Piero Nuti al Salone Internazionale del libro di Torino

Sabato 20 maggio ore 17 al Salone Internazionale del Libro di Torino (padiglione 3 stand §80) il tema del “rispetto” sarà al centro della chiacchierata informale tra Piero Nuti, “grande vecchio” del teatro e Irene Mesturino, giornalista e autrice teatrale (entrambi impegnati nella direzione artistica del Teatro Stabile Privato Torino Spettacoli) e Roberto Marra, giovane talento del Liceo Teatrale Germana Erba.

Partecipa inoltre Vittoria Bonioli, anche lei studentessa del Liceo Germana Erba, in scena in questi giorni al teatro Gioiello nel giallo La Tela del ragno, diretto da Piero Nuti.

L’occasione di questa conversazione viene dalla presentazione della pubblicazione curata dal Lions Club Torino Valentino Futura Elogio del rispetto.

Elogio del rispetto è il frutto di un’indagine che ha visto protagonisti gli studenti di alcuni Istituti scolastici di Torino e Moncalieri. Il tema del “rispetto” è stato infatti indagato dai ragazzi delle Scuole secondarie sia di primo che di secondo grado, attraverso momenti di riflessione individuale e condivisa.

Come sottolinea la Lions Teresa Mazzini, “E’ emersa una grave denuncia di “non rispetto” a tutti i livelli” e l’auspicio di “maggior disciplina, maggiore attenzione l’un per l’altro, maggiore tolleranza”.

La raccolta propone un percorso attraverso i pensieri di questi giovani e giovanissimi sul tema della violenza nelle sue purtroppo numerose declinazioni e nei diversi contesti, dalla famiglia, alla strada, agli stadi, agli ambienti di lavoro, alla scuola.

“Un SMS -arrivo in ritardo- mentre guidi… potrebbe non farti arrivare. Fermati!”, a scriverlo è uno degli studenti. Sì, infatti, un’attenzione mirata è riservata al rispetto dell’educazione stradale, un’esortazione che pervade l’intera pubblicazione.

Dal testo emergono valori positivi quali l’ascolto, la libertà, la tolleranza e i doveri civici. D’altronde, l’etimologia è chiara, come sottolinea un altro ragazzo: re (di nuovo) e spicere (guardare). “Guardarsi uno con l’altro fa sì che ognuno di noi si riconosca nell’altro; nell’atto di guardare l’altro con occhi non discriminatori cresce la comprensione”.

Elogio del rispetto è parola, sia dattiloscritta che con la proposta integrale di alcuni temi scritti a mano, ed è comunicazione visiva attraverso una selezione dei disegni più interessanti degli allievi.
Comunicato Stampa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Alessandra Giorda GRDLASN69A44L219V

Realizzato da Escamotages