LA JUNGE DEUTSCHE PHILHARMONIE E JONATHAN NOTT PORTANO IL NOVECENTO AL LINGOTTO

Fondata nel nel 1974, è una delle massime orchestre giovanili europee, nonché un esemplare modello organizzativo che vede i propri membri dividersi in comitati che partecipano alle varie fasi della vita dell’ensemble, al di là del puro aspetto esecutivo. Numerosi suoi elementi, usciti dal gruppo per sopraggiunti limiti di età, hanno dato vita a prestigiose formazioni, tra tutte la Deutsch Kammerphilharmonie di Brema, e ogni anno l’orchestra è ospite della Philharmonie di Berlino, casa dei leggendari Berliner Philharmoniker. Formata da giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni, la Junge Deutsche Philharmonie esordisce nelle stagioni di Lingotto Musica mercoledì 8 marzo 2017 alle 20.30, sotto la guida del suo direttore principale Jonathan Nott, già direttore dal 2000 al 2016 dei Bamberger Symphoniker e attualmente direttore principale anche dell’Orchestre de la Suisse Romande e della Tokyo Symphony Orchestra.


Il programma del concerto, che si svolge presso l’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto (via Nizza 280, Torino), prende le mosse da Maurice Ravel e i suoi Valses nobles et sentimentales, scritti in una prima versione per pianoforte nel 1911 e trascritti per orchestra l’anno successivo dallo stesso autore, opera il cui percorso è segnato da ironia, malinconia ed eleganze, il tutto innestato su un linguaggio armonico di grande raffinatezza. Cuore del programma sono i Kindertotenlieder di Gustav Mahler, ciclo di cinque pagine per voce e orchestra i cui testi furono tratti dall’omonima raccolta di liriche di Friedrich Rückert. Interpretati in questo concerto da Michelle Breedt, mezzosoprano già nota sui massimi palcoscenici internazionali come quelli dei Festival di Salisburgo e Bayreuth, i Kindertotenlieder affrontano il tema del dolore che circonda l’infanzia. Chiude la serata l’ultima Sinfonia, la quindicesima, di Dmitrij Šostakovič, condotta a termina dal compositore nel 1971 ed eseguita per la prima volta a gennaio dell’anno successivo sotto la direzione del figlio Maxim. Pur restando fedele all’universo espressivo del compositore, in questo suo testamento sinfonico fa capolino un carattere giocoso che trova un suo corrispettivo strumentale in un imponente dispiegamento della famiglia degli strumenti a poercussione.

La biglietteria è aperta nei giorni 6, 7 e 8 marzo 2017 in via Nizza 280 interno 41, dalle 14.30 alle 19, e un’ora prima del concerto, dalle 19.30. Poltrone numerata da 27 a 54 euro, e ingressi non numerati da 20 e 13 euro (ridotto per i giovani con meno di trent’anni) in vendita un quarto d’ora prima del concerto secondo disponibilità. Vendite on line su www.anyticket.it. Informazioni: 011.63.13.721.

La stagione 2016-2017 è resa possibile grazie al sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Fiat, Exor, Reale Mutua Assicurazioni, Banca del Piemonte, Lingotto, IPI, Lavazza, Sadem Arriva, Vittoria Assicurazioni, Banca Regionale Europea, Guido Castagna, AON, Generali, Banca Sella, Amiat, PKP Investments.

Comunicato Stmapa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages