. Sarà la storia che si sviluppa lungo un cammino di parecchi anni, partendo dalle grandi menti, dai grandi scienziati e proprio dal più visionario, ossia Leonardo, per proseguire con gli altri come Fermi, Pacinotti e Volta. Quindi la storia accompagnerà il visitatore insieme ad immagini e suggestioni, che speriamo colgano nel segno, abbinando le bellezze dell’Italia alla parte di maggiore approfondimento sull’energia e lo condurrà  a ciò che si è fatto di notevole sulle rinnovabili.

Quali sono i punti di forza?

I punti di forza del nostro padiglione sono vari . Uno  è il progetto che è molto bello e che valorizza il paesaggio tipico italiano, ossia la piazza. Sono quattro piazze intorno e dentro alle quali si gira con proiezioni a parete. Altro punto di forza è il coinvolgimento di quindici Regioni partecipanti ed a ogni settimana è dedicata a una Regione. Credo questo sia importante per una continua rotazione ed una continua novità di offerta al visitatore. Si snoderanno eventi culturali e scientifici organizzati dalle rispettive Università. Credo che il programma sia molto stimolante! E’ una piattaforma a scambio di idee e contenuti.

Altro aspetto a cui tengo è il coinvolgimento di volontari, studenti delle università italiane che studiano russo o che già parlano questa lingua. Un’occasione formativa notevole ricca di esperienza. Ci sono volontari tirocinanti da Genova, Bari, Roma…..

Altro punto di forza è l’Architetto Cantono che ha sviluppato un gran lavoro e che ha percorso l’Italia in lungo ed in largo accordandosi con le Regioni per mettere in luce risultati sia sul piano energetico sia sulle bellezze con il sistema delle interviste a gente per strada: dal giovane all’anziano, alla casalinga e al lavoratore dove ognuno racconta le sue esperienze sull’energia.

I preparativi di questa EXPO sono stati faticosi?

Si ! Ovunque, un’EXPO è da considerarsi un animale complesso. Posso confermare  di persona, finchè non ci sei dentro non te ne rendi conto di quanto lavoro si deve fare, ma devo anche confessare che al contempo è molto stimolante. Ogni volta che ci riuniamo con tutto lo staff è un proliferare di idee da quelle buone a quelle da scartare, ma sempre in continuo divenire.

Chi sono gli sponsor ?

I grandi nomi come Enel, Eni ed Enea insieme ad altri più piccoli, ma non per questo meno importanti.

Quali sono gli eventi culturali di maggiore risonanza

La tournèe del Teatro alla Scala di Milano con quattro recite di Falstaff di Verdi e due sere  di concerto con la Sinfonia n°9 in re minore di Beethoven. E’ già sold out per tutti gli appuntamenti. Il tutto sponsorizzato da Eni. C’è poi un vasto programma culturale sponsorizzato da EXPO Astana con il Teatro dell’Opera di Astana. Molti sono i concerti di musica classica  con artisti italiani . La Lombardia presenzierà con Massimiliano Finazzer con uno spettacolo che verte su un’intervista a Leonardo, nel padiglione a lui dedicato, ossia il Leonardo da Vinci e  l’intervista con Verdi al Teatro dell’Opera. Il 24 Giugno prossimo ci sarà il cantante  Federico Paciotti al Central Concert Hall con l’Accademia Santa Cecilia. Il 18 e 19 Agosto Eros Ramazzotti e molti altri. Gli eventi culturali saranno moltissimi  e diversificati per i gusti di tutti.

EXPO Astana 2017 fa da trait d’union tra EXPO Milano 2015 e EXPO Dubai 2020. Come commenta?

Parliamo di scale diverse. Quella di Milano e quella che ci sarà a Dubai sono due EXPO universali mentre quella di Astana è internazionale, ma non di minore importanza soprattutto in termini d’impegno. E’ una tappa intermedia tra due eventi mastodontici. Il Kazakhstan è un Paese giovane, si stanno per festeggiare i 25 anni e questa EXPO è una sfida notevolissima che credo avrà un gran successo. L’adrenalina cresce e tutto marcia meglio quando ci si avvicina alla data di inizio.

Questa EXPO rispetto a quella di Milano ha un valore aggiunto, perchè nel 2015 il padiglione kazako ha avuto un notevole successo posizionandosi tra i TOP 3 più visitati con oltre 1 milione e 200 mila visitatori ed ovviamente era strutturato per la promozione dell’EXPO Astana 2017.

Quali sono gli obiettivi di questa EXPO? C’è il desiderio d’imporsi maggiormente sui mercati esteri?

Certo che da un punto di vista politico c’è l’obiettivo di consacrare una visibilità a livello internazionale, anche se in parte il Kazakhstan gode già di una certa risonanza essendo l’unico Paese dell’Asia Centrale ad essere entrato quest’anno nel Consiglio di Sicurezza. Altro obiettivo è quello di affermarsi con iniziative di ampio rilievo. Il tema dell’EXPO è una sfida per questo Paese  che va ancora a carbone e petrolio. Quindi si punta ad un’apertura di credito sulla volontà di cambiare. E’ un punto di partenza! Conti che ad ora è meno dell’ 1% di energia da fonte rinnovabile, pur avendo potenzialità enormi considerando i vasti spazi, il vento ed  il sole, anche se siamo più famosi per la neve, ma le assicuro che c’è anche sole.

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages