Ritorna !Wow! World. Orchestra. Wonderful.

Oltre seimila bambini, molti dei quali dell’ultimo anno della Scuola dell’infanzia; una grande orchestra sinfonica; una celebre fiaba diventata un capolavoro cinematografico; una scenografia “da sogno”, tra castelli incantati e streghe. È la seconda edizione di !Wow! World. Orchestra. Wonderful., lo speciale progetto pensato per avvicinare i giovanissimi alla musica e al grande repertorio sinfonico, realizzato dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in collaborazione con la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, l’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, l’Assessorato all’Educazione e all’Edilizia Scolastica della Città di Torino e la Compagnia Venti Lucenti. Da mercoledì 22 a domenica 26 novembre, presso l’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino, torna la rappresentazione dell’opera musicale Il Mago di OZ di Lyman Frank Baum, con la regia e la scrittura scenica di Manu Lalli, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Pietro Mianiti, il Coro di Voci Bianche delle scuole di Torino e Provincia che hanno aderito al progetto, diretto da Andrea Sardi, e gli attori della Compagnia Venti Lucenti.

Continua...

Programma completo della seconda edizione del festival Donizetti Opera

La seconda edizione del festival Donizetti Opera, a Bergamo dal 22 novembre al 4 dicembre 2017, presenta il programma completo delle sue attività: accanto a due rari titoli operistici donizettianie all’altrettanto inconsueto lavoro di Mayr – Il borgomastro di Saardam, Pigmalione e Che originali! – e ai tre grandi appuntamenti concertistici – con il tenore star del belcanto Juan Diego Flórez (nell’unico appuntamento cameristico in Italia per il 2017), con la Messa di Requiem di Donizetti affidata alla bacchetta di Corrado Rovaris nel magnifico scenario della Basilica di Santa Maria Maggiore, e con Pygmalion di Rousseau, letto dall’antropologo Marc Augé – si svolgeranno una serie di attività che caratterizzeranno la città nelle due settimane di festival nel segno di Donizetti.

Continua...

Attesa per Leif Ove Andsnes che ritorna la Lingotto

«Eleganza, energia e introspezione magistrali», così il «New York Times» descrive lo stile del celebre pianista norvegese che grazie alla sua tecnica e alle sue interpretazioni ricercate, ha ottenuto i massimi consensi in tutto il mondo. È Leif Ove Andsnes che dopo il grande successo di due anni fa torna al Lingotto con un recital che spazia dal classicismo beethoveniano fino alla musica contemporanea. Nato sull’isola di Karmøy, in Norvegia, nel 1970, ha studiato presso il Conservatorio di Bergen città dove vive tuttora e dove tiene una masterclass annuale per gli studenti. Artist in residence della New York Philharmonic Orchestra per la stagione 2017-2018, ha suonato nelle più prestigiose sedi internazionali e lunedì 27 novembre 2017 alle 20.30 sarà il protagonista presso l’Auditorium Giovanni Agnelli (via Nizza 280, Torino) della seconda tappa dei Concerti del Lingotto 2017-2018.

Continua...

Russell Davies e Lucchesini suonano Beethoven e Stravinskij

Debutta sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai il direttore americano Dennis Russell Davies, noto per aver da sempre affiancato al repertorio sinfonico e operistico tradizionale prime esecuzioni e registrazioni di autori contemporanei come Hans Werner Henze, John Cage, Philip Glass e Arvo Pärt, che gli sono valse anche un Grammy Award per Appalachian Spring di Aaron Copland.

Il concerto – in programma giovedì 16 novembre alle 20.30 all’Auditorium Rai Arturo Toscanini di Torino e in collegamento diretto su Radio3 – si apre con l’Ouverture da König Stephan Op. 117 di Ludwig van Beethoven. Il re a cui il lavoro è intitolato è Stefano il “Santo”, colui che ricevette la corona d’Ungheria e la croce apostolica da papa Silvestro II nell’anno Mille per aver diffuso la religione cattolica tra il suo popolo.

Continua...

Aida torna in scena al Comunale dopo 16 anni con la regia firmata da Francesco Micheli e con Frédéric Chaslin sul podio

Una delle opere più amate di Giuseppe Verdi, Aida, torna al Comunale – dal 12 al 22 novembre – nell’applauditissimo spettacolo coprodotto con il Macerata Opera Festival e andato in scena nel cinquantesimo dello Sferisterio nel 2014 e ancora la scorsa estate. La regia è firmata da Francesco Micheli, le scene sono di Edoardo Sanchi, i disegni di Francesca Ballarini, i costumi di Silvia Aymonino e le coreografie di Monica Casadei, interpretate dalla Compagnia Artemis Danza. Sul podio dell’Orchestra del teatro felsineo Frédéric Chaslin, già apprezzato protagonista delle stagioni operistiche e sinfoniche bolognesi; il Coro del Teatro Comunale di Bologna è guidato da Andrea Faidutti. La recita di Aida del 12 novembre sarà registrata e trasmessa in differita da Rai Radio3.

Continua...

L’Orchestra Rai debutta al Teatro alla Scala di Milano

È la voce recitante di Fabrizio Gifuni – noto al grande pubblico per le sue tante interpretazioni teatrali e cinematografiche, tra le quali il film Il capitale umano, che gli è valso un David di Donatello nel 2014 – a narrare Morte di Borromini di Salvatore Sciarrino nel concerto che segna il debutto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai al Teatro alla Scala di Milano. La serata, in programma lunedì 13 novembre alle ore 20, in diretta su Radio3, fa parte del cartellone di “Milano Musica”. Il concerto sarà trasmesso da Rai Cultura in differita su Rai5 giovedì 23 novembre alle 21.15. La 26esima edizione del Festival dedicato alla musica d’oggi è intitolata L’eco delle voci ed è un omaggio al grande compositore palermitano Salvatore Sciarrino, che nel 2017 compie settant’anni.

Continua...

FALSTAFF AL REGIO DI TORINO SOTTO LA DIREZIONE DI DONATO RENZETTI E CON LA FIRMA DI DANIELE ABBADO

Mercoledì 15 novembre, alle ore 20, il Teatro Regio mette in scena Falstaff, di Giuseppe Verdi. A dirigere Orchestra e Coro del Regio, c’è Donato Renzetti. Direttore italiano tra i più apprezzati all’estero, Renzetti vanta una lunga carriera tra l’attività sinfonica, quella operistica e le sedute in sala di registrazione. Tra le importanti orchestre che ha diretto ricordiamo la London Philharmonic, l’English Chamber Orchestra, l’Orchestra del Teatro alla Scala e quella dell’Accademia di Santa Cecilia, al fianco di artisti quali: Diana Damrau, Joyce DiDonato, Juan Diego Flórez, Marilyn Horne, Chris Merritt, Leo Nucci.

Continua...

Andrea Mastroni presenta Melancholia, un viaggio attraverso le grandi arie di Händel

Ai primi di dicembre uscirà per il mercato internazionale Melancholia (Egea Music), un album di arie del più importante compositore del periodo barocco dell’opera italiana, il tedesco naturalizzato inglese Georg Friedrich Händel, che il riconosciuto basso italiano Andrea Mastroni ha da poco registrato insieme all’Orchestra Accademia dell’Annunciata diretta da Riccardo Doni. Questo nuovo disco si concentra su arie poco note pensate per le corde di un basso profondo, soprattutto per il cantante Antonio Montagnana – opere come Ezio e Orlando-, un interprete straordinario che, grazie al suo talento e alle sue doti, ha ispirato al compositore personaggi appositamente creati per un basso, un ruolo che all’epoca aveva poca presenza nel teatro musicale di fronte all’assoluto protagonismo delle primedonne o dei castrati. “Cercando materiale per questo album”, dice Andrea Mastroni, “mi sono trovato di fronte ad una personalità artistica al servizio di una ‘parola scenica’ ante litteram a tutto tondo e di un clima drammaturgico fortemente espressivo”. Il cantante italiano ha voluto incarnare alcuni dei personaggi a cui questo straordinario artista ha dato vita consentendo al genio di Handel la creazione di ruoli dal forte impatto teatrale.

Continua...

Annalisa Stroppa nuovamente tra i protagonisti dell’inaugurazione della stagione della Scala

La carriera del mezzosoprano bresciano Annalisa Stroppa prosegue a vele spiegate attraverso spettacoli nei più grandi ed importanti teatri del mondo e collaborazioni con direttori d’orchestra e registi di fama internazionale. Tra gli ultimi impegni, il ritorno all’Opera di Monte-Carlo con la sua acclamata Rosina ne Il Barbiere di Siviglia, Maddalena nel Rigoletto al Teatro dell’Opera di Amsterdam e il debutto al Festival di Bregenz (Austria) nei panni della popolare protagonista della Carmen di Bizet.
È inoltre consolidato il fruttuoso legame con il teatro alla Scala di Milano, dove, dopo aver debuttato nel 2015 con Otello e con Rigoletto, ha inaugurato la stagione 2016/2017 interpretando il ruolo di Suzuki nella Madama Butterfly, con esito trionfale, rimanendo nel cuore sia del pubblico che della critica, che l’ha definita “la Suzuki che sempre si vorrebbe” (Il Corriere della Sera). Ha inoltre recentemente cantato all’Opera di Astana (Kazakistan) nel ruolo di Meg in Falstaff (Verdi), in tournée con il Teatro alla Scala, all’interno della ripresa di un allestimento già da lei interpretato nella scorsa stagione lirica. In ottobre, sempre sul palco milanese, ha vestito i panni di Fenena del Nabucco (Verdi).

Continua...

Andrea Carè debutta a Valencia con Don Carlo

Andrea Carè, uno dei tenori più importanti della sua generazione, ha appena trionfato al Teatro Real di Madrid interpretanto Pinkerton in Madama Butterfly e Don José in Carmen. Ora prepara il suo debutto al Palau de les Arts di Valencia dove tornerà nei panni del protagonista dell’opera Don Carlo di Verdi, titolo che l’interprete italiano ha già cantato in Canada, Francia e nel leggendario Bolshoi di Mosca. “Si tratta di un personaggio affascinante per la complessità psicologica che rappresenta e per la sua difficoltà vocale e interpretativa, ma credo che si adatti molto bene al mio strumento”, commenta il tenore, entusiasta di cantare quest’opera in Spagna, paese in cui si ambienterà la performance. Questa volta incarnerà l’infante al fianco del Rodrigo di Plácido Domingo, artista con cui Andrea Carè ha cantato in diverse occasioni e con il quale ha inciso Nabucco in DVD (Sony).

Continua...

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages