Concordo con Richard Strauss: Falstaff è un vero capolavoro

( Alessandra Giorda) Artista di notevole spessore, il soprano Erika Grimaldi si è da tempo imposta sulle scene nazionali ed internazionali. Le sue doti vocali sono apprezzate in Italia nel mondo dall’Arena di Verona, al Bolshoi di Mosca, al San Francisco Opera senza dimenticare il Lincoln Center di New York…..Ha realizzato un album con il M° Gianandrea Noseda e la London Symphony Orchestra. Abituè di importanti appuntamenti come il Savonlinna Opera Festival ed il Festival Internazionale di Edimburgo. Durante un piacevolissimo incontro, nello storico Caffè Baratti & Milano a Torino, ha preso corpo l’intervista a seguire dalla quale si evince una Erika Grimaldi dolcissima e felicissima. A poco meno di un anno dall’essere diventata mamma, di una meravigliosa bimba di nome Esther, nel descrivere questa esperienza i suoi occhi brillano e la gestualità si fa ancora più dolce di quanto già non lo sia.  Domani al Teatro Regio sotto la Mole la Première di Falsfaff, opera che il soprano astigiano descrive nelle varie sfaccettature. Nel raccontarsi tra pubblico e privato confessa la preparazione per un nuovo ruolo che debutterà nel 2019.

Come sarà la tua Mrs. Alice Ford?

E’ un personaggio divertente e che fa combriccola  con le altre donne dove l’unione fa la forza. Quindi donne contro uomini. E’ una donna a cui piace ridere e scherzare che insieme alle altre trova piacere nella burla usata per rompere la quotidianità della vita. Quello che noi facciamo in scena è rappresentare un sano e puro divertimento.

Un commento sulla regia di Daniele Abbado?

La regia è molto carina, dotata di una piattaforma circolare non rotante e sopra la medesima ci sono tante botole dove i personaggi compaiono e scompaiono. Per noi è senza dubbio un pò scomodo perchè dobbiamo correre e salire o scendere scale piuttosto piccole. E’ in pendenza con una discesa verso il palco, quindi adatta per una perfetta visione dello spettatore. Ci sono lenzuola appese su dei cavi e vengono spesso mosse per creare insieme a noi del cast un gran movimento. Definirei questa regia tradizionale dove nulla è stato stravolto e perfettamente aderente al libretto. I costumi non sono d’epoca e nemmeno moderni, bensì una via di mezzo. Mi piace quando nulla viene mutato e si mette in scena l’opera così come deve essere da libretto.

Si annovera che il supremo fascino del Falstaff sta nel fatto che Verdi per la prima volta compì un’opera da musicista e non soltanto da autore teatrale. Come commenti?

Continua...

Making music together with James Conlon gives me great joy: memorably in Paris and Chicago

( Alessandra Giorda, Turin-Italy) Next Thursday Aga Mikolaj will be a protagonist in the waiting concert at Auditorium Rai in Turin.
A consummate concert artist, Aga Mikolaj has performed around the world in works by composers such as Mahler, Beethoven, Schubert, Strauss, Verdi, Penderecki and Szymanowski and she works with many conductors: Christoph von Dohnanyi, Sir Mark Elder, Marek Janowski, Mariss Jansons, Philippe Jordan, Zubin Mehta,  John Nelson, Krzysztof Penderecki….Aga Mikolaj has gone on to enjoy operatic success throughout Europe, the USA and Japan. In the interview to follow she is speaking about concert in Turin and new debut in the role as Tatyana in Semperoper  Dresden.  Other important role as Donna Elvira that she has also sung with the Los Angeles Philharmonic under Gustavo Dudamel and on tour with the Wiener Staatsoper at Spring Festival Budapest under Adam Fischer. Aga Mikolay has  a sensitive soul, like her garden and everything about nature.

What do you think about Auditorium Rai in Turin?

Last season I was very happy to make my debut in Torino with RAI National Orchestra and Maestro James Conlon. We sang Beethoven’s 9th Symphony in Oman and in Torino and it was a great collaboration!

What do you think about James Conlon, Conductor?
I’ve been very lucky to sing with Maestro Conlon a few times, memorably in Paris and Chicago. Making music together with Maestro Conlon gives me great joy. He creates a natural process in order to learn more about the interpretation and he has an excellent understanding about a singer’s “philosophy”. It is fanastic to work with someone some colourful when guiding us during the piece and it is a big pleasure for me to be hear again!

What will you sing in Turin?
This time we are going to sing Gustav Mahler`s  Das klagende Lied . It is one of Mahler`s early pieces, based on fairy tale with text written based on pieces of Ludwig Bechstein and Brothers Grimm.

Next work schedule Tatyana in Semperoper Dresden. Who is Tatyana, for you?
Yes , I am going to sing Tatyana in Semperoper Dresden this season, which will be my debut in the roles. I’ve been waiting to sing it for a while now! Tatyana is a role which every soprano loves to sing and portray on stage.

Why?

The story is very touching. Tatyana is an honest young girl from the country side, living her own world between reading books and dreaming, and suddenly she meets Onegin. She instantly falls in love with him, but he does not feel the same way at the beginning.
After few years they meet each other again in totally new circumstances.. and the drama continues.
Tchaikovsky’s genius perfectly expresses every kind of emotion. Tatyana is very naive in the first sways of love. But isn’t it wonderful to dream like that?

 

 

Differences  between Tatyana and Aga?
Tatyana from  Eugen Onegin“ is a very naive girl at the begining. She‘s living in a village reality and she knows only the best side of life, always dreaming, in the middle of a family idyll  without other experiences. Of course, there are many differences between me and Tatyana’s character. But this master work is talking about something universal. This opera relates to love, overwhelming emotions, expectations and difficult decisions – which everyone comes across in life. The music was written by a Russian composer so I think my Polish-Slavic soul can only help me with the most honest interpretation of Tatyana.

In a review by Elbamargarita: “Vocally the strongest and most versatile woman in the group is Aga Mikolaj’s Donna Elvira”. A comment, please?
Donna Elvira the absolute opposite character to Tatyana. Until now I’ve been very sucessfull in my interpretation of strong women on stage. To sing Donna Elvira from Mozart’s Don Giovanni you need to be a mature person with all the knowlege about the complicated structure of our emotions.

 

 

Mozart, Verdi and Strauss very important for your artistic career. Why ?
Mozart , Verdi , Strauss but also Mahler and Wagner. They all composed master pieces and their music is absolutely perfect for my voice! Not only operatic repertoire but also concert pieces.
Most of the works are written in German.. but of course the Italian language is the perfect language for singers !

 

How do you spend your free time?
Free time ? The only short moments at home with family and friends are very important for me. I also like my garden and everything about nature. But I am also still desperately learning to be a better driver and when I have an opportunity I love to go to the theater ir concert hall : just to enjoy art.

Lo stile di Rossini è quasi “Rock & Roll” dell ‘800

 (Alessandra Giorda) Da Santiago del Cile l’intervista a seguire che vede protagonista il M°José Miguel Pérez Sierra che ha egregiamente diretto la Cenerentola di Rossini al Teatro Municipal della capitale cilena. E’ considerato uno dei più capaci direttori del momento conquistandosi l’attenzione degli addetti al lavoro a livello nazionale ed internazionale. Con Rossini è stato il più giovane direttore salito sul podio del ROF nel 2006 ( Rossini Opera Festival) e con il cigno di Pesaro continua a conquistare pubblico e critica in giro per il mondo. A Novembre prossimo il suo debutto nel prestigioso Teatro dell’Opera di Montreal e il Nord America lo attende con impazienza. Il suo repertorio varia da Donizetti a  Bellini e Verdi senza tralasciare Puccini e Mascagni. Artista di successo, marito felice e padre amorevole. Si ritiene soddisfatto della sua vita con molti sogni realizzati ed altri da realizzare. Molto chiaramente descrive il suo obiettivo, motore fondamentale per il lavoro, una vera e propria mission: la diffusione della musica Paese dopo Paese, persone dopo persona. Da grandi a piccini senza tralasciare nessuno. Ricorda i  primi passi nella carriera da concertista insoddisfatto, trovando poi  la sua strada come direttore d’orchestra e dando completezza alla sua vita.

Come nasce la tua passione per la direzione musicale?

È stato un processo naturale… Mi sono diplomato in pianoforte a 16 anni e all’epoca la mia vocazione era quella di diventare concertista. Ho intrapreso questa strada per 4 anni, ma non giovava al mio carattere. Sono troppo socievole, ho bisogno di collaborare con altre persone per sentirmi a mio agio e il pianoforte mi teneva chiuso in solitudine 8, 10, a volte 14 ore al giorno in epoca di competizioni e tournèe. Questo era un enorme peso a livello personale e temevo di cominciare a perdere pian piano il mio amore infinito per la musica. Fu così che cominciai a fare musica da camera. Prima con un violinista, poi un trio, poi quartetti con pianoforte, infine il quintetto e mi rendevo conto poco alla volta che, più grande era il gruppo, più ero felice di fare musica. A un certo punto mi sono domandato: che succederebbe se provassi a fare musica con un’orchestra o con orchestra, coro, solisti, come succede nell’opera? Ho voluto dare risposta a questa domanda iniziando a studiare direzione d’orchestra. Così si aprì la strada che mi ha condotto fin qui!

Sei il più giovane direttore musicale salito sul podio del prestigioso Rossini Opera Festival. Quali sono i segreti catturati e come ti hanno aiutato nella tua brillante carriera?

La mia esperienza rossiniana inizia di pari passo con i miei studi come direttore. La musica per me fino a quel momento era il grande repertorio romantico e del XX secolo per pianoforte: Chopin, Listz, Brahms, Scriabin, Rachmaninov, Prokofiev… era proprio questo il repertorio quello che mi interessava di più anche a livello orchestrale. Il destino volle che nell’anno 2003 conoscessi Alberto Zedda e da allora mi sono appassionato per questo autore che, fino a quel momento, era per me un enigma. Con il Maestro, recentemente scomparso, ho avuto l’immensa fortuna di condividere 14 anni di collaborazione musicale e amicizia fraterna, nei quali non ho smesso mai di meravigliarmi per la sua vasta cultura , cercando di fare tesoro di tutti i suoi insegnamenti. Il suo invito nel 2006 per dirigere Il Viaggio a Reims dell’Accademia al ROF non fece che confermare la mia “immersione totale” nella figura di Rossini, che  è andata avanti fino ad oggi. Mi considero un direttore versatile, mi piace fare musica di tutti i periodi e tutte le nazioni, sia lirica che sinfonica. Autori come Verdi, Puccini, Wagner, Dvorak, Mahler, Bruckner, Strauss… stanno sempre nel mio calendario. Tuttavia dal 2006 Rossini è diventato  parte importante della mia attività.

 Quali emozioni ti dà Rossini?

Rossini è un autore molto intellettuale non  dall’emozione facile. Nelle sue opere possiamo osservare sentimenti, ma non sentimentalismo, effetti, ma non voglia di effettismo. Quando dirigo Rossini provo emozione ed anche quando penso che sto riuscendo a condurre in modo giusto la sua musica e la sua maniera personalissima di far teatro musicale. Cosi come quando  ho la sensazione di essere capace di esaltare tutti i bisogni espressivi delle sue partiture. Altri compositori ci danno un blocco di marmo con una scultura ben abbozzata e dipende da noi dare gli ultimi colpi in maniera di rifinire le loro intenzioni o meno. Rossini ci consegna terra umida ed un torno,  è responsabilità assoluta dell’interprete decidere quale forma vuol dare alla scultura ed in che maniera vuole rifinirla. Rossini può essere fragile come la terracotta, ma ha anche le sue infinite possibilità creative dentro la ricreazione.

Il cigno di Pesaro ha uno stile dal quale si evince una notevole brillantezza ritmica mettendo in evidenza la sua unicità dallo stile degli operisti del ‘700. Cosa ne pensi?

È vero, il ritmo ed il crescendo rossiniano sono due elementi che lo distinguono da tutti i compositori precedenti e da tutti quelli che verranno dopo di lui. È quasi “Rock & Roll” dell ‘800! Veramente geniale.

Sei reduce dalla direzione dall’opera Aureliano in Palmira, un commento?

È un’opera meravigliosa, con tanti elementi che ci rivelano già al grande Rossini serio di Semiramide e Guglielmo Tell. ” Aureliano” è l’opera veramente “propietaria” della sinfonia de Il Barbiere di Siviglia. Infatti, essa è seria, “guerriera”, non pensata per un’ opera buffa.  Risulta persino troppo aggressiva come apertura del Barbiere, pur se siamo già abituati a sentirla. Invece, in Aureliano si rivela il suo vero senso drammaturgico e Rossini riprende i suoi temi nella stretta del Finale Primo, in un esplosivo crescendo tipicamente rossiniano.

Perché quest’opera è meno rappresentata rispetto alle altre di Rossini?

Tutte le opere serie di Rossini sono, per ora, meno rappresentate delle popolarissime opere buffe. Dobbiamo tenere in conto che quasi 30 titoli rossiniani hanno passato più di un secolo sepolti nell’oblio. Il suo recupero lo dobbiamo principalmente ad Alberto Zedda ed ai musicologi collaboratori della Fondazione Rossini. E’ forse l’operazione di restituzione culturale più importante della seconda metà del XXesimo secolo. Grazie a questo, il Rossini serio ormai si può sentire in tutto il mondo anche se ancora non appartiene al così detto “repertorio”. Comunque, sono sicuro che se facessimo un’indagine da  40 anni fa ad oggi, Rossini sarebbe senza dubbio l’autore maggiormente preferito dal pubblico.

Riguardo al ritorno al Teatro Municipal a Santiago del Cile con la Cenerentola, cosa ci racconti ?

Il Municipal è un teatro molto speciale per me ! Ormai è la terza produzione che faccio con loro. Orchestra e coro sono ad un livello altissimo e tutto il personale del teatro si occupa di “coccolare” gli artisti come in pochi teatri al mondo. È sempre un piacere tornare e questa occasione è stata  particolarmente emozionante, poichè  si è trattato della prima Cenerentola che ho fatto dopo la scomparsa del Maestro Zedda. È un opera che ho studiato con lui e che mi porta tanti ricordi.

2015-04-17, Madril. José Miguel Pérez-Sierra, orkestra zuzendaria. Irudian, José Miguel Pérez-Sierra.
17-04-2015, Madrid. José Miguel Pérez-Sierra, director de orquesta. En la imagen, José Miguel Pérez-Sierra.

Sempre con lo stesso titolo a novembre il debutto in Canada all’Opera di Montreal. Senza dubbio un appuntamento importante, come commenti ?

Sono molto felice di questo mio debutto, non solo in Canada, ma anche in Nord America. L’Opera di Montreal è un teatro molto importante e a questo punto della mia attività professionale, senza dubbio è un appuntamento decisamente motivante.

Chi è il M° Pérez Sierra nel privato? Come trascorri il tempo libero?

Di tempo libero ce n’è veramente poco, hahaha… Anche quando sono a casa a Madrid, passo la maggior parte della giornata studiando; comunque trovo sempre tempo di fare il “papà” che è  la mia attività preferita. Cerco di stare con la mia famiglia il più possibile e cerco di “contagiare” le mie figlie con la mia altra grande passione: il calcio. Sono un grande tifoso del Real Madrid. Anche quando sono fuori, ovunque mi trovi al mondo, sempre trovo la maniera di poter seguire la mia squadra del cuore. Per il resto, adoro fare cose semplici: andare al cinema con mia moglie, uscire insieme con gli amici… Sono cose che per me, dato il poco tempo che passo a casa, sono straordinarie e doppiamente “saporite”.

Aprendo il cassetto dei sogni, cosa troviamo?

Troviamo un uomo felice, fortunato, con tanti sogni compiuti e tanti da compiere, ma senza fretta di farlo. Un uomo a cui piacerebbe davvero fare musica tutta la vita ed in tutto il mondo. Diffonderla  tra i giovani ed i bambini,  cercare di portare felicità con essa ad ogni popolo della Terra ed avvicinarla al pubblico in tutta la sua dimensione culturale e sociale. Questo è il vero sogno e la forza che mi muove!

Sono una Lady Macbeth sanguinaria, spietata e assetata di potere

( Alessandra Giorda) In occasione del Macbeth al Teatro Regio di Torino, incontro il soprano del momento: Anna Pirozzi. Donna piacevolissima e artista di notevole spessore. Partenopea di nascita, ma studia tra Aosta e Torino e la sua carriera vede la luce nel 2012 proprio nel teatro lirico della capitale subalpina. Colpisce ed affonda spettatori e critica dando un’impennata alla sua carriera che la porterà da subito ad essere considerata la prossima “Anita Cerquetti, il più grande soprano drammatico di coloratura dal 1945 a oggi.” Gira il mondo chiamata dai teatri più importanti e lavora con direttori d’orchestra di fama mondiale come Zubin Metha, Riccardo Muti e Gianandrea Noseda, solo per citarne alcuni. Nella vita privata è nuovamente mamma da due mesi, di un piccolo dolce bimbo, sul palco Anna Pirozzi è una Lady Macbeth spietata, sanguinaria e assetata di potere. Nell’intervista a seguire si racconta tra pubblico e privato. Come protagonista del Macbeth ai progetti futuri, senza dimenticare di volgere lo sguardo al passato quando si disperava per ottenere un’audizione nel prestigioso Teatro Regio, ai sogni nel cassetto che svelerà nell’intervista a seguire. La sua agenda è colma d’impegni e la sua famiglia è una meravigliosa squadra che la segue e l’aiuta in questo dolce momento che, a soli due mesi dal parto, vede il soprano lirico spinto scalare l’Olimpo della lirica confermandosi sempre vincente e trionfante.

 

 

Qualche anticipazione sulla tua Lady Macbeth?
E’ il mio personaggio preferito. Ha molte sfaccettature e posso mettere in luce tutti i lati del mio carattere da quello amorevole a quello rabbioso. Tengo molto a questo ruolo! L’ho interpretato parecchie volte ed ogni volta aggiungo qualcosa di nuovo in base anche alla regia. Questa del Regio è quella firmata da Emma Dante che ha già firmato la regia a Palermo. E’ molto forte, d’impatto e ritengo che se vista due o tre volte si coglie in pieno la genialità. Mi piace tantissimo e quindi riesco anche a dare il tutto quello che ho dentro per questa Lady Macbeth che è assetata di potere e di sangue. Ama vedere il sangue anche se poi non riesce a sopportare tanto orrore. E’ comunque una donna e come tale, ne parlavamo ieri tra il cast, forse avrebbe voluto avere dei figli da Macbeth. I loro sentimenti si sono trasformati in qualcosa di freddo e sono pervasi dalla rabbia. L’ascesa al potere porta i due ad una brutta fine. E’ senza dubbio una Lady come voleva Verdi che ha già scritto tutto nello spartito; colore , carattere e sensazioni. Il Maestro di Busseto infatti nella prima edizione diceva di mettere da parte un po’ il canto e soffermarsi di più sul testo. Verdi in quell’occasione è stato anche regista ed ha curato scene e movimenti.

Com’è il clima tra il cast?
Ci sono due cast e ci conosciamo tutti. Si è creato un clima gioviale e di amicizia. Senza dubbio c’è la voglia di fare bene e siamo estremamente concentrati sulla regia di Emma che ci chiede molto.

Come definiresti Emma Dante?
Un animale da palcoscenico! Una donna forte dal carattere tenace con tratti quasi mascolini. E’ stata molto carina a cogliere anche i nostri pensieri, ognuno di noi porta del suo ed è bello il confronto. Definirei Emma Dante: geniale.

Sei un soprano che ha molto Verdi nella sua carriera, cosa ti affascina di lui?
Non l’ho scelto io. La sua scrittura musicale mi è subito andata comoda per le mie corde. Sono una romantica e le sue eroine che amano totalmente fino a morire, mi attraggono parecchio. Inoltre sono attratta dalla forza guerriera come si delinea in Abigaille e Lady Macbeth perché sono donne complete dove io mi ci specchio dentro.

 

 

Che effetto ti fa cantare al Teatro Regio di Torino dove nel 2012 hai esordito?
Prima del 2012 ambivo tanto a questo teatro, cercavo sempre di ottenere audizioni ma non ci riuscivo perché ero nessuno, non avevo cantato in alcun teatro importante. Mi disperavo sempre più, ma intensificavo lo studio finchè una luce si accese per quella Amelia, dell’opera “ Un ballo in maschera” di Verdi, feci tre audizioni di cui l’ultima con il M° Noseda ed ottenni la parte.

Quali sentimenti hai provato in quel momento?
Dopo tanti sacrifici ero riuscita a raggiungere un traguardo tanto ambito. Quando ho saputo che ero stata scelta, ho pianto ! Ero commossa, felice finalmente che il mio momento fosse arrivato. Avevo raggiunto una meta, piccola forse per qualcuno, ma grande per me . Molta parte dei miei studi è stata fatta a Torino, la mia seconda città, e tutti mi conoscevano quindi volevo fare bella figura.

Nel tuo lavoro hai raggiunto un livello molto alto. E’ stato più difficile arrivare o è più arduo mantenere ?
Assolutamente più difficile mantenere tale livello. Ho debuttato nel 2012 e poi non mi sono più fermata e ho cantato nei teatri più prestigiosi del mondo. Confesso di non aver studiato molto in conservatorio, ma di più privatamente. Ho sempre avuto la predisposizione ad entrare velocemente nella parte, mentre ho studiato tanto la tecnica, quella che vogliono sentire i teatri, quella per la quale sono arrivata a questo punto. Prima c’era in me la natura ora, dopo parecchio studio per imparare a governare la mia voce, posso esibire anche la tecnica.

Sei da poco diventata nuovamente mamma del secondo figlio. Come riesci a conciliare il lavoro, che ti porta in giro per il mondo, con la famiglia?
Il mio bimbo ha due mesi, sto allattando ed è molto stancante. Spesso arrivo alle prove stanca e non riesco a dare il meglio, ma per le recite dormirò tutta la notte e sarò riposatissima, grazie alla meravigliosa squadra che ho intorno a me. Mio marito e mia mamma mi aiutano in tutto e saranno loro durante la notte a turnarsi per accudire il mio bambino.

La tua agenda è piena di importanti date dall’Italia all’Estero, da Edimburgo a Parigi, Londra , Tel Aviv, Madrid ….. A ottobre e novembre sarai alla Scala di Milano nuovamente con Verdi. Come commenti?
E’ un ritorno e sono felice! Tornarci con Nabucco, che è il mio cavallo di battaglia, mi rende serena e non vedo l’ora.

Un consiglio che daresti alle nuove generazioni che si apprestano a percorrere la loro strada nel campo lirico?
Non affrettarsi a cantare grandi ruoli in grandi teatri. Seguire le tappe è importante. Ho iniziato a cantare a venticinque anni, quindi tardi, ma non per il mio repertorio che necessità di una certa maturità caratteriale. Consiglio di studiare molto, poiché la competizione è tanta. Arrivano i ragazzi dall’Oriente preparatissimi tecnicamente, ma parchi del nostro canto italiano che il mondo ci invidia. Non dico che non vogliamo gli stranieri o che non ci piacciono, ma la gente appassionata d’opera cerca l’italianità che è un valore aggiunto che abbiamo. La preparazione deve essere ai massimi livelli e studiare tantissimo. Non smettere di studiare dopo il conservatorio e con un maestro valido, non importa che sia un grande nome.

Chi ringrazieresti tra i tuoi insegnati?
Voglio ringraziare tutti i maestri con i quali ho studiato ed in particolare qui a Torino la Signora Moyso, ma a colui che, ormai mi segue da anni e conosce perfettamente la mia voce, va un ringraziamento particolare: il baritono Federico Longhi.

Apriamo il cassetto dei sogni e cosa troviamo ?
Norma! Ruolo che debutterò all’ABAO di Bilbao prossimamente. Troviamo poi il Metropolitan di New York….

Su questa ultima location ci sono news, ossia si sta concretizzando il sogno?
Top secret ! Per ora nulla posso dire.

Una vita senza arte, cultura e musica è una vita priva di bellezza

( Alessandra Giorda) Tra gli illustri nomi, per La Traviata del 5 maggio al Teatro Massimo di Pescara, spicca quello del M° Jacopo Sipari di Pescasseroli. Un vero e proprio enfant prodige. A soli 16 anni già dirigeva con grande successo il primo concerto per poi affermarsi sul panorama mondiale come un vero e proprio genio. Oltre 400 concerti diretti, avendo solo 31 anni, è senza dubbio notizia degna di nota. Le sue esecuzioni sono sempre patrocinate dalle istituzioni più importanti d’Italia ed Europa. Ha diretto innanzi alle più alte cariche dello Stato in Italia ed in Europa, Famiglie Reali e Ambasciate prestigiose. Oltre alle doti per l’attività musicale si evidenziano anche quelle per l’attività forense, essendo il più giovane Avvocato del Tribunale della Rota Romana e come se non bastasse è anche Direttore Principale Ospite della Fondazione Festival Pucciniano e Direttore Artistico del Festival Internazionale di Mezza Estate  della Citta’ di Tagliacozzo.

Fortemente voluto dal soprano Angelica Frassetto, nonchè Presidente della prestigiosissima Società Lirica Francesco Tamagno, per questo importantissimo appuntamento al Massimo di Pescara, il M° Sipari di Pescasseroli nell’intervista a seguire affronta vari argomenti dall’opera in oggetto alle sue attività senza dimenticare una profonda riflessione sulla fede, momenti di intensa emozione con personaggi noti del mondo della musica in generale da Anastacia, Ivana Spagna , Amii Stewart , Fiorenza Cedolins ….e molto altro.

A breve dirigerà La Traviata al Teatro Massimo di Pescara. Un progetto giovani di grande importanza. Come commenta?
Sono estremamente onorato per questo invito. Stimo moltissimo la Signora Frassetto che mi ha voluto unitamente al Maestro Paloscia come direttore di quest’opera che mi riporta nella mia terra d’Abruzzo. Indubbiamente l’emozione e’ forte cosi’ come il piacere di collaborare con artisti giovani ma estremamente talentuosi.

Continua...

LA STROPPA INCANTA I MONEGASCHI CON UNA ROSINA PERFETTA. SOLD OUT PER TUTTE LE RECITE

( di Alessandra Giorda) Successo straordinario ieri sera all’Opéra di Montecarlo per Annalisa Stroppa nel ruolo di Rosina ne “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini. Il mezzosoprano bresciano sta vivendo un momento meraviglioso della sua carriera collezionando successo dopo successo e consacrandosi una vera Star. Dopo essere stata una Suzuki strepitosa, vera e perfetta in ogni minimo particolare  alla Scala di Milano, il 7 dicembre scorso, in Madama Butterfly di Puccini, ha ieri sera confermato il suo talento notevole alla Première dell’opera rossiniana nella splendida cornice di Palais Garnier. Raggiunta telefonicamente ha commentato a caldo il post Première con la dolcezza e umiltà che la contraddistingue . Nell’intervista a seguire la Stroppa racconta la sua Rosina ambientata negli anni ’50, l’incontro con i più grandi direttori d’orchestra sul panorama internazionale, rammenta le grandi emozioni provate nell’ultimo appuntamento scaligero, confessa la sua soddisfazione per i traguardi raggiunti e ringrazia il pubblico che la ama e la segue con tanto affetto. L’intervista si conclude in maniera dolce, umile e commovente.

Un commento a caldo dopo la Premìere tanto attesa a Montecarlo per ” Il Barbiere di Siviglia”

La Prima è andata veramente molto bene e sono molto soddisfatta! E’ stata una bellissima recita, il pubblico era entusiasta ed ha percepito la bella energia che c’era sul palcoscenico. Si è creato un meraviglioso clima di lavoro tra tutto il cast composto da artisti straordinari ed ottimi colleghi. La complicità di noi cantanti sul palcoscenico si è avvertita anche tra gli spettatori. Confesso di essermi proprio divertita e le mie aspettative che avevo verso i monegaschi presenti sono state appagate e li ringrazio per aver apprezzato il mio lavoro.  Notevole intesa con  il direttore d’orchestra, il M° Corrado Rovaris, e la regia di Adriano Sinivia è carina, ambientata negli anni’50 e molto accattivante. Nella Sala Garnier che è un gioiello di dimensioni contenute si percepisce tutto, i piccoli sguardi , le sottigliezze ed anche se  si parla sottovoce e tutto e questo ha agevolato il nostro canto con tutte le piccole sfumature

Quanta importanza dai al pubblico quando canti?

Continua...

Atteso il debutto di Andrea Mastroni al Met con il suo Sparafucile imperdibile

( di Alessandra Giorda) A poche ore dal debutto al mitico Metropolitan, raggiunto telefonicamente a New York, Andrea Mastroni confessa di essere impaziente di portare sull’ambito palco il suo Sparafucile. Ruolo verdiano con il quale il basso milanese ha trionfato nella sua carriera sui palchi internazionali più prestigiosi . Ora il suo Sparafucile è sbarcato oltre oceano carico e pronto a sparare quella cartuccia che arriverà dritta la cuore di pubblico e critica lasciando tutti sbalorditi. Laureato in filosofia estetica, vincitore di numerosi concorsi ed abile clarinettista è un artista dalle mille sfaccettature. Sguardo profondo, occhi seducenti, volto accattivante che sottolinea un misterioso fascino, Andrea Mastroni confessa di essere un uomo molto curioso. Tale qualità è di aiuto nel suo lavoro fintanto da renderlo una piacevole parte di vita. Non c’è differenza tra lavoro e svago, sono attività diverse, ma tutte svolte con l’occhio del sapere, scrutare, andare oltre e mai fermarsi alle apparenze. Così a tratti  dipinge il ruolo verdiano pronto a imporsi sul prestigioso palco newyorkese.

Mancano poche ore al debutto , l’adrenalina sta salendo?

Certo ! Sono impregnato di tutta quella tensione positiva necessaria per questo debutto atteso in una vetrina così importante su scala mondiale. Non vedo l’ora e sono felice.

Debutti con un tuo “cavallo di battaglia”, quale il ruolo verdiano Sparafucile, con il quale all’inizio della tua carriera hai vinto il prestigioso concorso Giuseppe Di Stefano  a Trapani . Ti senti più sicuro?

Questo ruolo mi ha sempre portato fortuna . L’ho portato ” a spasso ” per l’Europa, da Madrid al Covent Garden di Londra passando per Parigi senza dimenticare Amburgo e tanti altri teatri . E’ un ruolo scritto su misura per me , per la mia vocalità. E’ come un vestito fatto da un sarto: mi calza a pennello. Questo ruolo sono almeno 15 anni che non appariva più al Met, l’ultimo ricordo si ha del basso Di Stefano. Il mio obiettivo è di dare lustro a Sparafucile spesso, in Rigoletto, ritenuto un ruolo quasi marginale. Assolutamente no! Infatti ho sposato da subito l’idea dell’abile regista Michael Mayer, che ha voluto Sparafucile in scena già dal primo atto e non dal secondo come avviene quasi sempre. Questo fil rouge mi ha conquistato da subito. D’altronde si conoscono le abilità di Mayer.

 Ti piace l’ambientazione di questo Rigoletto?

Si molto! L’opera è ambientata negli anni ’60 a Las Vegas e Sparafucile è il proprietario di una locale dove si fa striptise e si balla la lap dance.

Quali sfumature metti in risalto del tuo personaggio?

E’ un seduttore, una specie di Mefisto dalle tinte notturne. Non è solo un semplice mercenario, ma lo faccio giocare molto mettendo in risalo le parti comunicative ed una sorta di leggerezza  anche nei duetti con  Rigoletto sono attento ai minimi particolari ed alle sfumature. Ogni dettaglio arricchisce il personaggio e lo delinea al meglio così come nel terzetto finale  tra Maddalena, Gilda e Sparafucile.

Un commento sul M° Per Giorgio Morandi?

Pier Giorgio è un amico ed è un grande direttore d’orchestra. Amo molto lavorare con lui ed a Parigi abbiamo già ” fatto ” insieme Rigoletto. E’ un superlativo musicista e con lui ci si mette al servizio della musica senza tralasciare ogni minimo dettaglio. E’ bello lavorare con lui perchè trasmette serenità e passione inconsuete.

Chi è Andrea Mastroni quando non è il basso acclamato della lirica?

Sono un uomo molto curioso che ama nutrirsi di vari interessi. Per esempio ora sono al telefono con te e sono in un bar, mentre parliamo osservo intorno a me cosa succede. Quando cammino per le città noto sempre quanto teatro c’è in strada. Senza dubbio nella mia vita professionale porto come valore aggiunto quanto vivo nel privato. Adoro andare al cinema, il teatro di prosa con i grandi come Shakespeare, ma anche gli autori contemporanei. Sono uno sportivo anche se con qualche accenno alla pigrizia, ma ti assicuro che vanto un breve ma intenso passato nella ginnastica artistica. Non so cucinare, ma ben  disposto ad assaporare tutti i piaceri della cucina compresa la degustazione. Direi che quest’ultima si estende anche  ai vari aspetti della vita dove tutto si assapora come l’avventura di un bel viaggio.

Tra le tue  passioni hai saputo assaporare molto bene la musica di Schubert che ha segnato il tuo destino professionale. Come commenti?

Ho mosso i primi passi nella musica come clarinettista ed i brani di Schubert mi hanno colpito da subito. Mi definisco infatti un cantante da camera che canta in palcoscenico. Sono sempre andato contro le tradizioni e le cose scontate. La musica di questo compositore e pianista austriaco mi ha rapito e spinto a cantare con l’obiettivo di raccontare. nel mio lavoro mi definisco un’interprete dei  grandi compositori.

A breve sul Televisionario2 articolo sul videoclip Erlkönig dove il  basso italiano offre in un breve video questo popolare Lied di Schubert, mostrando il suo particolare punto di vista di questo gioiello del romanticismo.

 

Attesa sotto la Mole per il debutto della Rodriguez nel ruolo di Nedda

(di Alessandra Giorda) E’ imminente  la messa in scena al Teatro Regio della capitale Subalpina del capolavoro di Ruggero Leoncavallo, Pagliacci e da  un piacevolissimo incontro con Davinia Rodriguez è nata l’intervista a seguire. Donna estremamente simpatica , dotata di grande determinazione con una buona dose di dolcezza che proviene dalle montagne di Las Palmas e che ha costruito la sua carriera in maniera minuziosa e collezionando successi. Il soprano spagnolo debutterà nel ruolo di Nedda sul palco del Regio .  Da piccolina ha mosso i primi passi in casa con la spazzola dei capelli come microfono ballando e cantando davanti allo specchio. E’ stata notata per il suo talento e passo dopo passo ha costruito la sua carriera fino ad arrivare ad avere un bivio e scegliere tra un contratto con la Sony per cinque anni o la carriera nel campo lirico. Si è fidata del marito è ha ricominciato da zero studiando come soprano. Scelta giusta visto i successi che sta ottenendo con i debutti molteplici  dal Simon Boccanegra  al Gran Teatre del Liceu di Barcellona con Placido Domingo a  Lady Macbeth al Theater an der Wien senza contare che a giugno è stata la Contessa di Almaviva ne Le Nozze di Figaro, presso il Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti al Festival di Spoleto. Prossimi impegni la vedono protagonista a Bilbao con Donna Anna nel Don Giovanni di Mozart. debutto nel ruolo di Maria Stuarda di Donizetti al Teatro Carlo Felice di Genova, il Te Deum di Dvořák con l’Orchestra Filarmonica di Gran Canaria e il suo ritorno al Teatro San Carlo di Napoli con la sua acclamata Amelia Grimaldi di Simon Boccanegra.

Raccontaci la tua Nedda

La mia Nedda è ricca dentro fin dalle sue origini , fin dai suoi primi passi . E’ una bambina che è stata lasciata da sola. E’ costretta a vivere una realtà che le è stata imposta in un circo itinerante, ma lei non è felice. E’ una donna sofferta , svuotata alla quale sono stati negati molti sentimenti, ma allo stesso tempo ricca di  tanta voglia di libertà. L’attaccarsi ad un uomo come via d’uscita verso l’indipendenza.

Quanto c’è di Davinia in Nedda?

C’è poco di me come persona , ma qualcosa che ci accomuna si . A lei hanno tolto la mamma. così come a me due anni fa , ho perso entrambi i genitori. Le melanconie che nascono dalla mancanza della mamma che è la figura più importante nella vita di un figlio le ho io come le ha Nedda. Il mio personaggio invece si distanzia da me come persona per tutto quello che ha dovuto subire e che io per fortuna no.

 C’è differenza tra un debutto ed un ruolo già consolidato prima di entrare in scena?

L’adrenalina c’è sempre ai massimi livelli , ma la chiamo responsabilità . Più preparato è un artista è più facile diventa il tutto. Dal momento in cui il mio agente mi dice che c’è una remota possibilità di cantate un ruolo in un’opera, immediatamente comincio a dare un’occhiata al tutto, anche senza avere la certezza che quel ruolo lo “farò”.Mi piace capire le piccole e le grandi sfaccettature del personaggio che eventualmente dovrò cantare. Lavoro con la lente d’ingrandimento , perchè ogni piccolo dettaglio fa la differenza.Voglio essere il più simile possibile al personaggio con il corpo , la mente , l’animo e la voce.

Come si prepara un nuovo ruolo?

Ogni artista ha il suo metodo di studio. Non c’è un sistema uguale per tutti. Per me l’essenziale è leggere il libretto. Dopodichè lavoro su tutto ciò che può arricchirmi per essere al meglio il personaggio che mi appresto a debuttare. Segue la parte musicale che studio al millimetro così pian piano tutto comincia a prendere forma. Tuttavia ti confesso che lo studio non finisce mai, perchè non è mai abbastanza. Ogni volta che si “riprende in mano” un ruolo che magari hai già cantato più volte , c’è sempre un elemento che lo arricchisce. C’è sempre qualcosa da scoprire e sempre da evolvesi.

Un giudizio sulla regia di Gabriele Lavia?

Lo adoro ! Gabriele è un artista che sa bene come estrapolare da ogni artista il meglio e metterlo nelle condizioni di dare il massimo. Ha la capacità di capire in pochi minuti che artista sei e se capisce che può arrivare in profondità lo fa in maniera eccellente. Con lui si inizia con piccolo dettaglio e da lì inizia un lavoro lungo  con ore ed ore di prova , ma che ti sembra di aver iniziato a lavorare da una manciata di minuti perchè sei talmente dentro al personaggio che perdi la concezione del tempo.

Hai debuttato a Vienna in Lady Macbeth ed è  stato un grande trionfo . Come commenti?

E’ stato un boom di energia che hanno premiato tanto sacrificio e tanto lavoro . Davanti si vede sempre meno dei numerosi sacrifici in vari aspetti della vita di un artista che si compiono per dare il meglio sul palco. Sono felice per il mio successo ottenuto in Austria e sono in un momento della mia carriera ricco di soddisfazioni . Tuttavia non dimentico mai che la responsabilità è sempre in salita. Non mi manca mai la voglia d’imparare come se iniziassi il tutto da capo.

Sei in un anno ricco di debutti, ma qual’è il ruolo che vorresti debuttare e che ancora non ti hanno proposto?

Si sono in anno molto impegnativo . Preferisco fare un passo alla volta quindi ruolo dopo ruolo , ma intanto che ne preparo uno dò una sbirciatina agli altri. Quello che attendo è Floria Tosca che sono sicura che “arriverà”, ma con il tempo. La coccolo , la lascio respirare , poi la ricoccolo così man mano  cresce .

Che cosa ha Floria Tosca che ti piace così tanto?

La passione in lei stessa e nel canto. Preparando Nedda vedo in qualche modo qualche parallelismo con Tosca. Ci sono piccoli aspetti che possono avvicinare le due donne. Il momento di rabbia che Nedda nutre per Tonio con quello di Tosca quando ammazza Scarpia. Un mix di vuoto, paura , sentimenti , rabbia anche la parte vocale è molto simile.

Chi è Davinia Rodriguez nel privato?

Una ragazza molto semplice con desiderio sempre di fare un passo in più . Vengo da una famiglia normale dalla montagna delle Canarie , ed ho sofferto il fatto di essere isolana  e dover mollare tutto per realizzare un sogno. La vita mi ha regalato tante cose belle e non belle, ma nonostante tutto ciò in me vive sempre quella ragazzina che le piaceva la musica , stare sul palco mantenendo sempre vivi i valori che mi hanno insegnato i miei genitori. Sono mamma , moglie , sorella e cugina e sono sempre a disposizione per tutti loro che hanno necessità di un aiuto da parte mia. Posso essere lontana ma nello stesso tempo presente. Oggigiorno con Skype che distanze si sono ravvicinate molto. Con una video chiamata ti senti quasi a casa anche se sei a molti chilometri di distanza. Certo non è mai come essere in famiglia ed abbracciare i tuoi cari quando vuoi , ma in qualche modo faccio sentire la mia presenza. Non è facile conciliare famiglia e lavoro, ma con mio marito cerchiamo di fare il meglio possibile.

 

Guardavo il Concerto di Capodanno in Tv , ora sono la protagonista femminile

( di Alessandra Giorda) Meno di una settimana ed il consueto prestigioso Concerto di Capodanno dal Gran Teatro la Fenice di Venezia sarà in diretta alle 12,20 su Rai 1, con la partecipazione del soprano Rosa Feola. Insieme al tenore statunitense John Osborn (ns intervista http://www.televisionario2.com/sono-molto-onorato-di-cantare-al-concerto-di-capodanno-alla-fenice/) la Feola sarà protagonista di questo appuntamento tanto  atteso  al 1 di gennaio. Il soprano ha cantato in tutti i teatri più importanti del mondo dal Colon di Buenos Aires al Opernhause di Zurigo , solo per citarne due . Nell’intervista a seguire ci “parlerà” della sua Susanna in Giappone diretta da M° Muti , senza scordare le emozioni vissute al Teatro alla Scala di Milano con Placido Domingo. Ricorda i primi passi mossi  nel campo della lirica e confessa il suo amore per Mozart . Svela in quali ruoli desidera debuttare e come si prepara un debutto. Prima di tutto , però,  Rosa Feola racconta le emozioni per questo Concerto di Capodanno dove da fan, che ogni primo dell’anno era incollata al video seduta sul divano a casa sua , ora  è diva e protagonista sul palco della Fenice.

Sarai protagonista nel prestigioso Concerto di Capodanno alla Fenice di Venezia. Come commenti?
Senza dubbio sono emozionatissima. So esattamente l’importanza del concerto, poiché lo aspettavo ogni primo 1 gennaio davanti alla TV con tutta la mia famiglia riunita. Questa volta avrò l’immensa gioia di poter invitare la mia famiglia a vederlo in diretta, in platea!

Quali saranno le arie che canterai?
Canterò due magnifiche arie di belcanto – “Quel guardo il cavaliere” del Don Pasquale, “Qui la voce sua soave… Vien diletto é in ciel la luna…” de I Puritani. Due ruoli che mi hanno portato soddisfazioni e divertimento.

Non è la tua prima volta a Venezia, quali sono le emozioni per il ritorno sul palco della Fenice?
Venezia mi ha accolto quando ancora ero “alle prime armi”,  per uno dei ruoli che più porto nel cuore, Susanna delle Nozze di Figaro. Il Teatro mi ispira magia pura. Un tempio sacro così bello da vedere e da ascoltare! Per non parlare poi dell’ambiente gioviale e positivo che permette di lavorare bene e raggiungere sempre dei livelli altissimi per tutte le produzioni!

Come avviene lo studio della preparazione di un nuovo ruolo?

Un nuovo ruolo va affrontato per gradi. Sarebbe sempre meglio avere almeno un anno per studiare a fondo tutto il possibile, a partire dalla storia che ha ispirato la composizione, allo stile, per poi passare allo spartito e leggere bene ciò che il compositore stesso ha voluto intendere fra dinamiche e senso del testo. Da qui deriva la delineazione del personaggio, che per essere coerente deve avere ragioni logiche per ogni movimento! Insomma un bellissimo lavoro! Che se fatto bene si arricchisce ogni volta che si ripete l’opera.

Quali ruoli vorresti debuttare?
Nei miei prossimi debutti mi piacerebbe vedermi nel ruolo di Violetta della Traviata. Ho avuto la fortuna di studiarla con Renata Scotto e non vedo l’ora di vederla materializzarsi.

Da Donizetti a Verdi , Puccini…quali i compositori che più ami?
Adoro Mozart in ogni sua composizione! Ma anche Mahler e Martucci mi suscitano emozioni forti.

Quando hai mosso i primi passi nel mondo della lirica e quando hai capito che saresti stata un soprano di successo?
Per la prima domanda la risposta é facile. Ho iniziato a studiare canto a 16 anni ma il mio primo traguardo importante é stato vincere il Concorso Operalia diretto da Placido Domingo al Teatro alla Scala nel 2010. Per il successo lascio giudicare gli altri; posso solo dirti che mi sento il dovere di dare sempre il massimo!

Hai cantato nei teatri più importanti del mondo. Un ricordo del Giappone?

In Giappone ho cantato Susanna delle Nozze di Figaro con la direzione del Maestro Muti. Una produzione davvero indimenticabile, con la firma di Ponnelle e i Wiener in trasferta. I fan giapponesi sono gli unici al mondo a vivere l’arte e l’artista in modo veramente intenso. sono in prima fila sia in teatro che in strada ad aspettarti per un sorriso, un autografo, e sono felici di poterti donare un piccolo regalo in cambio!

Sono molto onorato di cantare al Concerto di Capodanno alla Fenice

( di Alessandra Giorda) John Osborn sarà insieme al soprano Rosa Feola (nr intervista http://www.televisionario2.com/guardavo-il-concerto-di-capodanno-in-tv-ora-sono-la-protagonista-femminile/) il protagonista del prestigioso appuntamento al Gran Teatro della  Fenice di Venezia per il consueto Concerto di Capodanno in onda su Rai1, alle 12,25, il primo gennaio 2017. Il tenore statunitense vanta una carriera di tutto rispetto. Ha cantato nei teatri più prestigiosi al mondo dal Met di New York al Colón di Buenos Aires passando per il ROH di Londra, solo per citarne alcuni. Una vera Star della lirica su panorama mondiale.

Nell’intervista a seguire , direttamente dagli Stati Uniti, anticipa le arie che canterà a Capodanno, commenta il successo appena avuto al teatro San Carlo di Napoli in un Otello di forte spessore , anticipa l’appuntamento al Teatro massimo di Palermo a Febbraio e confessa di non avere alcun desiderio di cantare il 20 gennaio prossimo in occasione dell’insediamento, alla Casa Bianca, del nuovo Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Quali emozioni provi nel cantare sul palco della Fenice di Venezia durante il prestigioso Concerto di Capodanno?

Sono molto onorato d’essere stato chiamato a  cantare al Concerto di Capodanno alla Fenice. Dopo un successo enorme ne LA FAVORITE quest’anno, sono  contentissimo di ritornare a celebrare con il popolo italiano l’inizio di un nuovo anno.

Quali sono le arie che canterai?

Canterò “Questa o quella” da RIGOLETTO di Verdi come richiesto dalla Rai  e poi canterò anche “Ah, mes amis quel jour de fête” da LA FILLE DU REGIMENT di Donizetti che adoro..

Ci saranno dei duetti con il soprano Rosa Feola? Quali?

Per ora è in programma solo  “Il brindisi” da LA TRAVIATA di Verdi .

Sei reduce dal successo dell’Otello al San Carlo di Napoli. Come commenti?

Continua...

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages